antichi egizi trevilab

LA STRANA STORIA DEL DR. JEKYLL & MR. HYDE - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

TeatroImmagine (Salzano - VE)

commedia in dialetto veneto di Benoit Roland e Roberto Zamego - da R.L. Stevenson.

Regia di Benoit Roland

Perché il « Dottor Jekyll & Mr. Hyde » ?

Quando ho riletto “Lo strano caso del Dottor Jekyll e Mr. Hyde”, scritto nell’800 dallo scrittore inglese R.L. Stevenson, mi sono fatto avvolgere dall’atmosfera londinese, a tal punto di sentirne gli odori delle strade e del Tamigi, i rumori dei passi e dell’acqua, le luci dei lampioni e delle case di notte, il tutto ovattato dalla nebbia.
Subito mi son venuti alla mente immagini di Venezia, i rumori dei passi nelle calli buie, l’acqua dei canali, la sirena dell’acqua alta, il torpore delle luci dei palazzi e dei campielli. La nebbia londinese somiglia stranamente al “caigo” veneziano, a tal punto che le due città si possono fondere e confondere l’una con l’altra. E da qui è partita la mia rivisitazione di questo romanzo. Dalla bruma londinese escono il Dottor Jekyll e Mr Hyde e dal “caigo” veneziano sono usciti il Dottor Jacopo e Miss Heydi, Ottone e Tellurio, ma anche Teodolinda e Lucilla, Pantalone e Fontego.
A differenza di R.L. Stevenson, per lo spettacolo non ho voluto lavorare sul lato “cupo e malvagio” del protagonista, ma sul contrario del carattere del personaggio, sull’antinomia, sull’opposto.
Abbiamo affrontato le prove con l’intento di dare un senso a quest’ambivalenza dataci dal romanzo originale, utilizzando la chiave di lettura e di gioco della Commedia dell’Arte. Grazie a quattro brillanti attori, che prendono di petto questo tema interpretando, quasi in modo schizofrenico, il loro personaggio e il suo contrario, abbiamo fatto nostra questa storia. Ancora una volta il testo diventa solo un pre-testo per immaginare nuove situazioni, per parlare di temi attuali, per giocare e per divertirci con il pubblico e con la maschera, ovvero con le nostre personali “pozioni”, che ci permettono per il tempo dello spettacolo di diventare qualcun altro. (Benoit Roland)

PREZZI

Abbonamento n. 09 spettacoli € 60,00
Abbonamento ridotto n. 09 spettacoli € 40,00
Biglietto singolo spettacolo € 9,00
Biglietto ridotto € 7,00

Riduzione per ragazzi under12 anziani over 65 anni - soci UILT
(gruppi organizzati, circoli ecc. solo per abbonamenti e per un minimo di n. 10)

ABBONAMENTI E BIGLIETTI IN VENDITA

Presso SEDE della FILODRAMMATICA DI LAIVES - Via Pietralba, 37 dalle ore 9 alle ore 12
I POSTI IN ABBONAMENTO E I BIGLIETTI PRENOTATI SARANNO NUMERATI E VERRANNO RISERVATI FINO ALLE ORE 20,45
E' possibile prenotare (anche telefonicamente – segreteria telefonica) i biglietti presso la sede della Filodrammatica o il giorno dello spettacolo presso la cassa del Teatro a partire dalle ore 20,00


ENTRATA SECONDO LE NORME ANTICOVID DEL MOMENTO

ACQUISTO E PREVENDITA BIGLIETTI PRESSO

• FILODRAMMATICA di LAIVES, via Pietralba, 37 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.
• TEATRO CRISTALLO di BOLZANO, via Dalmazia, 30/a Lun/ven. 16.30-18.30 gio/sab. 10.00/12.00 - tel. 0471 1880789
• ASS. TURISTICA LAIVES BRONZOLO VADENA, via Kennedy, 88 8.30-12.30 /14.00-18.00 sab. 9.00-12.00 - tel. 0471 950420

