Utente : martin_inside

Eventi di : martin_inside

0
Music
Mercoledì, 06 Nov 2024 21:00

BRYAN ADAMS: IL ROCKER CANADESE AGGIUNGE BOLZANO COME SECONDA DATA ITALIANA ALL’INTERNO DEL SUO TOUR EUROPEO TUTTE LE HITS DI UNA CARRIERA STRAORDINARIA E I BRANI DELL’ULTIMO ALBUM UN EVENTO DA NON PERDERE Superstar Bryan Adams Bryan Adams aggiunge Bolzano al suo tour europeo So Happy It Hurts, con uno show che si terrà alla Sparkasse Arena e che includerà sia i brani dell’ultimo album omonimo, sia le innumerevoli hits con cui la star canadese ha occupato le classifiche di tutto il mondo negli ultimi 40 anni. Summer of 69 Da Heaven a Summer of 69, da Please Forgive Me e Run To You, la carriera del songwriter canadese è costellata da brani rimasti indelebili nei cuori dei fan di tutto il mondo e dello stesso pubblico italiano. Il tour europeo toccherà anche Bolzano, per un’imperdibile serata evento all’insegna del rock. Bryan Adams è conosciuto per essere uno dei musicisti più entusiasmanti nelle esibizioni dal vivo, la sua naturale presenza scenica e la sua voce incredibile sono garanzia di emozione e divertimento. L’artista canadese ha all’attivo 17 studio album, tra cui l’ultimo “So Happy It Hurts”(nominato per un Grammy), “Pretty Woman – The Musical”, Classic pt. I e pt. II, che contengono nuove registrazioni dei suoi più grandi successi. Le sue canzoni gli hanno fruttato numerosi premi e riconoscimenti, tra cui tre candidature agli Oscar, cinque nomination ai Golden Globe, un Grammy Award e 20 Juno Awards. Bryan Adams continua a girare il mondo in tour suonando la sua musica che è ormai da anni una presenza fissa in tutte le rock radio.

0
Music
Lunedì, 16 Set 2024 20:30

PROGRAMMA Franz Liszt (1811-1886) da Années de Pèlerinage: Sposalizio Au bord d úne source Les jeux d´eaux a la villa d´este Giacomo Puccini (1858-1924) Per il 100° anniversario della sua morte Crisantemi: Andante mesto Minuetto Nr. 1: Moderato Robert Schumann (1810-1856) Piano Quintet Op.44 in mi bemolle magg.: Allegro brillante In modo d’una marcia. Un poco largamente Scherzo: Molto vivace Allegro ma non troppo Christoph Soldan pianoforte Ivo Crepaldi Violino Andrea Ferroni Violino Alexander Monteverde Viola Ivo Brigadoi Cello

0
Sport
Sabato, 14 Set 2024 08:30-16:00 |

Sei un amante della bicicletta e delle Dolomiti? Allora non perdere l'appuntamento con il Sellaronda Bike Day, la giornata della bici attorno al gruppo del Sella. Per l'occasione le strade e i passi della famosa Sellaronda saranno chiusi al traffico motorizzato dalle 8:30 alle 16:00 e riservati ai ciclisti. Per pedalare sugli iconici passi dolomitici Gardena, Sella, Pordoi e Campolongo non è necessario iscriversi e non c’è un punto di partenza fisso. Ognuno è libero di organizzare la sua giornata sulla bici secondo i propri desideri e capacità. Che sia una sfida sportiva oppure una gita su due ruote con amici o famiglia: partecipa anche tu e goditi i suggestivi paesaggi dolomitici lungo il percorso. La lunghezza totale del tour è di 53 chilometri e se completi l'intero percorso supererai un dislivello totale di 1600 metri. Potrai gestirti la giornata come meglio ti aggrada, interrompendo il tour quando preferisci. Appuntamenti 2023: sabato 10 giugno 2023 e sabato 16 settembre 2023.

0
Others
Sabato, 07 Set 2024 14:30

Evento di beneficenza: migliaia di paperelle "nuotano" nel tratto del Passirio tra ponte della Posta e ponte Teatro. Con la 6a Gara delle Papere i service club di tutto l’Alto Adige hanno unito le forze per raggiungere due dei loro obiettivi primari: fare del bene e regalare il sorriso. 14:30 Gara delle papere degli sponsor 15:15 Gara delle papere-premium 15:30 Gara delle papere-fortunate 16:00 Piazza Terme: cerimonia di premiazione, consegna delle donazioni e distribuzione dei premi. La vostra partecipazione e le vostre donazioni daranno un prezioso contributo a sostegno di importanti associazioni e iniziative benefiche dell’Alto Adige. Quest’anno gran parte del ricavato andrà alla Vinzenzgemeinschaft Alto Adige.

0
Music
Giovedì, 05 Set 2024 21:00

Umberto Tozzi presenta “L’ULTIMA NOTTE ROSA THE FINAL TOUR” il tour mondiale Pevendite a Bolzano: nelle librerie Athesia Online: www.ticketone.it Trento: Promoevent, Radio Dolomiti TRENTINO SUMMER FESTIVAL 2024 Umberto Tozzi e “L’ultima notte rosa”, il tour mondiale Dopo 50 anni di una carriera costellata di successi e riconoscimenti in Italia e nel mondo, più di 80 milioni di dischi venduti e oltre 2000 concerti, UMBERTO TOZZI dà il suo addio alla scena live con uno straordinario tour mondiale, “L’ULTIMA NOTTE ROSA THE FINAL TOUR” che attraverserà 3 continenti tra il 2024 e il 2025. L’artista celebrerà l’imperdibile gran finale dedicando al pubblico italiano due date evento in cornici magiche e suggestive, il 20 giugno alle Terme di Caracalla di ROMA e il 7 luglio in Piazza San Marco a VENEZIA. Seguiranno in Italia altre 24 date speciali. L’annuncio a sorpresa il 15 marzo 2024 al Teatro L’Olympia, la sala concerti più antica di Parigi, un auditorium tra i più prestigiosi del mondo, palco che l’artista ha calcato per tre volte, l’ultima delle quali a gennaio 2024, e che sarà una delle immancabili tappe de “L’ULTIMA Notte rosa THE FINAL TOUR”. L’ultima occasione per vivere le emozioni dei live di Umberto Tozzi sarà una sequenza di oltre 50 spettacoli indimenticabili in location d’eccezione che toccheranno ben 3 continenti: Europa, America e Oceania. Accompagnerà l’inconfondibile voce dell’artista un’orchestra di 21 elementi. Un icona della musica italiana Cantautore e musicista carismatico e creativo, Umberto Tozzi grazie alle sue hit senza tempo è diventato un’icona della musica italiana e ha attraversato e appassionato intere generazioni, riempendo con i suoi concerti i più importanti spazi del mondo dedicati alla musica con il suo pubblico fedele e trasversale. Sono numerosi i record in termini di successi discografici che hanno caratterizzato la vita artistica di Tozzi, a partire da “Ti Amo”, indimenticabile brano del 1977, capace di rimanere ai vertici delle classifiche per più di sette mesi, stracciando ogni record di vendita e vincendo l’edizione di quell’anno del Festivalbar, ha attraversato ogni confine con le sue numerose reinterpretazioni, fino ad arrivare a essere al centro di una delle scene clou della fortunata serie “La casa di carta 4”. Impossibile non citare la super hit mondiale “Gloria” – scelta per la colonna sonora del film di Martin Scorsese “The Wolf of Wall Street”, ma anche per il film cult “Flashdance” diretto da Adrian Lyne – che porta il nome di Umberto Tozzi oltreoceano grazie all’interpretazione del brano realizzata da Laura Branigan nel 1982 e che si posiziona al numero 1 della classifica americana rimanendo nella classifica Billboard Hot 100 per 36 settimane. E ancora “Si può dare di più”, “Gli altri siamo noi”, “Gente di mare”, “Dimmi di no”, “Stella Stai”, “Donna amante mia”, “Claridad” (incisa da Luis Fonsi) ed “Eva”, portata al successo in tutta l’America Latina da Ivete Sangalo. Il 1982 è l’anno in cui riceve il Golden Globe, premio ottenuto con oltre 27 milioni di copie vendute in soli 5 anni e anche l’anno in cui è nominato ai Grammy Awards con “Gloria” cantata da Laura Branigan. Dopo la vittoria del Festival di Sanremo nel 1987 con “Si può dare di più” insieme a Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri, nel 1988 raggiunge il terzo posto all’Eurovision Song Contest con “Gente di Mare” insieme a Raf. L’ennesimo esempio di come l’arte di Umberto Tozzi abbia da sempre scavalcato tutti i confini, geografici, temporali e soprattutto culturali, è il numero impressionante di capolavori cinematografici e serialità televisive che in questi 50 anni di carriera hanno scelto le hit del cantautore come colonna sonora: “I NUOVI MOSTRI” di Mario Monicelli, Dino Risi ed Ettore Scola (1977), “FLASHDANCE” di Adrian Lyne (1983), “ASTERIX E OBELIX Missione Cleopatra” di Alain Chabat (2002), “HOSTEL” di Quentin Tarantino (2005), “THE WOLF OF WALL STREET” di Martin Scorsese (2013), “GLORIA BELL” di Sebastian Lelio (2018), “TONYA” di Margot Robbie (2018), “SPIDER MAN FAR FROM HOME” di Jon Watts (2019) e “LA CASA DE PAPEL 4” di Jesus Colmenar (2020), “SUPERSEX” di Matteo Rovere, Francesco Carrozzini e Francesca Mazzoleni (2024) e “GRISELDA” di Andrés Baiz (2024). Tantissime e indimenticabili le collaborazioni che negli anni Umberto Tozzi ha collezionato con grandi artisti italiani, come Mogol, Dalida, Eros Ramazzotti, Gianni Morandi, i Pooh, Raf, Monica Bellucci, Enrico Ruggeri e Marco Masini, e internazionali, con nomi del calibro di Anastacia, Francis Cabrel, Laura Branigan, Sergio Dalma, Howard Carpendale e tanti altri. In occasione dell’annuncio dell’ultimo tour della carriera una nuova importante collaborazione è stata presentata in anteprima: una versione speciale e inedita della hit “Donna amante mia” in cui Umberto Tozzi duetta con il cantautore e polistrumentista, fondatore dei Negramaro, Giuliano Sangiorgi, che ha anche prodotto il brano. “Donna amante mia” è disponibile sulle piattaforme digitali da venerdì 22 marzo, in concomitanza con la pubblicazione del videoclip su YouTube (canale ufficiale VEVO Umberto Tozzi). Dopo il debutto a Malta del 17 maggio, gli appuntamenti dal vivo de “L’ULTIMA Notte rosa THE FINAL TOUR” proseguiranno in Romania per poi arrivare finalmente in Italia con le due straordinarie date evento il 20 GIUGNO a ROMA alle TERME DI CARACALLA e il 7 LUGLIO a VENEZIA in PIAZZA SAN MARCO che saranno seguite da altre 24 tappe nel nostro Paese tra luglio e ottobre 2024. Nel mondo si susseguiranno invece le date in Francia, Germania, Bulgaria, Svizzera, Austria, Belgio, Canada, Stati Uniti d’America e Australia.

0
Music
Sabato, 31 Ago 2024 21:00

Unico concerto estivo in Alto Adige per il 2024 con Herbert Pixner: Sabato 31 agosto il Herbert Pixner Projekt sará in concerto a Bressanone in Piazza del Duomo. Prevendita: in tutte le librerie Athesia online: www.ticketone.it Herbert Pixner il polistrumentista Lo chiamano Jimi Hendrix della musica folk o Frank Zappa delle Alpi. Viene paragonato a Piazzolla e Paganini, eppure il musicista altoatesino ha creato e sviluppato negli anni uno stile musicale assolutamente inconfondibile. Stiamo parlando di Herbert Pixner, polistrumentista, compositore, produttore e omonimo dell’Herbert Pixner Projekt. Insieme ai suoi congeniali compagni di palco Manuel Randi (chitarre), Heidi Pixner (arpa) e Werner Unterlercher (basso), l’Herbert Pixner Projekt è da quasi vent’anni uno dei rappresentanti di maggior successo della “new and progressive folk music”. Il Herbert Pixner Projekt Da anni iil quartetto entusiasma un pubblico sempre più numeroso con dolcezza giocosa e lasciva, potenti riff rock e blues, tecnica brillante ed estrema gioia di suonare. Il complesso crea tappeti sonori complessi, e da spazio ad armonie che raccontano una dolce malinconia, ma anche esplosioni che non si fermano davanti a nulla. Il loro sound è minimalista, robusto, epico e autentico. Con questa miscela non convenzionale, l'”Herbert Pixner Projekt” elettrizza il suo pubblico ad ogni concerto.

0
Partyzone
Sabato, 31 Ago 2024
L'evento si tiene dal 31 Ago 2024 al 02 Set 2024

Il primo fine settimana di settembre festeggiamo la Sagra della Val Sarentino. Durante il sabato e la domenica si svolgono sfilate di carri allegorici, esibizione di gruppi folk, fanfare a cavallo, concerti di bande musicali, fiaccolata e vengono allestite bancarelle e stand gastronomici. La maggior parte degli abitanti indossano il costume tradizionale della Val Sarentino. Gli uomini portano pantaloni lunghi di "Loden" sorretti dalle "Kraxn" (larghe bretelle con pettorina in cuoio nero). Inoltre portano la "Fatsch", il tipico cinturone impreziosito da complicati ricami con fili tagliati fuori dalle penne del pavone) e indosano il "Sarnar Huet", cappello di feltro nero con un nastro, verde se sposati, rosso per gli scapoli. In più i calzoncini di lana pecora bianca. Le donne portano una lunga gonna nera con il corpetto, sormontata dal tipico grembiule fiorito e un fazzoletto piegato con pizzi e france alle spalle. Ecco il programma dettagliato del fine settimana di festa: Sabato, 31 agosto 2024 Ore 17:50 Sfilata da Sarentino paese per il campo della festa Ore 20:30 Fiaccolata per il centro di Sarentino paese fino al campo della festa. Ore 21.00: Musica, danza e atmosfera. Domenica, 01 settembre 2024 Ore 09:00 Processione alla chiesetta di S. Cipriano a Sarentino paese Ore 10:15 Sfilata per il campo della festa in seguito mattinata fino alle ore 12:30 Ore 14:00 Grande corteo folcloristico con la partecipazione di vari gruppi (con partenza in zona artigianale a Sarentino paese) Lunedì, 02 settembre 2024 Grande mercato del bestiame e di mercerie e chiusura della festa.

