banner inside 01 de

PIO andata e ritorno - Veröffentlicht von martin_inside

0
×

Achtung

Dieses Event ist vorbei, bleibe mit uns für weitere Events

Event-Informationen

Andrea Castelli - Trento

Commedia in dialetto trentino
Atto unico di e con Andrea Castelli
Regia di Andrea Castelli
Produzione TRENTO SPETTACOLI di TRENTO

Un viaggio di due amici nel presepio dell’ex professor Severini, che sono andati a salutare per Natale.

Andrea Castelli lo ripropone, assieme agli animali parlanti, causa mutazioni genetiche misteriose, che nel viaggio lo accompagneranno: Helmut, l’elefante tedesco, Seppele il cammello della val Gardena, Rolfi, il cane da guardia e Bruno, l’orso di poche parole. Pio e l’amico Alcide, entrano così nel magico mondo del presepe che il loro vecchio professore allestisce ogni anno a Natale. Un viaggio iniziatico dove la meta forse non è l’obiettivo finale perché è più importante quel che succede durante...

Tags

Kontakte :

Datum und Uhrzeit des Events :

Veröffentlicht von :

Könnte dich auch interessieren :

  • Dog Rising è costruito come una polifonia in cui i corpi pulsano. La coreografa canadese Clara Furey si concentra sul viaggio delle vibrazioni sonore attraverso le ossa, sull'assorbimento degli urti da parte del nostro scheletro. Costruisce un'architettura del piacere. L'empatia e l'ascolto attento delle esigenze del corpo alimentano questo trio abitato. Lavorando sul movimento nel tempo, liberano la tensione insistendo sulla ripetizione di loop all'infinito. Dog Rising vi invita a un viaggio fisico estremo, una spirale incantata, ossessionante e penetrante. CIRCUITO DANZA TANZNETZ logo rgb ideazione e direzione artistica Clara Furey coreografia Clara Furey in collaborazione con Be Heintzman Hope, Brian Mendez & Winnie Ho performer Baco Lepage-Acosta, Be Heintzman Hope, Brian Mendez ripetitore Lucie Vigneault composizione musicale Tomas Furey lighting design Karine Gauthier direzione tecnica Jurjen Barel occhio esterno Peter Jasko, Dana Michel, Christopher Willes, Caroline Monnet fotografia e video Mathieu Verreault sviluppo A propic | Line Rousseau, Marion Gauvent & Lara van Lookeren produzione Clara Furey produzione esecutiva Parbleux coproduzione Atelier De Paris – Cdcn (Francia), Cd Spectacles (Gaspe?, Canada), Centre Chore?graphique National d’Orle?ans – Direction Maud Le Pladec (Francia), Festival Transame?riques (Montre?al, Canada), La Briqueterie – Centre de De?veloppement Chore?graphique National du Val-de-Marne (Vitry-Sur-Seine, Francia), La Rotonde (Que?bec, Canada), New Baltic Dance (Vilnius, Lituania) Partner e sostenitori Parbleux (Montre?al, Canada), l’Écart – Art Actuel (Rouyn-Noranda, Canada), Danse à la Carte (Montre?al, Canada) La creazione di quest’opera è stata possibile grazie al sostegno finanziario di Conseil Des Arts Du Canada, Conseil Des Arts Et Des Lettres Du Que?bec & Conseil Des Arts De Montre?al durata: 60 minuti
  • con Lunetta Savino > e con Andrea Renzi > di Florian Zeller > regia Marcello Cotugno > produzione Compagnia Moliere in collaborazione con Teatro Quirino ATTENZIONE: I POSTI PER QUESTO SPETTACOLO SONO ESAURITI Ne “La Madre” Zeller indaga con estrema acutezza il tema dell’amore materno e le possibili derive patologiche a cui può condurre. La partenza del figlio, ormai adulto, viene vissuta dalla donna come un vero e proprio tradimento, come abbandono del nido, a cui si aggiunge una decadenza dell’amore coniugale in atto da tempo. Anna, la madre, è ossessionata da una realtà multipla, una sorta di multiverso della mente, in cui le realtà si sdoppiano creando un’illusione di autenticità costante in tutti i piani narrativi. Il mondo di Anna è un luogo in cui lei non si riconosce più, isolata da un ménage familiare che l’ha espulsa. Ma la responsabilità di questa solitudine non sta forse anche nell’aver rinunciato alla vita? Abdicare ai sogni, alle speranze e ai desideri unicamente per dedicarsi al proprio unico figlio maschio su cui riversare frustrazioni, rimorsi e ideali d’amore non è forse un cammino che inclina pericolosamente verso la disperazione? Ma dai ricordi di Anna si può immaginare un risveglio? Nella sua mente di madre si affastellano ora sequenze oniriche ora situazioni iperrealistiche che, alla fine, non sembrano essere né un vero sogno, né la banale realtà del presente, ma una vertigine ipnotica e crudele dalla quale risvegliarsi è impossibile. Nella società liquida e levigata di Zygmunt Baumann e Byung Chul Han il senso di colpa non basta più a tenere vicini i figli. Nel dolore del lasciarli andare, per una madre, c’è tutta l’accettazione della vita nel suo divenire, c’è del lasciar andare una parte di sé per rinascere nel distacco. Rassegna In Scena 23/24 - Teatro Cristallo in collaborazione con Teatro Stabile di Bolzano
  • Nach längerem Rückzug in die Wälder des Tisner Mittelgebirges, ließ sich der Kupferstecher und ehemalige Kabarettist Dietmar Gamper, auf wiederholtes Drängen von Seiten der Allgemeinheit hin, dazu überreden auf die Kleinkunstbühne zurückzukehren. Er rechnet mit seinen, in der Vergangenheit geschaffenen Figuren ab, die ihn bis zum heutigen Tage verfolgen. In Ermangelung von Ideen und Einfällen erzählt Gamper in seinem neuen Solostück die Wahrheit und nichts als die unverhüllte Wahrheit, in der Hoffnung, dass sich seine einst erschaffenen Figuren in diese nicht einmischen. Ein sehr persönliches Stück über eine wahre Geschichte, die aus verschiedenen Blickwinkeln erzählt wird. Was am Ende die Wahrheit ist, bleibt den Zuschauenden überlassen. Makaber, grotesk, bitterböse und wahr. Ein Gamperstück.