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • GEISTESBLITZ Sabine Raffeiner_IT video+performance Prima assoluta Ai versi del poeta Paolo Quarta si ispira la coreografa Sabine Raffeiner, in una partitura che rivela, nel bene e nel male, le complesse somiglianze e differenze tra gli esseri umani, la loro resilienza e unicità. Sul palcoscenico del teatrodanza multimediale i ballerini Hugo Olagnon e Giulia Manica si fanno interpret? di musica e testo, esplorando in profondità emozioni ed idee che dialogano in un dinamico gioco di armonie e contraddizioni mentre le immagini di Christian Lang, proiettate a fondo palco, aprono nuove prospettive sulle vicende rappresentate in scena. Spesso tuttavia il diaframma tra le proiezioni e la danza si dissolve, sciogliendo in un unico tutto contraddizioni e corrispondenze. Since 1986 dance teacher and choreographer at the ASV Ballet School Arabesque Merano. She is active as a dancer and choreographer, with more than 25 productions and performances in Merano, in the province of Bolzano, Milan and in Chiavenna (Lombardia) and Calcio (BG). She was awarded the "Premio Fersen alla Regia 2016" for the direction of the short piece "Ho dei bei piedi - Ich habe schöne Füße". Concetto: Sabine Raffeiner, Christian Lang, Paolo Quarta Coreografia: Sabine Raffeiner, Hugo Olagnon, Giulia Manica Interpret?: Hugo Olagnon, Giulia Manica Foto, Video: Christian Lang Musiche e suoni: Christian Lang Regia luci: Sabine Raffeiner, Crealight/Julian Marmsoler Produzione, regia, costumi: Sabine Raffeiner Drammaturgia: Paolo Quarta Con il sostegno di Abteilung für Deutsche Kultur der Autonomen Provinz Bozen Con il gentile supporto di ASV Ballettschule Arabesque Meran; Maria Katzlinger; Martin Telser VON ANFANG AN DER DREIKLANGFANG Marion Sparber_IT/DE & IDEA - Tanz Theater Performance_IT performance Prima assoluta Von Anfang an der Dreiklangfang prende in esame il concetto di triade, chiedendosi come si può trarre beneficio da questa particolare geometria triangolare. Spesso le costellazioni a tre sono viste come problematiche sia nella vita reale che nella letteratura, basti pensare all'Iliade, ad Otello, al Woyzeck, o ai grandi romanzi di Tolstoj e Dostoewskij. Tutt'altro accade però nella performance di Marion Sparber, che nel doppio ruolo di coreografa e danzatrice intende guardare alla triade come ad una configurazione positiva, senza rimanerne incastrata. Attraverso un serrato accompagnamento musicale e un'intensa ricerca sul movimento, questo pezzo diventa un vero studio sul numero dispari tre, retto sull'argomentazione e lo scambio dialettico, lasciando spazio ad un ampio spettro di emozioni e sottolineando così l'energia positiva della triade. Originally from South Tyrol, Marion Sparber trained in dance at Varium (Barcelona) and Iwanson School (Munich). Since 2014 she has been working as a choreographer. Thanks to a grant from South Tyrol, she has been able to develop her own work, which has been performed at several international theatres and festivals in Europe, South and North America, as well as in Asia. Many of Marion's choreographies are a playful combination of highly physical dance, dance theatre, live music, video and photo projections interspersed with circus elements. Concetto e regia: Marion Sparber Coreografia: Marion Sparber in collaborazione con i danzator? Intepret?: Marion Sparber, Efthymia Chatzakou, Alan Fuentes Guerra Foto, Video: Dimitris Kalaitzidis Musiche e suoni: Stefano Ciardi Regia Luci: Crealight/Julian Marmsoler Costumi: Marion Sparber Produzione: IDEA – Tanz Theater Performance, Doris