0
Sport
Sabato, 31 Ago 2024

L'unica gara marathon in mountain bike con oltre 8 km di adrenaliniche discese freeride, 9km di divertenti single trail ed arrivo finale in vetta a 2.275m nelle Dolomiti! È giunto il momento di chiamare a raccolta da ogni angolo del regno i cavalieri più valorosi per sfidarsi in sella ai loro destrieri alla KronplatzKing MTB Marathon per il titolo di Re del Regno dei Fanes! In sella, diventa il nuovo KronplatzKING!

0
Music
Venerdì, 30 Ago 2024 20:30

SOGNO DANIELA PINI Mezzosoprano DAVIDE BURANI Arpa PROGRAMMA Francesco Paolo Tosti Sogno 1846–1916 Gioachino Rossini Canzonetta spagnola, 1792–1868 Sonata per arpa sola Francesco Paolo Tosti ‘A vucchella 1846–1916 Stanislao Gastaldon Musica proibita 1861–1939 Alphonse Hasselmans La source 1845–1912 arpa sola Gioachino Rossini Assisa a’ piè d’un salice 1792–1868 Otello Eduardo Di Capua I’ te vurria vasà 1865–1917 Giovanni Caramiello Rimembranza di Napoli 1838–1938 arpa sola Gaetano Donizetti Fia dunque vero … O mio Ferrando 1797–1848 La Favorita Camille Saint-Saëns Mon coeur s’ouvre à ta voix 1835–1921 Sansone e Dalila Pietro Mascagni Intermezzo da “Cavalleria Rusticana” 1863–1945 arpa sola Georges Bizet Habanera, da “Carmen” 1838–1875

0
Music
Venerdì, 30 Ago 2024 19:30

GOSPELICIOUS è sinonimo di ritmi entusiasmanti e ballate soul, di composizioni originali e di classici interpretati in modo indipendente. GOSPELICIOUS combina il sentimento originale della musica gospel tradizionale con il suono contemporaneo degli stili musicali attuali. GOSPELICIOUS unisce fede e gioia di vivere, GOSPELICIOUS ispira e commuove. Sotto la direzione di Jörg Sommer, eccellenti cantanti solisti si uniscono al coro nel tipico gioco di chiamata e risposta. Il coro e i solisti sono supportati da una band dal vivo di quattro elementi. Si prospetta uno straordinario evento musicale che incanterà grandi e piccini.

0
Music
Venerdì, 30 Ago 2024
L'evento si tiene dal 30 Ago 2024 al 01 Ago 2024

Ascolteremo delle buona musica Gipsy tramandata da generazioni in generazioni dai propri avi, la bellissima musica GipsyJazz del famoso Sinto chitarrista e autore di questa stupenda musica, Django Reinhardt e tanta, tantissima altra tipologia di musica dal vivo. Un evento da non perdere per nulla al mondo. Un evento in cui non si può assolutamente mancare. Un evento straordinario con gruppi veramente capaci e straordinari. VENERDÌ 30 AGOSTO SISSAMBA Associazione musicale dedica allo studio delle percussioni afro-brasiliane; è attualmente l’unica orchestra nel suo genere in Alto Adige-Südtirol, il percussionista e polistrumentista Max Castlunger, riunisce circa 40 membri di provenienza locale, europea ed extra-europea. ALMAMANOUCHE Da dodici anni, il gruppo Almamanouche tiene concerti ispirati dal leggendario chitarrista e compositore sinti Django Reinhardt, pioniere del genere swing manouche negli anni '30. U SINTO Le loro musiche tradizionali Sinte sono tramandate dai propri avi da moltissimi secoli, da sempre hanno lavorato con la propria musica folcloristica portando allegria e sorrisi nei volti di moltissimi personaggi altoatesini e ancora oggi presentano la loro musica tradizionale e molte altre tipiche musiche provenienti da altri paesi. SABATO 31 AGOSTO INNOCENTI GIPSY TRIO nasce da una collaborazione fra Tiziano Campagna, Daniele Valle e Manuel Innocenti, chitarristi appassionati di musica jazz manouche. Tiziano e Daniele sono un duo chitarristico molto conosciuto ed affermato in Trentino e nel resto d'Italia e non solo per il jazz manouche, mentre Manuel è un Sinto del Trentino ex appartenente al gruppo musicale conosciuto un tempo in Italia e all'estero, i Vagane Sinti. Per l'occasione del Gipsy&GipsyJazz Festival, abbiamo deciso di parteciparvi insieme come Trio, per la prima volta davanti al pubblico portando le nostre esperienze musicali nel genere gipsy. DARIO NAPOLI Anche se Django Reinhardt è l'ispirazione principale dietro al trio, il Siciliano di nascita e Milanese d’adozione Dario Napoli include influenze più contemporanee nella sua versione di swing zingaro, introducendo elementi di stili musicali più moderni come bebop, funk e jazz moderno. Nel 2023 il Dario Napoli Trio ha partecipato ai seguenti Tour Tour Scandinavia, Tour U.s.a. Tour Estivo Italiano, Tour Gran Bretagna e tanti altri Tour. ERJON ZEQO ZIO CANTANTE Zio Cantante è un progetto musicale, un gruppo e una piattaforma, un qualcosa che dà ai musicisti la possibilità di riscoprire le tradizioni musicali che hanno le basi nel folklore, con suoni, musiche balcaniche e canzoni delle varie tradizioni del mondo. DOMENICA 1 SETTEMBRE ISOLE MINORI sono un arcipelago di quattro musicisti, le loro canzoni parlano di viaggi reali e virtuali, di sentimenti, della società e del mondo che guardano curiosi dal loro isolano punto d’osservazione. È un progetto che esiste da tempo immemore – nessuno sa da quando. “Attorno a noi” (2021) è il titolo del loro ultimo album. MARLENE LA SINTA Una Sinta Altoatesina che grazie ai suoi avi, alla sua famiglia di musicisti, e diventata una bravissima cantante che ci farà sentire delle canzoni famosi e non famose con la sua splendida calda voce. GYPSYMOONSISTERS sono un gruppo che pratica lo stile FatChanceBellydance, nato negli USA alla fine degli anni '80. Trattasi di una danza fantasy multietnica che fonde diversi stili di danze di origine gitana quali la Danza Araba, il Flamenco, la Danza Indiana e il Folclore nordafricano. Le danzatrici non seguono coreografie, bensí improvvisano e comunicano fra di loro seguendo dei precisi codici. GYPSY PROJECT Nasce nel 2015 dall' idea di Nunzio Ferro e Vittorio Menga e dall' incontro di alcuni musicisti appassionati della musica del compositore "Django Reinhardt", nella primavera del 2016 realizzano il primo cd "Swing Gitane".

0
Music
Giovedì, 29 Ago 2024 20:30-22:00 |

Concerto della rassegna musicale Festival Badiamusica con il Trio Girandole Armoniche composto da Esther Crazzolara al violino, Teodoro Baù alla viola da gamba e Federica Bianchi al clavicembalo. Questo programma presenta diversi esempi di un genere che nella Germania del 18° secolo venne definito “Sonate auf Konzertenart” (sonata in forma di concerto): la forma e il carattere del concerto, con un organico ridotto e più intimo. Verranno interpretate opere di Telemann, Vivaldi e Bach. L'ingresso è libero.

0
Exhibitions
Mercoledì, 28 Ago 2024 10:00-12:00 | 16:00 - 19:00
L'evento si tiene dal 28 Ago 2024 al 08 Set 2024

La pittrice Jette Christiansen, nata a Kopenhagen, vive da tanti anni ormai in Alto Adige. Dopo un percorso di studio nell’ambito della medicina sociale , un inizio dello studio dell’architettura degli interni, dovrà passare qualche tempo fino a quando decide di seguire la sua vera passione, la pittura. L’accompagna in questo percorso il rinomato pittore Gotthard Bonell. In numerose mostre l’opera di Jette Christiansen è potuta essere ammirata da un pubblico d’intenditori. La nuova mostra “La poesia dei limoni – Wo die Zitronen blüh’n” ci fa vedere 17 opere raffiguranti dei limoni, che l’artista ha creato nell’arco dell’ultimo anno. I quadri evocano nostalgia, di cui il limone, frutto simbolo di una terra del sud, è la metafora. L’opera di Jette sottolinea la materialità degli oggetti, combinata a colori forti, ricchi di contrasti, capaci a causare nello spettatore delle emozioni ugualmente contrastanti. Paesaggi fiabeschi – surreali abbinano elementi che a prima vista non sembrano appartenersi: limoni con scarpe, stoffe, rocce…

0
Partyzone
Sabato, 24 Ago 2024 09:00

Il Barthlmastag è una festa d’alpeggio di lunga tradizione. Si svolge ogni anno il 24 agosto e prende il nome dal patrono dei pastori, San Bartolomeo. In questo giorno i contadini si riunivano e si riuniscono ancora oggi sull’Alpe del Renon per il raggruppamento del bestiame e il successivo mercato. Il bestiame dei contadini, che ha trascorso l’estate in alpeggio, viene radunato presso la malga Saltner e condotto a mezzogiorno con “Goasslschnöllen” (colpi di frusta), richiami dei Saltner (pastori), nitriti e ruggiti. Il luogo di ritrovo è un prato recintato, dove in passato si svolgeva il mercato di Barthlmas e si effettuava lo scambio di merce. Oggi il mercato si svolge a Tre Vie, dove vengono messi in vendita i prodotti agricoli locali. Dal 1927, lo spettacolo è accompagnato dalla banda musicale di Vanga, che dagli anni ‘60 offre anche cibo e bevande. Dopo questo momento speciale sull’Alpe del Renon, nel pomeriggio si scende a Tre Vie, dove la festa d’alpeggio diventa una festa campestre con musica e un divertimento per i bambini. Nel corso degli anni, il Barthlmastag si è trasformato nella più grande festa popolare del Renon ed è conosciuto e amato ben oltre i confini del comune. E cosi si arriva all’alpe Renon: con l'autobus 166 da Collalbo fino a Pemmern/Tre Vie (o con la propria auto o navette a pagamento). Da Pemmern: seguendo il sentiero n° 1 si arriva in 40 minuti all’alpe Renon. Dislivello: superando 150 m a piedi. Orario autobus 166: www.ritten.com/mobil

0
Partyzone
Sabato, 24 Ago 2024
L'evento si tiene dal 24 Ago 2024 al 25 Ago 2024

Hoila DingsDo! Il DingsDo Festival a Laion quest'anno è giunto alla sua nona edizione e sarà di nuovo un'esperienza indimenticabile! Il festival di beneficenza invita tutt* a festeggiare insieme per una buona causa. L'ingresso è basato su donazioni volontarie e il guadagno è destinato a progetti di beneficenza in base a 3 moduli di donazione. Al DingsDo non ci sono confini: tutt* sono i benvenut*! Godetevi i deliziosi piatti vegetariani e vegani preparati con ingredienti regionali e lasciatevi ispirare dalla varietà della musica. Da artisti locali a internazionali di folk, reggae, dub e molti altri generi, ce n'è per tutti i gusti. Venite con noi per un festival pieno di comunità e di gioia! Potete trovare maggiori informazioni sui social media o sul nostro sito web dingsdo.com

0
Theatre
Venerdì, 23 Ago 2024 21:00

Ein Chansonkabarett – überraschend, zart und frech. Ein Friedhof, viel Himmel und jede Menge lockere Schrauben. Auch in ihrem zweiten Solostück macht Claire ihr Ding: Die Berlinerin singt, philosolophiert und verspielt sich gut und gern am Klavier. So vieles ist anders seit sie ihre weise Oma Fritz nur noch auf dem Friedhof besuchen kann. Claire – mittlerweile Motorradfahrerin – erfährt, dass an einem Ort, wo Erinnerungen und Grabinschriften langsam verblassen, Geschichten so lebendig werden können wie nirgendwo sonst. Sogar ihre eigene. Geboren 1983 in Berlin, verbringt sie ihre Kindheit zwischen Kuh und Kirche bei Köln. 1996 zieht die ganze Familie nach Südafrika, ihr Abitur macht sie in Kapstadt. Seitdem sie 8 Jahre alt ist, weiß sie, dass sie Schauspielerin werden will. Leider hat sie bis heute noch kein berühmter Filmregisseur auf der Straße entdeckt, aber was nicht ist, kann ja noch werden. Mit dem Schauspieldiplom der Scuola Dimitri (2006) im Rucksack, gründet sie zusammen mit Stéfanie Lang das Duo Luna-Tic, mit dem sie erfolgreich als Claire und Olli durch die grosse Welt der Kleinkunstszene touren. Während der Babypause ihrer Kollegin packt sie die Gelegenheit beim Schopf und startet ihr erstes Soloprogramm, hier sehen sie nun ihr zweites. Sie lebt momentan im Tösstal, steht gern früh auf, geht meistens fast immer lieber zu Fuß und freut sich, wenn jemand gut kochen kann.

