banner inside 01 it

Edit Meraner. Tod eines Künstlers - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Der Debütroman von Edit Meraner
Edit Meraner. Tod eines Künstlers
Laurin 2024
Erstpräsentation

Nicht nur Touristen lieben Südtirol, die wunderschöne Landschaft, das Essen, den Wein, die Kultur, die Architektur, die Natur und die Panoramen. Der Mix aus alpiner Berglandschaft und mediterraner Lebensart fasziniert auch Staatsanwalt Jacob Morandt, den eines Morgens in seiner Wohnung im Herzen von Bozen beim Zubereiten eines heißen Espresso der Anruf des Oberstaatsanwalt erreicht: Er berichtet ihm vom Tod des Ku?nstlers Thomas Thaler, der am Vortag von einem der oberen Stockwerke des wiederero?ffneten Museums in die Tiefe gestu?rzt war und informierte ihn daru?ber, dass er ihm den Fall zugeteilt hat. Warum musste der Maler sterben und noch dazu am Tag der Eröffnung im Kunstmuseum?

„Anna Mair lebte in Salzburg. Sie hatte Su?dtiroler Wurzeln, denn ihre Großmutter stammte aus Bozen. Ab und zu kam sie nach Su?dtirol: Im Herbst zur To?rggelezeit, wenn in den Gaststuben und Kellern Schlachtplatten und Kastanien in allen Variationen angeboten wurden oder im Fru?hjahr zur Blu?tezeit, wenn es langsam warm wurde und man schon im Freien sitzen und einen Veneziano oder Hugo genießen konnte, wa?hrend in Salzburg noch der Winter das Sagen hatte. Bisher hatte sie nie die Zeit gefunden, ihre Freundinnen perso?nlich zu treffen. Doch dies war in der virtuellen Welt nichts Ungewo?hnliches. Stattdessen postete sie intensiv und regelma?ßig Nachrichten und hatte Freundschaften zu Personen der Su?dtiroler Kunstszene geschlossen.“

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • Buch „Fräulein, bitte zahlen“ ISBN 978-88-6839-707-4, Athesia Verlag, 164 Seiten, 16,90 Euro Autorinnen: - Sigrid Mahlknecht Ebner wohnt in Girlan, Studium der Betriebswirtschaftslehre in Innsbruck, in der Südtiroler Landesverwaltung tätig. Autorin des Buches „Kluges Köpfchen“ (Athesia 2013) - Katharina Weiss wohnt mit ihrer Familie in Rabland, Studium der Politikwissenschaften und Geschichte in Innsbruck Gemeinsame Bücher: Harte Jahre – starke Frauen“ (Athesia 2015) und „Himmelschlüssel“ (Athesia 2017)
  • Una coproduzione de KulturKontakt Eppan e l’associazione culturale TEMA Per gli amici della danza, KulturKontakt Eppan, in coproduzione con l’associazione culturale TEMA, offre una serata di classe. Oona Doherty, la coreografa di Belfast, è la nuova stella cadente della scena della danza e sarà ospite ad Appiano il 22 giugno 2024. Da quando ha ricevuto il Leone d'Argento alla Biennale di Danza di Venezia, è diventata uno dei nomi più importanti del suo genere. Con "Navy Blue" ha ottenuto un grande successo, come conferma l'esperta di danza Veronika Riz: "Ho visto il pezzo a Londra e sono rimasta assolutamente entusiasta. Navy Blue è uno spettacolo di danza incredibilmente emozionante, con dodici ballerini tecnicamente molto qualificati, un'estetica e una poesia incredibili e anche uno sfondo politico. In breve: un pezzo che ti entra nella pelle". Nata a Londra nel 1986, Doherty ha già all'attivo quasi una dozzina di lavori, anche se non ce ne sono due uguali. Influenzata dal periodo trascorso nella compagnia di danza sperimentale olandese T.R.A.S.H., Doherty è nota per il suo realismo grintoso, l'impressionante stile di movimento e l'atteggiamento impavido con cui affronta temi controversi che vanno dalla mascolinità della classe operaia all'impatto della religione sulla sua città natale. Oona Doherty si è formata nella danza nella capitale britannica e dal 2010 è stata in tournée con diverse compagnie contemporanee in Inghilterra e nel continente. "Doherty cerca tra i suoi artisti menti critiche e affini. [...] 'Navy Blue' è un tentativo di trasformare la solitudine e la depressione in creatività e diventa un'esperienza teatrale travolgente. Le prime battute del secondo concerto per pianoforte e orchestra di Rachmaninoff si alzano, mentre il movimento entra nei corpi...", come descrive la recensione della Süddeutsche Zeitung l’opera. Quando: 22 giugno, ore 20.00 Dove: Sala Culturale di Appiano Prenotazioni e prevendita biglietti: www.ticket.bz.it Tel. 0471 053 800 info@ticket.bz.it
  • "L’opera “Mutternichts” di Christine Vescoli è unica nel suo genere. Con toni spesso turbati, dolenti e anche accusatori, l’autrice trasforma la sua visione del rapporto madre-figlia in alta letteratura. Un libro meraviglioso, ostinato, che scava e spazia al tempo stesso, ma soprattutto molto diverso da quello che si usa scrivere oggigiorno. Magnifico, sorprendente, triste e coraggioso, questo romanzo offre, ad ogni pagina, molteplici prospettive. Molto bello." (Michael Krüger – scrittore, editore e traduttore). Dietro le spalle di sua madre c’è sempre stato, in tutta la sua vita, un nulla avvolgente, imperscrutabile. Dopo la sua morte, la figlia inizia a indagare, vuole capire cosa sua madre nascondesse del proprio passato, cosa avesse sempre taciuto. I miseri indizi di cui dispone – pochi racconti, ricordi sussurrati, qualche fotografia e ritaglio di giornale – le devono bastare per ricostruire l’infanzia dura e fredda di sua madre, trascorsa in un maso a lei estraneo e in una valle sperduta dell’Alto Adige. Chi era sua madre? Accostandosi piano piano a quel passato, la voce narrante si chiede continuamente se quella che sta raccontando è davvero la verità o se invece è una ricostruzione diversa, una realtà creata dalle parole scelte, che non coincide con la vera vita di sua madre. “Mutternichts” è l’intenso e poetico romanzo d’esordio di Christine Vescoli, che riprende in un’ottica nuova un rapporto senza tempo come quello d’amore tra madre e figlia. Christine Vescoli, bolzanina di nascita, studia letteratura tedesca e storia dell’arte a Vienna. Svolge attività di lettorato e insegnamento nei licei e lavora come pubblicista nell’ambito della critica letteraria per la “Neue Südtiroler Tageszeitung”. Dal 2009 è coordinatrice di Literatur Lana e curatrice delle giornate letterarie di Lana. Modera l’incontro con l’autrice Katrin Hillgruber, critica letteraria e giornalista free lance di Monaco. Un evento congiunto della Biblioteca provinciale “Dr. Friedrich Teßmann” e del Südtiroler Künstlerbund. ORE 20:00