Plankl Con il sostegno di Abteilung für Deutsche Kultur der Autonomen Provinz Bozen, Regione Trentino Alto Adige, Fondazione Cassa di Risparmio, Comune di Bolzano CYCLIC BLISS Anastasia Kostner_IT/NL performance Prima italiana Questa performance è un'ode alla femminilità. Viene rappresentata la donna e la ciclicità della sua natura, esplorando i diversi aspetti di questo ciclo biologico ancora considerato in molte culture un tabù ed associato alla vergogna e all'impurità. Per via di sostanze nocive come i pesticidi, sempre più diffusi nell'ambiente, e del crescente stress dovuto a ritmi di vita sempre più innaturali, aumenta il numero di donne che soffrono di scompensi ormonali. Nella performance le tre danzatrici percepiscono il bisogno di adottare un ritmo più lento e ritrovare l'equilibrio perduto. Cyclic Bliss immerge così il pubblico in un'esplorazione delle diverse fasi del ciclo femminile, invitandolo a riflettere sui propri ritmi e modelli e aprendo così squarci sorprendenti su un concetto che potrebbe definirsi "beatitudine ciclica". Anastasia Kostner is a dancer, choreographer and certified Rolfer based in Amsterdam who has met with widespread national and international acclaim as a performer. Since 2012 she has been part of Martina Marini’s Italian dance company Tanzschmiede/Fucinadanza. She choreographed Between Two Hands (NL) and Transart (IT), and won the Anticorpi award for young dance makers in Italy. Concetto, coreografia: Anastasia Kostner Interpret?: Sabrina Fraternali, Camilla Bundel, Anastasia Kostner Regia: Sandra Kramerova Foto, Video: Jacco Groen Musiche e suoni: Paulina Sophie Kiss Regia luci: Mirco Lazovic Costumi: Hayley Adams Con il sostegno di Provinzia Autonoma De Bulsan – Südtirol – Cultura Ladina Con il gentile supporto di Felicitas Schweizer THE BIRDCAGE Emma Giuliani_IT/DE tanzfilm Prima italiana Quest'opera sperimentale di video-danza racconta le sofferenze di un giovane uomo e la sua sensazione di essere prigioniero del proprio corpo. Estraniato da un mondo che appare come una messa in scena, il protagonista vive isolato nel suo corpo immobilizzato. Nello sforzo di liberarsi si lancerà alla ricerca della perduta vitalità. Emma Giuliani is an Italian cinematographer based in Berlin. She started making films at the age of 5 in Auer/Ora and later decided to move to Berlin to pursue this passion. In 2022 she completed her Bachelor's degree at Catalyst Institute for Creative Arts and Technology, gathering experience on more than 40 projects. She currently works as a freelancer in narrative, documentary and commercial projects. She is particularly interested in movement and dance in film. Her graduation film "The Birdcage" will be screened at the Cyprus International Film Festival and thereafter at other venues worldwide. Regia, riprese, montaggio: Emma Giuliani Coreografia: Vanessa Morandell Interpret?: Luis-Felipe Julio Barrera, Valentina Radmann, Vanessa Morandell Musiche: Olivia Mamberti Regia luci: Benno Schivari Costumi: Paris Tutera Scenografia: Lillian Ceben Con il sostegno di Catalyst Institute for Creative Arts and Technology (Berlin) Con il gentile supporto di Gärtnerhaus Ramin, Gutshaus Ramin
  • Das Freie Theater Bozen ist mit Michael Endes zauberhaftem Märchen auf Südtirol-Tournee! Kommen Sie mit in eine Welt, in der der Gesellschaft auf die bunteste Art und Weise der Spiegel vorgehalten wird.
  • Das Freie Theater Bozen ist mit Michael Endes zauberhaftem Märchen auf Südtirol-Tournee! Kommen Sie mit in eine Welt, in der der Gesellschaft auf die bunteste Art und Weise der Spiegel vorgehalten wird.