0
Cinema
Giovedì, 22 Ago 2024 21:00

Japan/Deutschland 2023, 123 min.; Regie: Wim Wenders; mit: Kôji Yakusho, Tokio Emoto, Arisa Nakano, Aoi Yamada, Yumi Asô; Hirayama scheint mit seinem einfachen Leben als Toilettenreiniger in Tokio vollkommen zufrieden zu sein. Außerhalb seiner Arbeit genießt er seine Leidenschaft für Musik und Bücher. Er hört noch alte Kassetten und liest aus abgegriffenen Taschenbüchern. Außerdem ist er fasziniert von Bäumen und hält besonders interessante Exemplare mit seiner Kamera fest. Eine Reihe unerwarteter Begegnungen enthüllt jedoch nach und nach mehr über seine Vergangenheit und die Gründe, warum die Einfachheit seines täglichen Lebens ihm das ersehnte Glück zu geben scheint. Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Music
Giovedì, 22 Ago 2024 20:30

CELLULE IMPAZZITE PROGRAMMA 1. Lied des Lebens 2. Verrückte Zellen- veR-rÜckte Noten 3. Wenn gar nichts mehr geht 4. Lori bambino scrive una lettera - Worte 5. Vastitá 6. zum Glück 7. Regenbogen leuchte weiter 8. Der Umkehrkreisel 9. zwei Klagelieder 10. Nichts 11. Einsam 12. Meine Grabrede 13. Leichtigkeit 14. Schreibblockade 15. Du meine Zuflucht 16. Die Schreibgruppe: Gemeinsam auf dem Weg sein Violino 1. Susanne Mattle* Rebekka Kronbichler Sylvia Lanz Emma Pircher Sara Molinari Violino 2. Ivo Crepaldi* Giulia Dainese Ursula Stoll Sarah Oberhuber Claudia Bianchi Viola Alexander Monteverde* Evi Hasler Lorenzo Bertero Violoncello Ulli Mattle* David Unterhofer Robert Rasch Contrabbasso Benjamin Lampert Michael Hackhofer Percussioni Patrick Künig Solista vocale Marion Feichter Direzione: Erich Feichter *Prima parte

0
Music
Mercoledì, 21 Ago 2024 20:30

Reggae in dialetto pusterese: i sei ragazzi di Valdaora/Anterselva perseguono questa idea dal 2020. Le canzoni raccontano di amicizia, divertimento, amore, perdita, guerra e pace. La batteria e il basso forniscono le fondamenta, la tastiera dipinge i timbri, la chitarra ritmica porta il croccante offbeat del reggae, la chitarra solista decora con assoli colorati e le percussioni completano le canzoni autoscritte nel dialetto dell’Alta Pusteria, facilmente comprensibile. Le prime esibizioni dal vivo hanno avuto luogo nel 2022 e sette canzoni sono state pubblicate nell’EP “Grion” nel marzo 2023. Canzoni pieni di groove che si imprimono nella memoria… Budo 202 apre il concerto. A soli diciassette anni, Noel Brigl con le sue canzoni emozionali si è già fatto un nome nella scena hip-hop oltre i confini provinciali. Budo 202: Noel Brigl (Voice) Jetflag: Manuel Messner (Guit., Voice) // Peter Brunner (Bass) // Ivan Vieider (Keyboards) // Dennis Oberhuber (Drums) // Felix Messner (Guit., Voice) // Manuel Vieider (Percussion) Info: Tutte le manifestazioni serali sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte. Se per la serata le previsioni danno pioggia forte, i concerti avverranno in sala.

0
Kids
Mercoledì, 21 Ago 2024 17:30

Vergnügtes Kinder- und Familienkonzert für alle Musikfans Das Energiebündel Geraldino präsentiert mit groovender Gitarre, Banjo, Akkordeon oder sattem Background-Sound Mitmach-Songs, Moritaten, Fetzer, Schmachter, Raps und Reggaes über Pfannkuchen, Mamas, Dinosaurier und vieles mehr. Er geht gemeinsam mit dem Publikum im Rock-Rhythmus auf die Suche nach dem verschwundenen Kakadi-Kakada-Kakadu, singt zu Folkklängen vom Kleinen Drachen Bill und präsentiert eine A-Capella-Version des Mitmach-Hits Bumm Bumm Bär. Ein liebenswertes Paket frischer Ohrwürmer für große und kleine Ohren! Für Menschen ab 4 Jahren

0
Theatre
Martedì, 20 Ago 2024 21:00

Revue? Origami? Travestie? Playback-Show? Ennio Marchetto passt in keine Schublade und löst rund um den Erdball Begeisterungsstürme aus. Er verwandelt die Kunst des Papierfaltens, des japanischen Origami, in urkomische Theatermagie. Seine sündhaft lustige und äußerst unterhaltsame Show nutzt geniale Papierkostüme, messerscharfe Mimikry und blitzschnelles Timing, um einen urkomischen Wirbelwind beliebter Ikonen zu kreieren. Unterstützt von einem mitreißenden Soundtrack verwandelt er sich auf magische Weise in beliebte Figuren aus Musik, Film, Kunst und der Weltpolitik. Seine Papier-Charaktere sind so unterschiedlich wie die Personen selbst, die er darstellt: Mona Lisa, Marilyn Monroe, Adele, Freddie Mercury, Beyoncé, Lady Gaga, Elvis, Celine Dion, Whitney Houston, Justin Bieber, Eminem, James Bond tanzen durch Ennio Marchetto miteinander auf der Bühne. Ennio wurde 1960 in Venedig geboren. Inspiriert von Disney-Zeichentrickfilmen in seiner Kindheit, der modernen Choreografie von Pina Bausch und dem venezianischen Karneval, träumte Ennio schon früh seinen Traum und amüsierte seine Familie mit seiner Version von Marilyn Monroe in weißen Papierkostümen, die er in seinem Schlafzimmer gebastelt hatte. Seit den 1980er Jahren tritt Ennio Marchetto weltweit mit seinen Masken und Kostümen aus Papier und Fantasie auf und hat eine begeisterte Fangemeinde. Kein Wunder. Ennio Marchetto ist einzigartig!

0
Cinema
Martedì, 20 Ago 2024 21:00

Italia/Francia/Belgio 2022, 147 min.; regia: Felix Van Groeningen, Charlotte Vandermeersch; con: Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Filippo Timi, Elena Lietti, Gualtiero Burzi; La storia di un’amicizia nata tra due bambini che, divenuti uomini, cercano di prendere le distanze dalla strada intrapresa dai loro padri ma, per le vicissitudini e le scelte che si trovano ad affrontare, finiscono sempre per tornare sulla via di casa. Pietro è un ragazzino di città, Bruno è l’ultimo bambino di uno sperduto villaggio di montagna. Negli anni, Bruno rimane fedele alle sue montagne, mentre Pietro è quello che va e viene. Il loro incontro li porterà a sperimentare l’amore e la perdita, riconducendo ciascuno alle proprie origini e facendo sì che i loro destini si compiano, mentre i due scopriranno cosa significa essere amici per sempre. Info: Tutte le manifestazioni serali sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte. Se per la serata le previsioni danno pioggia forte, le proiezioni di film avverranno in sala.

0
Kids
Martedì, 20 Ago 2024 17:00

Animation, Tschechien/Frankreich/Polen/Slowakei 2021, 88 min.; Regie: Denisa Grimmová, Jan Bubeníček; Eine kleine Maus und ein Fuchs treffen sich nach einem unglücklichen Unfall im Tierhimmel wieder. Sie verlieren ihre natürlichen Instinkte und werden beste Freunde. Ihr Wunsch, nach ihrer Rückkehr auf die Erde zusammen zu bleiben, geht in Erfüllung, aber sie werden in entgegengesetzten Rollen wiedergeboren. Aber dank der Kraft der Freundschaft können sie sogar das scheinbar Unmögliche überwinden. Info: Die Kinder können sich, passend zu den jeweiligen Filmen, bereits ab 16 Uhr auf ein lustiges Rahmenprogramm freuen.

0
Sport
Domenica, 18 Ago 2024 20:00

La rosa dei partecipanti alla 18ª edizione della Dolomitencup è completa. I Löwen Frankfurt sono la quarta e ultima squadra ad aver confermato la propria partecipazione al torneo preparatorio di Egna/Alto Adige. Quando il club della DEL farà la sua apparizione nella Würtharena dal 16 al 18 agosto, i romantici dell'hockey su ghiaccio si troveranno di fronte a una vera e propria sorpresa. Nel corso degli anni, la Dolomitencup ha accolto numerosi top club provenienti da tutta Europa. Il fatto che il rinomato torneo pre-stagionale nel sud dell'Alto Adige esista è anche merito del Francoforte. In un certo senso, il club della DEL ha co-fondato la Dolomitencup. Era la primavera del 2005 quando i campioni tedeschi del 2004 avevano programmato di venire in Alto Adige per un ritiro che prevedeva anche una partita amichevole. L'avversario fu subito individuato: l'HC Egna - rinforzato da alcuni eccezionali giocatori altoatesini - avrebbe giocato contro il club dell'Assia DEL grazie a uno sponsor comune. Poiché all'epoca l'hockey su ghiaccio in estate era ancora del tutto atipico in questo Paese, il test match si tenne a Merano l'11 agosto 2005 e fu un vero successo. Più di 1.300 tifosi entusiasti assistettero alla vittoria del top club tedesco per 6 a 1 e nacque subito l'idea di qualcosa di più grande. È nata la Dolomitencup. L'anno successivo, l'HC Egna ha organizzato un torneo internazionale di preparazione insieme ai Francofortesi, in cui i Lions e gli altoatesini sono stati affiancati dai Panthers di Augusta e dal Servette Ginevra. La vittoria inaugurale della prima Dolomitencup, nell'agosto 2006, andò proprio al Francoforte, e la vittoria andò agli Assia anche nelle due estati successive. Negli anni successivi, gli organizzatori dell'HC Egna hanno trasformato la Dolomitencup in uno dei tornei di preparazione più popolari d'Europa. C'è quindi qualcosa di romantico nel ritorno di Francoforte alla Dolomitencup il prossimo agosto per la prima volta dopo 16 anni. In effetti, sarà una Coppa delle Dolomiti di grandi riunioni: L'EHC Kloten (National League/Svizzera), l'HC Kometa Brno (Extraliga/Repubblica Ceca) e l'HC Pustertal (ICE Hockey League) hanno tutti partecipato in passato al prestigioso torneo di preparazione. Ora tutti si recheranno nuovamente in pellegrinaggio a Egna. Ora che il campo dei partecipanti è completo, può iniziare la vendita dei biglietti. I biglietti per le partite possono essere acquistati dal 1 maggio sul sito www.dolomitencup.com. Anche gli accoppiamenti sono già stati sorteggiati: Venerdì 16 agosto si affronteranno Kloten e Brno, sabato 17 agosto Pusteria e Francoforte nella seconda semifinale. La tradizionale giornata finale della Dolomitencup si svolgerà domenica 18 agosto.

0
Sport
Domenica, 18 Ago 2024 15:45

La rosa dei partecipanti alla 18ª edizione della Dolomitencup è completa. I Löwen Frankfurt sono la quarta e ultima squadra ad aver confermato la propria partecipazione al torneo preparatorio di Egna/Alto Adige. Quando il club della DEL farà la sua apparizione nella Würtharena dal 16 al 18 agosto, i romantici dell'hockey su ghiaccio si troveranno di fronte a una vera e propria sorpresa. Nel corso degli anni, la Dolomitencup ha accolto numerosi top club provenienti da tutta Europa. Il fatto che il rinomato torneo pre-stagionale nel sud dell'Alto Adige esista è anche merito del Francoforte. In un certo senso, il club della DEL ha co-fondato la Dolomitencup. Era la primavera del 2005 quando i campioni tedeschi del 2004 avevano programmato di venire in Alto Adige per un ritiro che prevedeva anche una partita amichevole. L'avversario fu subito individuato: l'HC Egna - rinforzato da alcuni eccezionali giocatori altoatesini - avrebbe giocato contro il club dell'Assia DEL grazie a uno sponsor comune. Poiché all'epoca l'hockey su ghiaccio in estate era ancora del tutto atipico in questo Paese, il test match si tenne a Merano l'11 agosto 2005 e fu un vero successo. Più di 1.300 tifosi entusiasti assistettero alla vittoria del top club tedesco per 6 a 1 e nacque subito l'idea di qualcosa di più grande. È nata la Dolomitencup. L'anno successivo, l'HC Egna ha organizzato un torneo internazionale di preparazione insieme ai Francofortesi, in cui i Lions e gli altoatesini sono stati affiancati dai Panthers di Augusta e dal Servette Ginevra. La vittoria inaugurale della prima Dolomitencup, nell'agosto 2006, andò proprio al Francoforte, e la vittoria andò agli Assia anche nelle due estati successive. Negli anni successivi, gli organizzatori dell'HC Egna hanno trasformato la Dolomitencup in uno dei tornei di preparazione più popolari d'Europa. C'è quindi qualcosa di romantico nel ritorno di Francoforte alla Dolomitencup il prossimo agosto per la prima volta dopo 16 anni. In effetti, sarà una Coppa delle Dolomiti di grandi riunioni: L'EHC Kloten (National League/Svizzera), l'HC Kometa Brno (Extraliga/Repubblica Ceca) e l'HC Pustertal (ICE Hockey League) hanno tutti partecipato in passato al prestigioso torneo di preparazione. Ora tutti si recheranno nuovamente in pellegrinaggio a Egna. Ora che il campo dei partecipanti è completo, può iniziare la vendita dei biglietti. I biglietti per le partite possono essere acquistati dal 1 maggio sul sito www.dolomitencup.com. Anche gli accoppiamenti sono già stati sorteggiati: Venerdì 16 agosto si affronteranno Kloten e Brno, sabato 17 agosto Pusteria e Francoforte nella seconda semifinale. La tradizionale giornata finale della Dolomitencup si svolgerà domenica 18 agosto.

0
Sport
Sabato, 17 Ago 2024 20:00

La rosa dei partecipanti alla 18ª edizione della Dolomitencup è completa. I Löwen Frankfurt sono la quarta e ultima squadra ad aver confermato la propria partecipazione al torneo preparatorio di Egna/Alto Adige. Quando il club della DEL farà la sua apparizione nella Würtharena dal 16 al 18 agosto, i romantici dell'hockey su ghiaccio si troveranno di fronte a una vera e propria sorpresa. Nel corso degli anni, la Dolomitencup ha accolto numerosi top club provenienti da tutta Europa. Il fatto che il rinomato torneo pre-stagionale nel sud dell'Alto Adige esista è anche merito del Francoforte. In un certo senso, il club della DEL ha co-fondato la Dolomitencup. Era la primavera del 2005 quando i campioni tedeschi del 2004 avevano programmato di venire in Alto Adige per un ritiro che prevedeva anche una partita amichevole. L'avversario fu subito individuato: l'HC Egna - rinforzato da alcuni eccezionali giocatori altoatesini - avrebbe giocato contro il club dell'Assia DEL grazie a uno sponsor comune. Poiché all'epoca l'hockey su ghiaccio in estate era ancora del tutto atipico in questo Paese, il test match si tenne a Merano l'11 agosto 2005 e fu un vero successo. Più di 1.300 tifosi entusiasti assistettero alla vittoria del top club tedesco per 6 a 1 e nacque subito l'idea di qualcosa di più grande. È nata la Dolomitencup. L'anno successivo, l'HC Egna ha organizzato un torneo internazionale di preparazione insieme ai Francofortesi, in cui i Lions e gli altoatesini sono stati affiancati dai Panthers di Augusta e dal Servette Ginevra. La vittoria inaugurale della prima Dolomitencup, nell'agosto 2006, andò proprio al Francoforte, e la vittoria andò agli Assia anche nelle due estati successive. Negli anni successivi, gli organizzatori dell'HC Egna hanno trasformato la Dolomitencup in uno dei tornei di preparazione più popolari d'Europa. C'è quindi qualcosa di romantico nel ritorno di Francoforte alla Dolomitencup il prossimo agosto per la prima volta dopo 16 anni. In effetti, sarà una Coppa delle Dolomiti di grandi riunioni: L'EHC Kloten (National League/Svizzera), l'HC Kometa Brno (Extraliga/Repubblica Ceca) e l'HC Pustertal (ICE Hockey League) hanno tutti partecipato in passato al prestigioso torneo di preparazione. Ora tutti si recheranno nuovamente in pellegrinaggio a Egna. Ora che il campo dei partecipanti è completo, può iniziare la vendita dei biglietti. I biglietti per le partite possono essere acquistati dal 1 maggio sul sito www.dolomitencup.com. Anche gli accoppiamenti sono già stati sorteggiati: Venerdì 16 agosto si affronteranno Kloten e Brno, sabato 17 agosto Pusteria e Francoforte nella seconda semifinale. La tradizionale giornata finale della Dolomitencup si svolgerà domenica 18 agosto.

0
Sport
Sabato, 17 Ago 2024 10:30

Grente Alm Run & Bike Evento sportivo organizzato dal ASV Antholzertal Partenza: ore 10.30 presso la piazza del paese (Pizzeria Anger) ad Anterselva di Mittertal Categorie: Bici - E-Bike - Escursionista Arrivo: Grente-Almen (2.002 m; 760 dislivello in altitudine; 7,1 km) Quota di iscrizione € 25 (iscrizione tardiva € 30); € 15 per i gli escursionisti (incl. 1 piatto di pasta all'arrivo e lotteria dei numeri di partenza) Iscrizione: via Whats App 348 735 2651 (scadenza iscrizione: Giovedì 15.08.2024). Iscrizione tardiva fino a 45 minuti prima dell'inizio

0
Theatre
Venerdì, 16 Ago 2024 21:00

„JUMP!“ begeistert Zuschauer auf der ganzen Welt. Durch die Pandemie wurde die Tour auf ihrem Höhepunkt abrupt unterbrochen. Zeit für ein Refresh! Nun sind Starbugs Comedy mit ihrer überarbeiteten Show „JUMP! Reloaded“ wieder unterwegs. Eine Show mit vielen Updates: Noch schneller und überraschender. Ein Muss für alle, die „JUMP!“ schon einmal, zweimal oder noch gar nie gesehen haben. Im sprunghaften Auf und Ab spult Starbugs Comedy das Leben virtuos rückwärts und vorwärts – mal in Zeitlupe, mal im Zeitraffer. Sympathisch augenzwinkernd flirten sie mit dem Publikum während sie sich selbst überlisten. Die unerschöpfliche Imagination von Starbugs Comedy hat eine extreme Nebenwirkung: Lachmuskelkater. Mit hinreißender, verblüffender Dynamik verlassen Starbugs Comedy in ihrer neuen Show die bekannten Sphären der Comedy. Noch immer nonverbal erzählen sie keine Witze, und dennoch lacht das Publikum in einem durch. Drei Männer, drei rot-weiß-gestreifte T-Shirts, ein paar Effekte und Requisiten genügen, um das Publikum in einem begeisternden, minutiös getakteten Spektakel mitzureißen. Voller Timing, Rhythmus und Sounds. Wie sich das anfühlt? Schlicht phänomenal. Man ahnt, wie’s funktioniert und kann’s nicht fassen. Pausenlos geht etwas in die Hose, aber nie so, wie man es erwartet. Wenn man glaubt, der Schuss sei draußen, erwischt einen hinterher kalt der Knall.

0
Sport
Venerdì, 16 Ago 2024 20:00

La rosa dei partecipanti alla 18ª edizione della Dolomitencup è completa. I Löwen Frankfurt sono la quarta e ultima squadra ad aver confermato la propria partecipazione al torneo preparatorio di Egna/Alto Adige. Quando il club della DEL farà la sua apparizione nella Würtharena dal 16 al 18 agosto, i romantici dell'hockey su ghiaccio si troveranno di fronte a una vera e propria sorpresa. Nel corso degli anni, la Dolomitencup ha accolto numerosi top club provenienti da tutta Europa. Il fatto che il rinomato torneo pre-stagionale nel sud dell'Alto Adige esista è anche merito del Francoforte. In un certo senso, il club della DEL ha co-fondato la Dolomitencup. Era la primavera del 2005 quando i campioni tedeschi del 2004 avevano programmato di venire in Alto Adige per un ritiro che prevedeva anche una partita amichevole. L'avversario fu subito individuato: l'HC Egna - rinforzato da alcuni eccezionali giocatori altoatesini - avrebbe giocato contro il club dell'Assia DEL grazie a uno sponsor comune. Poiché all'epoca l'hockey su ghiaccio in estate era ancora del tutto atipico in questo Paese, il test match si tenne a Merano l'11 agosto 2005 e fu un vero successo. Più di 1.300 tifosi entusiasti assistettero alla vittoria del top club tedesco per 6 a 1 e nacque subito l'idea di qualcosa di più grande. È nata la Dolomitencup. L'anno successivo, l'HC Egna ha organizzato un torneo internazionale di preparazione insieme ai Francofortesi, in cui i Lions e gli altoatesini sono stati affiancati dai Panthers di Augusta e dal Servette Ginevra. La vittoria inaugurale della prima Dolomitencup, nell'agosto 2006, andò proprio al Francoforte, e la vittoria andò agli Assia anche nelle due estati successive. Negli anni successivi, gli organizzatori dell'HC Egna hanno trasformato la Dolomitencup in uno dei tornei di preparazione più popolari d'Europa. C'è quindi qualcosa di romantico nel ritorno di Francoforte alla Dolomitencup il prossimo agosto per la prima volta dopo 16 anni. In effetti, sarà una Coppa delle Dolomiti di grandi riunioni: L'EHC Kloten (National League/Svizzera), l'HC Kometa Brno (Extraliga/Repubblica Ceca) e l'HC Pustertal (ICE Hockey League) hanno tutti partecipato in passato al prestigioso torneo di preparazione. Ora tutti si recheranno nuovamente in pellegrinaggio a Egna. Ora che il campo dei partecipanti è completo, può iniziare la vendita dei biglietti. I biglietti per le partite possono essere acquistati dal 1 maggio sul sito www.dolomitencup.com. Anche gli accoppiamenti sono già stati sorteggiati: Venerdì 16 agosto si affronteranno Kloten e Brno, sabato 17 agosto Pusteria e Francoforte nella seconda semifinale. La tradizionale giornata finale della Dolomitencup si svolgerà domenica 18 agosto.

0
Others
Venerdì, 16 Ago 2024 10:00
L'evento si tiene dal 16 Ago 2024 al 18 Ago 2024

Una festa per tutta la famiglia Dal 16 al 18 Agosto 2024 Sluderno sarà nuovamente il palcoscenico ideale per i Giochi Medievali dell'Alto Adige. Nella piana ricca di storia che si estende fra Castel Coira, la rovina di Montechiaro, Castel Principe e l'abbazia benedettina di Monte Maria, spettacolari combattimenti e singolar tenzoni faranno trattenere il fiato ai tanti spettatori. Un viaggio nel tempo, nell'età medievale. Cavalieri senza macchia e senza paura affrontano i loro avversari. Sui loro cavalli bardati si gettano nella mischia, le lance si sbriciolano, le corazze tintinnano, i nobili signori premiano i loro beniamini. Il popolo acclama i vincitori e rimira stupito le tante attrazioni esotiche e singolari. 2.000 rievocatori da 13 nazioni. Il più ricco programma in tutto il territorio alpino! Tutte le attrazioni all’interno dell’area della manifestazione sono gratuite: show, cavalcare su pony e cammelli, tiro con l'arco, tornei, piccolo zoo, caroselli, animazione per bimbi...

0
Music
Giovedì, 15 Ago 2024 21:00

Il cantautore berlinese in concerto ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, Merano. Prevendita biglietti dal 6 dicembre 2023, alle ore 13.00 in tutte le librerie Athesia. Trento: Promoevent, Radio Dolomiti www.ticketone.it Voce, carisma ed energia Tim Bendzko è un cantautore tedesco nato e cresciuto a Berlino. Con la sua canzone “Nur noch kurz die Welt retten” ha vinto il Bundesvision Song Contest e da questo momento ha caratterizzato la musica pop di lingua tedesca degli ultimi dieci anni. Ora il berlinese ha annunciato il suo lungo atteso quinto album in studio: APRIL. 15 brani che raccontano di un tira e molla di emozioni che probabilmente tutti noi abbiamo vissuto negli ultimi anni. Il nuovo album “April” Dopo “Kein Problem”, “Das Leben wieder lieben”, “Wer rettet die Welt für mich” e “Alleine in Paris”, “Parallelwelt” è il quinto singolo estratto dal nuovo album: un songwriting emotivo e puntuale incontra un basso potente da un lato e un synth delicato dall’altro. Con il cortese sostegno dell’Azienda di Soggiorno di Merano.

0
Partyzone
Giovedì, 15 Ago 2024 09:00-
L'evento si tiene dal 15 Ago 2024 al 18 Ago 2024

160° anniversario! PROGRAMMA: Giovedì, 15/08/2024 Ore 09:00: Raduno delle Campagnole dei pompieri per il tour (Piazza Municipio) Ore 10:30: Sfilata e successivo concerto della banda musicale di Brunico Ore 14:00: Intrattenimento musicale con “Marc, Damian e Manuel-Acoustic-Trio“ Ore 19:00: Intrattenimento musicale con i “Bergdiamanten“ Ore 01:30: Fine della festa Venerdì, 16/08/2024 Ore 11:00: Inizio della festa con “Sax Martl” Ore 14:00: Intrattenimento musicale con “Sokkuadro“ Ore 19:00: Intrattenimento musicale con “Die Fonzies“ Ore 01:30: Fine della festa Sabato, 17/08/2024 Ore 11:00: Inizio della festa con “I & T acoustic project“ Ore 14:00: Grande parata storica dei pompieri per le strade di Brunico con numerosi gruppi e bande musicali – tutti sono cordialmente invitati! A seguire, pomeriggio musicale con la banda musicale di Anras del Tirolo dell’Est Ore 18:30: Estrazione della lotteria con 160 premi Ore 19:00: Intrattenimento musicale con “Spremuta“ Ore 01:30: Fine della festa Domenica, 18/08/2024 Ore 11:00: Inizio della festa con “Feiwolawi“ Ore 16:00: Conclusione della festa Attrazioni aggiuntive: Giovedì: divertente parete spegnifuoco Venerdì, sabato e domenica: castello gonfiabile per bambini Tutti i giorni: • Bungee-trampolino • Aquazorb • Giostra nostalgica Ulteriori informazioni: www.feuerwehr-bruneck.it

0
Music
Mercoledì, 14 Ago 2024 20:30

Lu&Me è sinonimo di eccezionale pop-rock artigianale, con il quale la cantante badiota Lucia Kastlunger e il batterista tedesco Matthias Bäuerlein stanno prendendo il volo. I due non sono affatto nomi sconosciuti! Lucia ha suonato con i Dire Straits, mentre Matthias Bäuerlein è diventato negli ultimi anni un batterista di prima scelta per i grandi nomi e ha già suonato con Chris Thompson, Eric Martin e Frank Dietz. Prodotte con molto amore ed eseguite con una voce potente, le canzoni vanno dritte al cuore! Insieme a musicisti di studio che sono amici da molti anni, i due hanno messo insieme una band dal vivo che ora spacca l’UFO Arena con canzoni italiane, inglesi e ladine. La pelle d’oca è garantita. L’appassionata cantante !nes apre la serata con canzoni indie-pop scritte da lei stessa in inglese e ladino. La giovane musicista sta attualmente studiando canto al Vienna Music Institute (VMI). Sarà accompagnata dalla chitarrista Sophia Lanz. !nes&Sophia: Ines Tavella (Voice), Sophia Lanz (Guit.) Lu&Me: Lucia Kastlunger (Voice) // Mathias Köttner (Guit.) // Ingo Ramoser (Piano) // Philipp Schörghuber (Bass) // Matthias Bäuerlein (Drums) Info: Tutte le manifestazioni serali sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte. Se per la serata le previsioni danno pioggia forte, i concerti avverranno in sala.

0
Kids
Mercoledì, 14 Ago 2024 17:30

Der Grüffelo, sag, was ist das für ein Tier? Den kennst du nicht?! Dann beschreib ich ihn dir. Auch ihr kennt ihn nicht, den Grüffelo? So solltet ihr ihn kennenlernen. Durch den Wald spaziert die kleine Maus, und natürlich ist sie für alle ein verlockender Schmaus. Sie trifft auf Fuchs, Eule und Schlange, aber trotz Angst wird ihr nicht vollends bange. Aus ihrer Fantasie lässt sie ein Wesen erstehn; den „Grüffelo“, den haben all die Tiere noch gar nicht gesehn. „Mit knotigen Knien, einer grässlichen Tatze und vorn im Gesicht einer giftigen Warze“. Mit seiner Hilfe schlägt sie alle in die Flucht. Aber dann wird sie selbst plötzlich vom Grüffelo besucht. Aber damit ist die Geschichte noch lange nicht aus. Eine wundervolle Geschichte über die Kraft der eigenen Fantasie, über Mut, Witz, Köpfchen und der Ermunterung, die sagt: es gibt immer einen Ausweg. Mit wenigen Requisiten, reduzierten Kostümen, raschen Figurenwechseln, körperbetontem Spiel und clownesken Elementen wird die Geschichte mit Raum für den improvisatorischen Kontakt mit dem Publikum lebendig. Clowntheater für Menschen ab 3 Jahren Dauer: 60 Minuten

0
Theatre
Martedì, 13 Ago 2024 21:00

ENDLICH Schluss mit lustig? Geht den Maulhelden ENDLICH mal die Puste aus? Werden diese Kindsköpfe ENDLICH erwachsen? Tja, scheint so. Wohl auch die geilste Zeit währt nicht ewig. So kommt nun auch die Ära füenf auf die Zielgerade für den Endspott der Besinglichkeiten! Jetzt aber erst mal runter von der Tränendrüse. So sang- und klanglos machen sie sich nicht vom Acker. Bis für Justice, Pelvis, Memphis, Little Joe und Dottore Basso also ENDLICH der letzte Vorhang fällt, haben sie nochmals richtig Böcke, für euch ein musikomisches Freudenfeuer eines Vierteljahrhunderts Sing & Unsing abzufackeln. füenf bedanken sich aufs scherzlichste mit dem Besten, was ihr bescheidenes Repertoire zu bieten hat – nebst einem allabendlichen Wunschkonzert – ENDLICH bei den treuesten Fans der Welt! Also langer Rede schnurzer Sing: füenf, halt doch mal die Klappe… na ENDLICH!

0
Cinema
Martedì, 13 Ago 2024 21:00

Dokumentation, Deutschland 2020, 111 min.; Regie: Dennis Kailing; Dennis Kailing aus Gelnhausen (Hessen) macht sich 2015 mit 24 Jahren nur mit seinem Fahrrad auf in die große weite Welt. Völlig ohne Vorerfahrung ist er zwei Jahre lang unterwegs und legt dabei 43.600 Kilometer zurück, bereist sechs Kontinente und 41 Länder. Ob denn alles gut gehen wird, ist eine Frage, die er sich schlicht nicht stellt. Bunt, wie die Welt nun einmal ist, begegnen ihm auf seiner Reise die unterschiedlichsten Menschen und er lernt die vielfältigsten Kulturen und Länder kennen. Aus seinen schriftlichen und filmischen Aufzeichnungen ist sein eigener Dokumentarfilm entstanden. Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Kids
Martedì, 13 Ago 2024 17:00

Animation, Deutschland 2014, 82 min.; Regie: Nina Wels, Hubert Weiland; Der kleine Drache Kokosnuss lebt auf der Dracheninsel zusammen mit seinen Freunden Oscar und Matilda. Die drei haben zusammengefunden, weil sie alle etwas anders sind. Kokosnuss ist zwar ein Drache, kann aber nicht fliegen, Oscar ist ein Fressdrache, ernährt sich aber lieber vegetarisch und Matilda ist ein Stachelschwein. Doch eines Tages wird das wertvolle Feuergras aus dem Dorf der Feuerdrachen gestohlen und die drei machen sich auf den Weg, um es zurückbringen. Aber das geht natürlich nicht so einfach… Info: Die Kinder können sich, passend zu den jeweiligen Filmen, bereits ab 16 Uhr auf ein lustiges Rahmenprogramm freuen.

0
Music
Lunedì, 12 Ago 2024 21:15-22:30 |

Concerto della rassegna musicale Badiamusica con il Ludus Quartet con Andrea Ferroni e Ivo Crepaldi al violino, Alexander Monteverdi alla viola, Ivo Brigadoi al violoncello e Franz Comploi al organo. At the court of El Escorial in Madrid L’organista racconta assieme al Ludus Quartet l’epoca nella quale Soler conobbe prima Scarlatti e poi Boccherini presso il palazzo e monastero di El Escorial (1752-1757 Scarlatti e dal 1768 Boccherini). Scarlatti insegnò a Soler l’arte del contrappunto, facendolo diventare uno dei più prolifici compositori per organo e clavicembalo. Come Scarlatti, anche Soler usa spesso elementi della musica spagnola nelle sue composizioni. Ma fu l’elegante stile compositivo di Luigi Boccherini che influenzò Soler a tal punto da portarlo verso un linguaggio più classico. L'ingresso è libero.

0
Partyzone
Domenica, 11 Ago 2024 10:00

Festa del Vespa Club Val Pusteria presso il padiglione di Falzes! PROGRAMMA: ore 10:00: Inizio della festa ore 14:00: Giro in Vespa ore 15:30 ca.: Estrazione lotteria Intrattenimento musicale con il gruppo "Die Bergdiamanten". Non mancheranno di certo cibi e bevande per tutti.

0
Partyzone
Sabato, 10 Ago 2024
L'evento si tiene dal 10 Ago 2024 al 11 Ago 2024

La festa tradizionale "Perchina Kirschta" si svolgerà anche quest'anno e veranno offerti musica tradizionale, musica da ballo, cibo e bevande. Trampolino per i più piccoli!

0
Partyzone
Sabato, 10 Ago 2024
L'evento si tiene dal 10 Ago 2024 al 11 Ago 2024

Festa dei pompieri di Rasun di Sopra nel padiglione musicale. Programma: - Sabato: ore 18:30 Inizio della festa ore 21:30 musica da ballo - Domenica: ore 11:00 pinta mattutina ore 14:00 sfilata e concerto della banda musicale di Rasun di Sopra ore 17:00 Esibizione del gruppo di danza popolare di Rasun di Sopra ore 18:30 musica da ballo Castello gonfiabile sabato e domenica, angolo trucco domenica pomeriggio!

0
Theatre
Venerdì, 09 Ago 2024 21:00

Ein beängstigend mitreissender Mix aus Comedy, Zauberei, Publikumsinteraktionen und Hugo. Teilnahme auf eigene Gefahr. Aber wer ist Hugo? Eine Persönlichkeit aus der Unterwelt? Eine Erinnerung an eine flüchtige Affäre, die mit einem Prosecco-Cocktail begann? Oder nur ein Arbeitstitel, der in letzter Minute nicht mehr geändert wurde? Um den Namen des neusten Programms von Komiker und Zauberer Michel Gammenthaler ranken sich skurrile Anekdoten und Spekulationen. Gammenthaler selbst schweigt sich aus, was die Gerüchteküche noch weiter anheizt. Der dank seiner SRF-Sendung Comedy aus dem Labor bekannte Preisträger des Salzburger Stiers, begeistert sein Publikum in jeder Show aufs Neue. Schlagfertig, energievoll und unverwechselbar. „Als Stand-Up-Comedian betrachte ich mich und die Welt ganz genau durch die Lupe. Als Komiker bilde ich die Wirklichkeit ab, als Zauberer kreiere ich neue Realitäten. Bei diesem Pingpong der Disziplinen fühle ich mich wohl wie ein Fisch im Wasser. Das Salz in der Suppe ist der Einbezug des Publikums, so wird jede Show einzigartig. Wichtig ist mir, dass die Mitwirkenden immer als Helden und Heldinnen von der Bühne gehen. In einer Zeit, in der uns die Bildschirme überall berieseln, ist der Besuch einer Live-Show eines der letzten grossen Abenteuer.“

0
Others
Venerdì, 09 Ago 2024 18:00

Un appuntamento imperdibile per gli amanti di Bacco nella notte di San Lorenzo. I produttori di Bolzano verseranno le loro migliori etichette. Un’esperienza unica per lasciarsi sorprendere dai sapori, dai profumi e dalle emozioni.

0
Partyzone
Venerdì, 09 Ago 2024
L'evento si tiene dal 09 Ago 2024 al 10 Ago 2024

LineUp Bands Speed Stroke (Hard Rock/Imola) Rainswept (Hardcore/Roma) Liquid Steel (Heavy Metal/AT) Feline Melinda (Heavy Metal/BZ) Bullet Proof (Thrash Metal/BZ) Un-Expected (Rock-Metal Cover) Nine (Rock-Metal) Median (Metalcore/BX) Bright Noise (Rock-Metal Cover) // FOOD (auch vegetarisch) & DRINKS Eintritt frei!

0
Cinema
Giovedì, 08 Ago 2024 21:00

Francia 2023, 120 min.; regia: Olivier Nakache, Eric Toledano; con: Pio Marmaï, Jonathan Cohen, Noémie Merlant, Mathieu Amalric, Grégoire Leprince-Ringuet; I destini di Bruno e Albert s’incrociano casualmente. Entrambi hanno due cose in comune: sono indebitati fino al collo e la loro vita personale è alla deriva. Mentre stanno cercando un’associazione che si occupa di sovraindebitamento, si imbattono in un gruppo di attivisti climatici. Attratti più dalla birra e dalle patatine gratis che dai loro discorsi, cominciano a frequentare il gruppo – di cui fa parte anche la giovane Cactus, che non dispiace ad Albert. Ma anche quando cominciano a partecipare alle azioni del gruppo, i due cercano più che altro il vantaggio personale…

0
Partyzone
Giovedì, 08 Ago 2024 18:00

Summer at NOI: beats, performance, arte e molto altro ancora – dal 13 giugno al 14 settembre al NOI Techpark di Bolzano. Oggetti opulenti e il set anticonvenzionale, selvaggiamente esotico ed estremamente pop del DJ e designer Patrick Rampelotto. Curiosità musicali e inni underground con edit homemade firmati da Armin Schmelz. Una ventata di aria fresca con il sound punk e post-disco pop di Rita Arsenal, originaria del Quebec e ora viennese per scelta: l’8 agosto 2024, il trio di DJ “Zirkus Maximus” porterà in scena le sue sonorità eclettiche per una serata di scoperte musicali e di orizzonti dilatati.

0
Music
Mercoledì, 07 Ago 2024 20:30

Il chitarrista e cantante blues Hubert Dorigatti entusiasma con le sue composizioni originali, che potrebbero essere collocate da qualche parte tra il Delta del Mississippi e le infinite distese del Montana. Non a caso ha suonato a Memphis da vincitore del prestigioso International Blues Challenge come miglior musicista blues italiano. Dopo i suoi progetti personali e vari CD come “Bayou Side” e il “Bob Dylan Tribute Project”, l’uomo con la barba, il fascino e la voce fumosa è tornato alle sue radici musicali, il blues. La sua ultima mossa è un EP che ha registrato al Blackbird Studio di Nashville insieme al leggendario Allen Zach. Al concerto dell’UFO Summer, insieme alla sua band di alto livello, suonerà, tra le altre, le canzoni di “The Nashville Session” (2023). Gli amanti del blues riconosceranno subito perché Hubert Dorigatti ha conquistato da tempo la scena musicale internazionale con la sua musica e la sua dedizione. La serata sarà aperta da oanszwa con Lea Steinwandter e Raphael Lloyd, entrambi ex allievi di Hubert Dorigatti, che ora continua a sostenere i due giovani cantanti e chitarristi come mentore. oanszwa: Lea Steinwandter (Voice, Bass-Ukulele) // Raphael Lloyd (Voice, Guit., Piano) Hubert Dorigatti & Bayou side: Hubert Dorigatti (Voice, Guit.) // Marion Feichter (Voice) // Laura Willeit (Voice) // Michele Bonivento (Hammond organ) // Matteo Giordani (Drums) // Rich Messner (Bass) Info: Tutte le manifestazioni serali sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte. Se per la serata le previsioni danno pioggia forte, i concerti avverranno in sala.

0
Kids
Mercoledì, 07 Ago 2024 17:30

Herbert und Mimi stricken sich durch alle möglichen Märchen und versuchen, mit Hilfe der Kinder verlorene Maschen aufzufangen. Wenn sie nicht mehr weiterwissen, kann das Publikum helfen, die verschiedenen Strickmuster zu vollenden. Dass dabei nicht alles glatt läuft, versteht sich von selbst. Eine clowneske Improtheatershow für Jung und Alt. Für Menschen ab 3 Jahren Dauer: ca. 50 Minuten

0
Theatre
Martedì, 06 Ago 2024 21:00

Eisi Gulp ist ein Komiker, dessen Körper so sprachgewaltig ist wie sein Geist. Gleichzeitig weiß er mit Worten und Bewegungen perfekt zu jonglieren. Nicht nur darin unterscheidet er sich von so vielen, die Witze machen, ohne die abgründigen und doppelbödige Tiefe zu erreichen, in der er, Eisi Gulp, sich wie ein Fisch im Wasser bewegt. Seine Kunst ist weder gradlinig noch verbindlich. Er geht auf der Bühne und im Leben niemals die leichten, absehbaren Wege. Seit Jahrzehnten sucht er die Herausforderung, nimmt sie an und verwandelt sie vor Publikum in humorvolle, satirisch scharfe Wahrheiten. Er hält sich und uns den Spiegel vor wie der klassische Hofnarr, der mehr über das Leben weiß als er preisgeben will und der die Absurditäten des Lebens kennt wie kein Zweiter. Eisi Gulp bringt in seinem neuen Programm sich und sein Leben auf einen humoristischen Punkt. Nach Jahren in Film und Fernsehen, mit Kabarettprogrammen und in aufklärerischer Absicht, nach musikalischen Gipfelstürmen und menschennaher Kleinkunst, fasst er in „Tagebuch eines Komikers“ sein Leben für die und mit der Kunst zusammen und bringt es in höchstem Reifegrad auf die Bühne.

0
Cinema
Martedì, 06 Ago 2024 21:00

Frankreich 2022, 93 min., Regie: Louis-Julien Petit, mit: Audrey Lamy, François Cluzet, Chantal Neuwirth, Fatou Kaba, Yannick Kalombo, Seit ihrer Kindheit träumt Cathy davon, ein eigenes Restaurant zu führen. Als begnadete Köchin in einem Haubenlokal ist sie auf dem richtigen Weg, bis zu einem handfesten Streit mit ihrer Chefin. Jetzt ist sie vierzig und sieht sich gezwungen, eine Stelle als Kantinenkraft in einem Heim für unbegleitete minderjährige Flüchtlinge anzunehmen. Fortan stehen statt Haute Cuisine vor allem Dosenravioli und Mikrowelle auf dem Programm, neben einer ungeschickten Küchenbrigade, die aus den Heimbewohnern besteht. Cathy ist in eine kulinarische Sackgasse geraten, aus der es kein Entrinnen gibt. Oder doch?

0
Kids
Martedì, 06 Ago 2024 17:00

Animazione, Italia 1999, 80 min.; regia: Enzo d’Alò; Kengah é una gabbiana in punto di morte che riesce ad affidare il proprio uovo al gatto Zorba strappandogli tre promesse: quella di non mangiare l’uovo, di averne cura finché non si schiuderà e di insegnare a volare al nascituro. Zorba, che è un gentilgatto, battezza la gabbianella neonata col nome di Fortunata e la alleva e protegge con la complicità della sua banda di felini. Ma per insegnarle a volare, i gatti avranno bisogno dell’aiuto di un essere umano… Info: A partire dalle 16 i piccoli spettatori trovano anche un divertente programma di intrattenimento.

0
Theatre
Lunedì, 05 Ago 2024 21:00
L'evento si tiene dal 05 Ago 2024 al 23 Ago 2024

REGIE: Roland Selva Bühne u. Kostüme: Nora Veneri Lichtgestaltung: Alfredo Piras mit: Valentina Emeri, Magdalena Schwellensattl, Alexa Brunner, Bettina Mayrhofer, Nik Neureiter, Markus Westphal, David Thaler u.A. Reservierung: 0471 812128 (Bürozeiten, ab 10. Juli) oder karten@fsu-neumarkt.com Zum Stück: Vor dem Gesetz sind alle gleich! Doch trifft das auch auf den Richter selbst zu? In der Kammer der Jungfer Eve wird eine Untat begangen – dabei geht offiziell nur ein Krug zu Bruch. Die Besitzerin, Eves Mutter, beschuldigt den Verlobten ihrer Tochter, dieser hingegen streitet die Tat ab und verdächtigt einen unbekannten Nebenbuhler. Doch die Wahrheit versteckt sich hinter einem Netz aus Lügen, Erpressung und Missbrauch. Am Schluss muss Dorfrichter Adam über ein Verbrechen Recht sprechen, das er womöglich selbst begangen hat? War die Uraufführung unter der Leitung von Johann Wolfgang v. Goethe (Weimar 1808) noch ein Flop, wurde „Der zerbrochene Krug“ ab den 1820er Jahren zu einem der erfolgreichsten Stücke Deutscher Theaterliteratur. Ein Lustspiel, in dem es um die „Lust“ in mehr als nur einem Sinne geht und das auch heute noch als Spiegel patriarchaler Machenschaften, gestützt von einer moralisch verlotterten und von Scheinheiligkeit geprägten Gesellschaft, bestens funktioniert. Da kann einem das Lachen schon einmal im Halse stecken bleiben. (Philipp Ferrara)

0
Music
Sabato, 03 Ago 2024 20:30

EUROPEAN UNION BAROQUE ORCHESTRA CLAUDIO ASTRONIO Clavicembalo, direzione Opere di Wilhelm Friedeman Bach, Johann Sebastian Bach, Carl Philipp Emanuel Bach Parlando di “padri e figli” in musica, il primo pensiero va alla famiglia Bach che influenzò la storia della musica europea non solo del proprio tempo ma anche dei secoli a venire. Lo stesso Johann Sebastian nel 1735 compilò orgogliosamente una genealogia della propria famiglia ricostruendone quattro generazioni. Vi spiccavano diversi musicisti professionisti, di cui il primo in assoluto fu Johannes Bach I, soprannominato appunto “der Spielmann”. In particolare, dei suoi figli J. S. Bach scriveva: “sono nati tutti musicisti e io posso assicurare che potrei già formare un ensemble vocale e strumentale con l’intera famiglia”. Le partiture di questi “padri e figli” della musica classica saranno affidate in questo concerto all’esecuzione dei musicisti dell’EUBO, l’orchestra barocca europea formata dai più promettenti talenti della musica antica, ambasciatrice nel mondo dei valori culturali dell’Unione Europea.

0
Cinema
Sabato, 03 Ago 2024 20:00

Gespräch mit Gerti Drassl; Moderation: Christian Mair; Österreich/Italien 2024, 92 min.; Regie: Antonin Svoboda; mit: Gerti Drassl, Maya Unger, Katja Lechthaler, Lukas Miko, Krista Posch; Als der Mann der ehemaligen Skirennläuferin Andrea Weingartner überraschend stirbt, zerfällt das stabile Lebensgefüge und alte Gespenster tauchen wieder auf. Ihr Nachbar nutzt Andreas Verletzlichkeit aus und vergeht sich an ihr. Bei der Polizei wird ihr gesagt, dass die Aussichten auf eine Anklage nicht gut sind. Das erinnert sie an ihre Zeit als Jugendliche in einem Skiclub, als sie vergewaltigt wurde und der Täter auf den Schutz des Skiverbandes zählen konnte. Aber die Zeiten haben sich geändert und Andrea macht ihre Geschichte öffentlich… Die reale Vorlage: Die ehemalige Tiroler Skirennläuferin Nicola Werdenigg ging 2017 in einem Standard-Artikel an die Öffentlichkeit und löste damit einen Skandal aus. „Persona Non Grata ist kein Aufdeckerkrimi aus Journalistensicht wie der MeToo-Thriller She Said. Auch keine Rückblende auf die Vorfälle selbst. Svoboda fokussiert stattdessen auf die psychologische Komponente hinter den Schlagzeilen. Ihm geht es um das Ende des Schweigens, den Aufschrei einer Betroffenen.“ (Marian Wilhelm / Der Standard, 25.1.2024) „Wie präzise und empathisch Gerti Drassl die inneren Konflikte dieser Figur mitsamt Scham- und Schuldgefühlen sowie den späteren Befreiungsschlag verkörpert, sucht ihresgleichen.“ ( Julia Schafferhofer / Kleine Zeitung, 25.1.2024) Es ist eine große Freude, Gerti Drassl in der UFO-Arena begrüßen und mit ihr ein Gespräch über ihre Arbeit und Erfahrungen führen zu dürfen. Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Partyzone
Sabato, 03 Ago 2024
L'evento si tiene dal 03 Ago 2024 al 04 Ago 2024

PROGRAMMA: Sabato 03/08: ore 19:00 Intrattenimento musicale con "Carreras" Domenica 04/08 ore 11:00 - 15:00 Intrattenimento musicale con "I und do Oane" ore 16:00 Spettacolo di danza "Katy K Dance" ore 16:30 - 21:30 Intrattenimento musicale con "Tiroler Herz" ore 18:00 "Schuhplattler" di Riscone ore 21:30 Giochi d'acqua con i vigili del fuoco di Riscone

0
Partyzone
Sabato, 03 Ago 2024
L'evento si tiene dal 03 Ago 2024 al 04 Ago 2024

Al tradizionale festival musicale della banda musicale di Falzes suonano vari gruppi e bande che rimangono fedeli al motto "Blasmusik in Bestform". PROGRAMMA: Sabato, 03.08: ore 19:00 Concerto della banda musicale di Brunico ore 21:00 Intrattenimento musicale con "Bohemiacs" Domenica, 04.08: ore 10:30 Concerto della banda musicale di Hirschau (Germania) ore 13:00 Concerto della banda musicale giovanile di Falzes ore 14:00 Concerto della banda musicale "Radlseablech" di Pfeffersberg ore 17:00 Concerto della banda musicale giovanile "Muskitos" (Perca, Stegona, Riscone) ore 18:00 Concerto della banda musicale giovanile "TeKies" (Terento, Chienes) ore 19:00 Intrattenimento musicale con "AWATTAGUIT"

0
Partyzone
Sabato, 03 Ago 2024
L'evento si tiene dal 03 Ago 2024 al 04 Ago 2024

Festa dei vigili del fuoco nel campo delle feste coperto ad Anterselva di Mezzo. SABATO ore 18.00: Inizio festa ore 18.30: Concerto della banda musicale di Anterselva di Mezzo ore 20.45: Divertimento con il gruppo "Die jung Puschtra" DOMENICA ore 11.00: Inizio festa ore 11.30: "Weißwurst" bavarese e concerto del gruppo "Grenzenlos" ore 15.00: sfilata e concerto della banda musicale di Selva dei Molini ore 17.30: Divertimento con il gruppo "Die Klausberger"

0
Music
Venerdì, 02 Ago 2024 20:30

SANDRA LANDINI FRANCESCA AMATO PIANOFORTE PROGRAMMA M. CLEMENTI (1752-1832) Sonata n. 2 in Si bem. maggiore IMC 64 Allegro di molto Allegretto Tempo di Minuetto F. LISZT (1811- 1886) Les Préludes - Poema Sinfonico Andante maestoso Allegro tempestoso Allegretto pastorale Allegro marziale animato Vivace Andante maestoso C. SAINT-SAENS (1835-1921) Il Cigno (arr. G. Anderson) A.VIVALDI (1678-1741) „Sento in seno ch‘in pioggia di lagrime“ da Tieteberga e Giustino (arr. G. Anderson) F. LISZT (1811- 1886) Concerto Pathétique

0
Music
Venerdì, 02 Ago 2024 20:00

Das Austropop Duo mit “Wiener Schmäh” auf dem Pferderennplatz in Meran Der Kartenvorverkauf startet am 01.12.2023, ab 10.00 Uhr in allen Athesia Buchhandlungen und online unter ticketone.it. Eine Erfolgsgeschichte beginnt Kabarettist/Schauspieler trifft auf Gitarre spielenden Filmemacher – genau so beginnt die Geschichte von Seiler und Speer im Jahr 2014. Da kreiert Christoph Seiler gerade seine Reihe “Schichtwechsel”, in der er verschiedene Charaktere in allerlei Alltagssituationen spielt. Bernhard Speer fungiert dabei als Regisseur und Produzent, weil Seiler aber die Stücke mit Musik untermalen möchte, braucht er jemanden, der ihn auf der Gitarre begleitet. Speer springt ein, eine bemerkenswerte Erfolgsgeschichte beginnt. Seiler und Speer gehen 2024 wieder auf Tournee! Nach dem Spiel ist vor dem Spiel. Diese alte Fussballerweisheit, sei in etwas abgewandelter Form das Motto für die Mitteilung von SEILER & SPEER. Bernhard Speer ist nicht der allergrößte Fan des Sports rund um das runde Leder und wie man hört, dieses nicht unbedingt gewählt hätte, kann man ebenfalls annehmen. Aber egal, der Spruch klingt ganz gut und passt zu den beiden Musikern. Daher kehren sie jetzt zurück zu den wichtigen Dingen des Musikerleben. Denn Herr Seiler und Herr Speer rufen auch 2024 wieder nach ihrer Band und Crew, satteln die Transporter und belegen die Kojen ihrer Tourbusse, um erneut die Bühnen in Österreich und darüber hinaus zu erobern. Mit dabei haben sie dann selbstverständlich nicht nur all ihre Hits, allen voran „Hödn“, „Ham kummst“, „Principessa“ oder „Soits leben“, sondern auch ihre aktuelle Single „Waun da Wind geht“ Ham kummst: Das Debütalbum von Band Seiler und Speer Als Seiler und Speer setzen die beiden auf eingängigen Akustik-Popsound mit geistreichen und witzigen Texten. Auch wenn es ursprünglich als “Spaßprojekt” geplant war: Die Reaktionen auf das Duo waren derart überschwänglich, dass man gar keine andere Wahl hatte als weiterzumachen. 2014 erscheinen die ersten beiden Singles “Der Letzte Schnee” und “I Wü Net”, im Folgejahr dann “Soits Leben” und “Ham Kummst”. Nachdem es bereits “I Wü Net” auf Platz 27 der österreichischen Verkaufscharts schafft, belegt auch die Folgesingle “Soits Leben” den genau selben Spot. Dann aber kommt “Ham Kummst”, und geht so richtig durch die Decke: “Ham Kummst” erreicht Platz eins der österreichischen Singlecharts, auf YouTube wird der Song rund 3,5 Millionen Mal angeklickt. Das gleichnamige Album schafft es im Mai auf die Zwei. Nicht einmal ein halbes Jahr später gibt es dafür die Goldene Schallplatte, kurze Zeit später dürfen sich die beiden dann auch Platin in den Schrank hängen. Mittlerweile ist daraus sogar Doppelplatin geworden. SEILER UND SPEER – „Oft host a Pech“ Seiler und Speer singen in ihrer neuen Single von den unglücklichen Momenten im Leben. In wenigen Minuten durchlebt man im Video mit der Band alle Höhen und Tiefen des Lebens. Es führt die beiden Musiker von einer Geburtstagsparty, die in Flammen aufgeht, bis hin zu einem Elektroschock im Tonstudio. Doch glücklicherweise ist den Musikern nicht nur das Pech treu, sondern ebenso ihre Versicherung, die bringt sie dann auch ganz schnell wieder zurück auf die Bühne, so die Botschaft.

0
Music
Venerdì, 02 Ago 2024 20:00

Serata di grande musica con: L'Orchestra Giovanile dello Stato Bavarese Ormai sono diventati appuntamenti fissi le serate concertistiche dell’orchestra giovanile bavarese. Anche quest'anno, i giovani musicisti della „BLJO“, di età compresa tra i 13 e i 20 anni, saranno ospiti ad Appiano. Le serate concertistiche sono precedute dalla cosiddetta "fase di lavoro" estiva, che l'orchestra bavarese trascorre anche quest'estate ad Appiano. Qui i giovani musicisti vengono preparati in modo specifico per le serate concertistiche da insegnanti esperti. Le esibizioni dell'Orchestra Giovanile dello Stato Bavarese sono senza dubbio tra i momenti salienti delle serate di concerti classici. Nei suoi 40 anni di storia, la BLJO ha presentato i giganti della musica classica con grande successo in molte sale da concerto. Tradizionalmente, le esibizioni della BLJO ad Appiano si articolano su due serate: Martedì 30 luglio, i docenti si esibiranno in musica da camera, seguiti dal concerto della grande orchestra venerdì 2 agosto. Entrambi i concerti si terranno alle 20.00 nella Sala Culturale di San Michele Appiano. Un altro concerto, organizzato dalla Fondazione Musik Brixen, si terrà sabato 3 agosto alle 18:00 nel Duomo di Bressanone. Il programma del concerto dell'orchestra comprende opere di Ottorino Respighi, Bohuslav Martinu, Richard Wagner e Richard Strauss. Il direttore d'orchestra è Nicolas Rauss.

0
Partyzone
Venerdì, 02 Ago 2024
L'evento si tiene dal 02 Ago 2024 al 04 Ago 2024

Numerose associazioni invitano a partecipare alla festa più antica dell’Alto Adige nel centro storico di Egna, sotto i suoi pittoreschi portici. Squisitezze culinarie e ogni sera, su tre grandi palchi, si esibiscono complessi dal vivo e nei cortili interni e nelle cantine, dove anche i visitatori più giovani possono ballare sulle note degli hits del momento e dei ritmi più festosi.

0
Cinema
Giovedì, 01 Ago 2024 21:00

F 2021, Franck Dubosc, 103 Min. Mit Franck Dubosc, Louna Espinosa, Jean-Pierre Darroussin u.a. Tony ist Mitte 50 und ein mürrischer Einzelgänger. Während er mit einem Schulbus quer durch die Pariser Randbezirke fährt, träumt er von der großen Freiheit in Amerika. Nach einem Herzinfarkt platzt Tonys Traum. Jäh wird ihm die Vergänglichkeit des Lebens bewusst. Jetzt will er endlich seine Tochter Maria kennenlernen, deren Mutter er noch vor ihrer Geburt verlassen hat. Mittlerweile arbeitet Maria als Tanzlehrerin. Also schreibt sich Tony kurzerhand unter falschem Namen für einen ihrer Rumba-Kurse ein. Ab 14 Jahren Eintritt 5 Euro bei schlechter Witterung wird der Film im Kinosaal vorgeführt!

0
Cinema
Giovedì, 01 Ago 2024 21:00

Wir laden euch herzlich zum Sommerkino im Casòn Hirschprunn ein! In Zusammenarbeit mit dem Filmclub Neumarkt verwandeln wir den Innenhof unseres Renaissance-Palazzos in ein Open-Air-Kino. WAS ERWARTET EUCH? Ein Kinobesuch in historischer Kulisse. Unterhaltsame Sommer-Abende mit Freunden und Familie. Auf Wunsch ein Aperitif im Alois Lageder Paradeis. Vier ausgewählte internationale Produktionen. SE/GB/US/FR 2022, 147 Min. Regie: Ruben Östlund mit: Woody Harrelson, Harris Dickinson, Charlbi Dean, Dolly De Leon, Vicki Berlin, Iris Berben, Sunnyi Melles, Henrik Dorsin Carl und Yaya inszenieren ihr Liebesleben erfolgreich auf Instagram. Sie nehmen ihre Follower mit an Bord einer Luxuskreuzfahrt, wo sich allerhand schräge Gestalten tummeln: ein marxistischer Kapitän, britische Waffenhändler und gelangweilte Ehefrauen. Doch die selfietaugliche Reise wird bald zu einem Albtraum, denn es zieht ein Sturm auf. Als es ums knallharte Überleben geht, wird die soziale Hierarchie plötzlich auf den Kopf gestellt. TRIANGLE OF SADNESS ist eine bitterböse Mischung aus Satire, Drama, Slapstick und Gesellschaftskritik. Ruben Östlund (THE SQUARE) rechnet mit toxischer Männlichkeit, gefährlichen Machtstrukturen und den vielen Ungerechtigkeiten dieser Welt ab, die er klug und höchst vergnüglich zu einem explosiven Cocktail mixt. Freier Eintritt (Aperitif gegen Bezahlung) Das Sommerkino findet auch bei schlechtem Wetter statt. Bei Regen wird die Filmvorführung in den angrenzenden historischen Barrique-Keller verlegt.

0
Cinema
Giovedì, 01 Ago 2024 21:00

Österreich/Deutschland 2022, 110 min.; Regie: Adrian Goiginger; mit: Johannes Krisch, Jakob Mader, Gerti Drassl, Harald Windisch, Verena Altenberger; Zillertal, 70er Jahre. Die Erwartungen an Elias sind hoch. Er ist Sohn des reichsten Großbauern im Tal und ein ausgezeichneter Schüler. Bald schon soll er den Hof übernehmen. Doch er hat immer größere Probleme, seiner Rolle gerecht zu werden. Seine erste Liebe zur geschiedenen Moid wird von den Eltern mit allen Mitteln verhindert. Schließlich verzichtet er auf sein Erbe und zieht sich auf die Hochalm „Märzengrund“ und dann noch höher in die Berge zurück, wo er endlich die immer ersehnte Freiheit findet… Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Music
Giovedì, 01 Ago 2024 17:00

MICHAIL LIFITS Pianoforte Ferruccio Busoni 6 Préludes da 24 Préludes, Op. 37, BV 181 EDITH CLEVER legge da: Busoni – Gottfried Galstons Kalendernotizen In lingua tedesca IVAN KRPAN Pianoforte Bach/Busoni Choralvorspiel „Ich ruf zu Dir Herr Jesu Christ“ BWV 639 – BV B 27 n. 5 EMANUIL IVANOV Pianoforte Bach/Busoni Choralvorspiel „Nun komm der Heiden Heiland“ BWV 659 – BV B 27 n. 3 JAE HONG PARK Pianoforte Bach/Busoni Choralvorspiel „Wachet auf, ruft uns die Stimme“ BWV 645 – BV B 27 n. 2 ARSENII MOON Pianoforte Bach/Busoni Choralvorspiel n. 3 “Nun komm, der Heiden Heiland, BWV 659” CHLOE JIYEONG MUN Pianoforte Ferruccio Busoni 10 Variationen über ein Präludium von Chopin BV 213a IVAN KRPAN Pianoforte Ferruccio Busoni Sonatina seconda, BV 259 ARSENII MOON Pianoforte Ferruccio Busoni Fantasia nach J.S. Bach, BV 253 Negli ultimi 15 anni, il Concorso Busoni ha incoronato sei vincitori del 1° premio. Dopo due finali senza l’assegnazione del massimo riconoscimento, seguite nel 2009 dal trionfo di Michail Lifits, sei anni dopo Chloe Mun è stata la prima artista asiatica ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento. Nel 2017 è stata la volta di un vincitore a sorpresa, Ivan Krpan, all’epoca diciannovenne. Nel 2019, giuria e pubblico sono rimasti folgorati dal pianismo maturo e riflessivo di Emanuil Ivanov, mentre Jae Hong Park è stato il primo vincitore a passare attraverso il Glocal Piano Project quale fase eliminatoria delle selezioni del concorso nel 2021, per cedere poi il testimone ad Arsenii Moon nel 2023. Nelle prove finali di Bolzano, tutti hanno dovuto misurarsi con le composizioni e le trascrizioni di Ferruccio Busoni, considerate estremamente impegnative. Tuttavia, per la grande maratona che attraversa le sue opere in occasione del centenario della sua scomparsa, sono in programma non solo i brani obbligatori inclusi nel repertorio del concorso, ma anche la sua Fantasia Contrappuntistica, eseguita molto più di rado. In sei ore sarà possibile assistere all’esecuzione dei sei vincitori: come si sono sviluppati in questi anni e che cosa hanno conservato dell’epoca? Come suonano a distanza di tempo da quella particolare situazione? Esiste forse un denominatore comune in cui si articola l’identità di questa istituzione del Concorso Busoni e del suo grande patrono?

0
Music
Giovedì, 01 Ago 2024 17:00

JAE HONG PARK & CHLOE JIYEONG MUN Pianoforte Ferruccio Busoni Fantasia contrappuntistica für zwei Klaviere, BV 256b IVAN KRPAN & EMANUIL IVANOV Pianoforte Ferruccio Busoni Sieben Elegien BV 249 / BV 252 MICHAIL LIFITS Pianoforte Ferruccio Busoni 6 Préludes da 24 Préludes, Op. 37, BV 181 EDITH CLEVER legge da: Busoni – Gottfried Galstons Kalendernotizen In lingua tedesca Negli ultimi 15 anni, il Concorso Busoni ha incoronato sei vincitori del 1° premio. Dopo due finali senza l’assegnazione del massimo riconoscimento, seguite nel 2009 dal trionfo di Michail Lifits, sei anni dopo Chloe Mun è stata la prima artista asiatica ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento. Nel 2017 è stata la volta di un vincitore a sorpresa, Ivan Krpan, all’epoca diciannovenne. Nel 2019, giuria e pubblico sono rimasti folgorati dal pianismo maturo e riflessivo di Emanuil Ivanov, mentre Jae Hong Park è stato il primo vincitore a passare attraverso il Glocal Piano Project quale fase eliminatoria delle selezioni del concorso nel 2021, per cedere poi il testimone ad Arsenii Moon nel 2023. Nelle prove finali di Bolzano, tutti hanno dovuto misurarsi con le composizioni e le trascrizioni di Ferruccio Busoni, considerate estremamente impegnative. Tuttavia, per la grande maratona che attraversa le sue opere in occasione del centenario della sua scomparsa, sono in programma non solo i brani obbligatori inclusi nel repertorio del concorso, ma anche la sua Fantasia Contrappuntistica, eseguita molto più di rado. In sei ore sarà possibile assistere all’esecuzione dei sei vincitori: come si sono sviluppati in questi anni e che cosa hanno conservato dell’epoca? Come suonano a distanza di tempo da quella particolare situazione? Esiste forse un denominatore comune in cui si articola l’identità di questa istituzione del Concorso Busoni e del suo grande patrono?

0
Music
Mercoledì, 31 Lug 2024 21:00

Passenger, il cantautorato brittanico celebra l’album di debutto All The Little Lights nei Giardini di Castel Trauttmansdorff. Prevendita biglietti dal 6 dicembre 2023, alle ore 13.00 in tutte le librerie Athesia. Trento: Promoevent, Radio Dolomiti Passenger: una star mondiale a Merano Mike Rosenberg, a.k.a. PASSENGER, il menestrello dal successo mondiale, tra gli artisti inglesi di maggior successo degli ultimi anni, con album ai vertici delle classifiche e singoli diventati delle vere e proprie hit, come “Let Her Go“, che ha raggiunto il #1 posto in 19 paesi, che conta oltre sei miliardi di streaming in tutto il mondo, ha generato più di 3,5 miliardi di visualizzazioni su YouTube ed è ora la seconda canzone più shazammata di tutti i tempi, torna in Italia per festeggiare il decennale del suo pluripremiato album d’esordio. L’ album pluripremiato A dieci anni dall’uscita del suo album di debutto, contenente proprio la canzone che è entrata nel cuore di tutti i fan, lo scorso 10 novembre PASSENGER ha pubblicato “All The Little Lights (Anniversary Edition)”. All’album hanno collaborato anche Foy Vance, Gabrielle Aplin, Nina Nesbitt ed Ed Sheeran. Registrato nella sua prima edizione ai Linear Recording Studio di Chris Vallejo a Sydney, “All The Little Lights” è l’album con il quale, nel 2013, Passenger ha silenziosamente conquistato la fama globale, grazie anche al successo del singolo “Let Her Go” che ha raggiunto la prima posizione in 19 paesi e ha ottenuto la certificazione platino in 11, inclusi gli Stati Uniti dove è stato certificato sei volte disco di platino. In 16 anni di carriera PASSENGER ha pubblicato ben 14 album in studio. Ingresso: dalle ore 18.00 con possibilità di visitare i Giardini di Castel Trauttmansdorff. Il parcheggio è incluso nel prezzo del biglietto. I concerti si svolgono all’aperto e in qualsiasi condizione atmosferica, i posti a sedere del pubblico non sono coperti. Non è garantito il posto a sedere. Non è previsto il diritto al rimborso dei biglietti in caso di maltempo. Il programma è soggetto a modifiche con breve preavviso. Questo evento viene realizzato con il cortese sostegno dell’Azienda di Soggiorno di Merano.

0
Music
Mercoledì, 31 Lug 2024 20:30

Johann Sebastian Bach Vier Duette, BWV 802-805 Johann Sebastian Bach Partita n. 2 in do minore, BWV 826 Fryderyk Chopin Quattro Mazurche, Op. 30 Fryderyk Chopin Tre Mazurche, Op. 50 Robert Schumann “Waldszenen” Op. 82 È impossibile non usare superlativi per descrivere il pianismo di Grigory Sokolov: sempre all’altezza della sua fama di leggenda vivente, osannato come artista dai mille colori e artefice delle sfumature più raffinate, da alcuni è considerato il più grande pianista della nostra epoca. Chiunque abbia avuto modo di ascoltarlo negli ultimi anni, a Bolzano o altrove, conoscerà l’atmosfera particolare che si respira nella sala da concerto, meticolosamente allestita dal maestro stesso: luci soffuse e un pianoforte a coda Steinway di non più di cinque anni, la cui posizione sul palcoscenico viene stabilita con precisione centimetrica e che viene collocato proprio in sua presenza. La sua spontaneità ipnotica e la sua dedizione senza compromessi alla musica rendono ogni sua esecuzione un’esperienza trasformativa. Il programma di quest’estate prenderà il via con duetti e una Partita di Bach, passando per le Mazurche di Chopin e terminando con le liriche Waldszenen di Robert Schumann.

0
Others
Mercoledì, 31 Lug 2024 18:30

Jodel-Hörspiel und gemeinsames Jodeln in einer einzigartigen Location: dem Knottnkino in Vöran. Vor jedem Schritt lange nachdenken? Sich lauter Dramen ausmalen, dass man nicht vom Fleck kommt, anstatt auf einem Drachen durchs Leben zu reiten? Mut & Drachenglut ist eine Reise in teils ungewohnte, aber poetisch zauberhafte Sprach- und Klangwelten. Das Duo Huja aus Südtirol präsentiert ein Live-Hörspiel, das Platz lässt für Kopfkino. Hoch über dem Etschtal beim Knottnkino in Vöran ist wohl der passendste Ort, um Blicke und Gedanken schweifen und innere Bilder entstehen zu lassen. Heidi Clementi und Brigitte Knapp sind das Duo Huja, sie singen und jodeln im modernen Zwoagsong (www.duohuja.com), gestalten die Erzählung „Mut & Drachenglut“ als Live-Hörspiel und geben noch einiges mehr aus ihrem Repertoire zum Besten. Nach dem Hörspiel und Konzert steht gemeinsames Jodeln auf dem Programm: Während es eine kleine Stärkung in Form von Häppchen gibt, werden Interessierte vom Duo Huja in die Technik des Jodelns eingeweiht. In der besonderen abendlichen Atmosphäre des Knottnkinos können sie ihre Stimme an diesem besonderen Gesang ausprobieren. Programm: Treffpunkt ist um 17.30 Uhr beim Parkplatz Knottnkino (oberhalb des Hofschanks Eggerhof) in Vöran von wo aus wir gemeinsam in 45 Minuten zum Knottnkino wandern. Oben angekommen erleben wir die einzigartige Vorstellung erleben und anschließend auch selbst das Jodeln probieren. Nach Sonnenuntergang wandern wir im Laternenlicht (Laternen werden vom Infobüro zur Verfügung gestellt) wieder zurück zum Parkplatz mit Rückkehr um ca. 20.30 Uhr. Preis: kostenlos Anmeldung: online auf hafling.com oder beim Infobüro Hafling innerhalb 16.00 Uhr des Vortages Bei schlechtem Wetter wird die Veranstaltung in ein Gasthaus verlegt. Bei der Veranstaltung können Foto- und Videoaufnahmen durchgeführt werden, zum Zwecke der Dokumentation und Bewerbung der Veranstaltung und des Gebietes. Die Aufnahmen können auf Webseiten, in sozialen Netzwerken und in den Medien unter Beachtung der Datenschutzvorschriften verwendet und veröffentlicht werden.

0
Art & Culture
Mercoledì, 31 Lug 2024 16:00

EMANUIL IVANOV Pianoforte Ferruccio Busoni Toccata: Preludio, Fantasia, Ciaccona BV 287 ALFRED BRENDEL Contributo Video: “über Busoni – ein Videogespräch, 1999“ LORENZO ANCILLOTTI Busoni ed i suoi contemporanei – amicizie e dialoghi In lingua italiana THOMAS ERTELT Busoni – “Freiheit für die Tonkunst” In lingua tedesca ANTHONY BEAUMONT The truth about Busoni’s Bach transcriptions In lingua inglese JACOPO PELLEGRINI Ferruccio Busoni pianista, direttore e compositore rimirato, in vita e morte, dalle itale sponde In lingua italiana TAVOLA ROTONDA Lorenzo Ancillotti, Thomas Ertelt, Anthony Beaumont, Jacopo Pellegrini Moderazione: Peter Paul Kainrath Ferruccio Benvenuto Busoni (1866-1924), compositore, virtuoso del pianoforte, direttore d’orchestra e teorico della musica, e annoverato tra le personalità artistiche di spicco della sua epoca. Accanto a compositori del calibro di Arnold Schönberg, Igor Stravinskij, Bela Bartok e Paul Hindemith, e considerato un pioniere della Nuova Musica. In molte delle sue composizioni lambisce l’atonalità dell’avanguardia contemporanea e la sua estetica culmina nella visione di una musica libera. La sua influenza permanente sull’arte e la musica del XX secolo lo rende una delle figure centrali del modernismo. Il 27 luglio ricorre il centenario della sua morte. Proprio il 25° anniversario della sua scomparsa, nel 1949, diede l’impulso per la nascita, a Bolzano, del concorso pianistico a lui dedicato, sotto il patrocinio di un imponente comitato fondatore. La stessa vedova di Busoni, Gerda, espresse il suo apprezzamento in una commovente lettera. Il resto e storia pianistica e della città di Bolzano, ma il centenario della sua morte e l’occasione perfetta per approfondire la figura titanica di Busoni in tutte le sue sfaccettature: a partire da un simposio, due giornate di immersione nella sua persona e opera culmineranno in una vera e propria maratona pianistica, durante la quale gli ultimi sei vincitori del 1° premio eseguiranno la sua intera opera per pianoforte solo, intervallata da contributi scritti dallo stesso artista e su di lui, letti dalla leggendaria attrice Edith Clever. Ingresso libero

0
Cinema
Martedì, 30 Lug 2024 21:00

Deutschland/Finnland 2023, 114 min.; Regie: Birgit Möller; mit: Lena Urzendowsky, Gerti Drassl, Meryem Ebru Öz, Sophie Killer; Franky arbeitet als Aushilfe in einem Getränkemarkt und lebt in einer WG mit ihrer engen Freundin Katja. Während sie heimlich in ihren attraktiven Nachbarn verliebt ist, findet sie Zuflucht in ihrer eigenen Vorstellungskraft. Immer wenn sie in unangenehme oder unbehagliche Situationen gerät, flüchtet sie in ein zauberhaftes Belle-Époque-Hotel, das ausschließlich in ihrer Gedankenwelt existiert. Hier trifft sie auf eine vielfältige Gruppe von Figuren, darunter Frau Franke, Ella, Lenny und Frank, die alle vor Energie nur so strotzen. Die Dinge nehmen aber eine turbulente Wendung, als Katjas neuer Freund Hasim, genannt Hasi, in die WG einzieht… Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Cinema
Martedì, 30 Lug 2024 21:00

Sommerkino Casòn Hirschprunn FR 2017, 117 Min. Regie: Eric Nakache mit: Jean-Pierre Bacri, Jean-Paul Rouve, Gilles Lellouche, Vincent Macaigne, Eye Haidara, Suzanne Clément, Alban Ivanov, Hélène Vincent Nulla è più importante per due sposi del giorno del proprio matrimonio! Tutto deve essere semplicemente magico in ogni momento. E per organizzare la festa perfetta, Max ed il suo team sono i migliori in circolazione! Pierre ed Elena hanno deciso di sposarsi in un magnifico castello poco fuori Parigi e hanno scelto di affidarsi a loro per una serata meravigliosa. Seguiremo tutte le fasi, dall'organizzazione alla festa, attraverso gli occhi di quelli che lavorano per renderla speciale. Inutile dire che sarà una lunga giornata, ricca di sorprese, colpi di scena e grandi risate... Dopo il successo di QUASI AMICI torna la coppia di registi più brillante del cinema francese con una commedia tutta da ridere! Ingresso gratuito

0
Music
Martedì, 30 Lug 2024 20:30

ORCHESTRA HAYDN MARIANGELA VACATELLO Pianoforte MICHELE GAMBA Direttore Edvard Grieg Concerto per pianoforte e orchestra in la minore, Op. 16 Ludwig van Beethoven Sinfonia n. 5 Grieg completò nel corso della sua vita un unico concerto per strumento solista e orchestra, ovvero il Concerto per pianoforte in la minore, e subito questa partitura fu riconosciuta come vero capolavoro del repertorio pianistico. Con queste note nelle mani della pianista Mariangela Vacatello si apre il Bolzano Festival Bozen. Le liriche melodie nordiche del compositore norvegese si scioglieranno nella tiepida notte estiva del Parco delle Semirurali prima che risuoni stentoreo l’incipit della Quinta Sinfonia di Beethoven. Ingresso libero In caso di pioggia il concerto si terrà all’Auditorium in via Dante 15, Bolzano.

0
Kids
Martedì, 30 Lug 2024 17:00

Zeichentrick, Schweden/Deutschland/Ungarn 2009, 74 min.; Regie: Igor Veyshtagin; Eigentlich möchte die Krähe mit Mama Muh nichts zu tun haben, denn die ist ihr unheimlich. Eine Kuh sollte Gras fressen und faul auf der Weide liegen. Aber Mama Muh will Rad fahren, schwimmen, schaukeln, auf Bäume klettern – und der Kuhstall muss auch neu ausgemalt werden. Und weil Mama Muh so beharrlich ist und die Krähe immer wieder auffordert mitzumachen, werden die beiden schließlich dicke Freunde und haben viel Spaß miteinander. Info: Die Kinder können sich, passend zu den jeweiligen Filmen, bereits ab 16 Uhr auf ein lustiges Rahmenprogramm freuen.

0
Music
Lunedì, 29 Lug 2024 21:15-22:30 |

Concerto della rassegna musicale Festival Badiamusica con il Trio Andrea Palladio formato da Michele Antonello (oboe), Steno Boesso (fagotto) e Enrico Zanovello (organo). Il singolare trio formato da oboe fagotto e organo presenta un programma originale di autori poco presenti nelle programmazioni concertistiche. Dal barocco europeo di Pepusch e Platti per arrivare al Miniature Trio dell’australiano Alfred Hill, il repertorio proposto si muove attraverso un grande equilibrio fra i tre strumenti indulgendo in melodie piene di pathos, cromatismi, cambiamenti armonici inusuali ed uno stato d’animo che sostiene brillantemente tutti i brani. L'entrata è libera.

0
Exhibitions
Domenica, 28 Lug 2024 10:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 28 Lug 2024 al 17 Nov 2024

Arte e scienza per una nuova alleanza con la natura: la mostra The Mountain Touch, visitabile al MUSE di Trento fino al 17 novembre, presenta 17 artiste/i e le loro opere legate alla montagna e, più in generale, alla natura. Stimoli visivi e di carattere artistico affiancati da approfondimenti scientifici su ricerche attuali che prendono spunto dalla crisi climatica in corso, dalla perdita di biodiversità e dal progressivo degrado degli ambienti naturali per affermare che il nostro benessere è strettamente correlato alla natura e all’ambiente. La mostra sarà occasione anche per una serie di eventi collaterali, “Feel the Mountain Touch. Attività in natura e visita alla mostra”, quattro giornate per toccare con mano i temi della mostra e riconnettersi con la natura seguite dalla visita alla mostra. Domenica 28 luglio, La rivoluzione del tempo profondo Sabato 3 agosto, Officina verde, un cammino tra il benessere vegetale Domenica 11 agosto, Immergersi nella nostra natura. Una sintonia sottile attraverso l’ascolto e un contatto profondo con Sé Sabato 17 agosto, Bagno di Foresta Da un progetto del Museo Nazionale della Montagna di Torino.

0
Partyzone
Sabato, 27 Lug 2024 22:30

Stephane Peeps DJ set - Closing party (Silent Disco) Evento gratuito Per la chiusura del 40° Festival Bolzano Danza una silent disco a cui è invitata tutta la cittadinanza nel Parco dei Cappuccini con lo street dancer, performer, disegnatore di abiti e noto DJ francese Stephane Peeps, oggi di stanza a Berlino dove è direttore creativo di FAAM Studio (Fashion, Art and Movement). Il suo stile musicale è eclettico quanto le sue passioni: naviga tra house, afro, baile, funk e dancehall. Impossibile non farsi trascinare in pista dalla sua musica e personalità. DJ richiesto nei locali più alla moda di Berlino (Kink, Watergate, Prince Charles e Monarch), Peeps è “resident dj” a Radio Refuge Worldwide.

0
Art & Culture
Sabato, 27 Lug 2024 18:00

La pittrice Jette Christiansen, nata a Kopenhagen, vive da tanti anni ormai in Alto Adige. Dopo un percorso di studio nell’ambito della medicina sociale , un inizio dello studio dell’architettura degli interni, dovrà passare qualche tempo fino a quando decide di seguire la sua vera passione, la pittura. L’accompagna in questo percorso il rinomato pittore Gotthard Bonell. In numerose mostre l’opera di Jette Christiansen è potuta essere ammirata da un pubblico d’intenditori. La nuova mostra “La poesia dei limoni – Wo die Zitronen blüh’n” ci fa vedere 17 opere raffiguranti dei limoni, che l’artista ha creato nell’arco dell’ultimo anno. I quadri evocano nostalgia, di cui il limone, frutto simbolo di una terra del sud, è la metafora. L’opera di Jette sottolinea la materialità degli oggetti, combinata a colori forti, ricchi di contrasti, capaci a causare nello spettatore delle emozioni ugualmente contrastanti. Paesaggi fiabeschi – surreali abbinano elementi che a prima vista non sembrano appartenersi: limoni con scarpe, stoffe, rocce…

0
Art & Culture
Sabato, 27 Lug 2024 18:00

Inaugurazione e visita guidata alla mostra The Mountain Touch in compagnia del curatore, le artiste, gli artisti e le ricercatrici e i ricercatori che hanno contribuito. Per celebrare l’apertura della nuova mostra temporanea, a partire dalle 16 un pomeriggio di letture a cura di Bruno Crucitti. Arte e scienza per una nuova alleanza con la natura: la mostra The Mountain Touch, visitabile al MUSE di Trento fino al 17 novembre, presenta 17 artiste/i e le loro opere legate alla montagna e, più in generale, alla natura. Stimoli visivi e di carattere artistico affiancati da approfondimenti scientifici su ricerche attuali che prendono spunto dalla crisi climatica in corso, dalla perdita di biodiversità e dal progressivo degrado degli ambienti naturali per affermare che il nostro benessere è strettamente correlato alla natura e all’ambiente. La mostra sarà occasione anche per una serie di eventi collaterali, “Feel the Mountain Touch. Attività in natura e visita alla mostra”, quattro giornate per toccare con mano i temi della mostra e riconnettersi con la natura seguite dalla visita alla mostra. Domenica 28 luglio, La rivoluzione del tempo profondo Sabato 3 agosto, Officina verde, un cammino tra il benessere vegetale Domenica 11 agosto, Immergersi nella nostra natura. Una sintonia sottile attraverso l’ascolto e un contatto profondo con Sé Sabato 17 agosto, Bagno di Foresta Da un progetto del Museo Nazionale della Montagna di Torino.

0
Partyzone
Sabato, 27 Lug 2024
L'evento si tiene dal 27 Lug 2024 al 28 Lug 2024

Tradizionale festa estiva della banda musicale di Rasun di Sopra con intrattenimento musicale e specialità gastonomiche. Programma Sabato: ore 18.00 - concerto della banda giovanile ore 19.30 - concerto degli ottoni di Rasun di Sopra ore 21.00 - Musica pop di strumenti a fiato Programma Domenica: ore 11.30 - sfilata in seguito concerti delle bande di Ponte Gardena S. Vigilio ore 16.00 - esibizione del gruppo folcloristico

0
Music
Venerdì, 26 Lug 2024 20:30

Descrizione Itinerario: accesso a proprio rischio. Si consigliano calzature adeguate, cuscino o coperta per sedersi e un’illuminazione per il ritorno. In caso di pioggia: Pinzoner Keller PROGRAMMA Battle Suite: Galliarda - Tylman Susato Concerto in fa maggiore per trombino e quintetto - Antonio Vivaldi Hommage to the noble grape: Weinsuite - Goff Richard Champagne Hock Chianti Fundador an more Champagne Jive for five - Paul Nagle Tuba tiger Rag - Luther Henderson Solo per Bassotuba Puttin on the Ritz - Irving Berlin

0
Partyzone
Venerdì, 26 Lug 2024
L'evento si tiene dal 26 Lug 2024 al 27 Lug 2024

I Südtiroler Highland Games sono un evento, in cui squadre a 4 (clans) si confrontano in 9 disciplinre scozzesi. Tutto ció in combinazione con una festa di carattere scozzese, irlandese e celtico. La manifestazione é un ommaggio agli Highland Games originali scozzesi che esistono giá dal 11esimo secolo. Il loro scopo era di trovare gli uomini scozzesi piú forti e veloci. Venerdí, 26.07.2024 dalle ore 18.00 WARM UP PARTY 19.00 - 20.00 HAPPY HOUR 1 beer & 1 free shot 20.30 UN-EXPECTED Sabato, 27.07.2024 dalle ore 9.00 inizio festa, prima colazione e registrazione squadre 10.00 Inizio dei giochi (Round 1) 13.00 - 14.00 Pausa ore 14.00 inizio dei giochi (Round 2) ore 17.30 sfilata di tutti i partecipanti e spettatori ore 18.00 giochi finali ore 20.00 premiazione poi KAISER LEE poi THE HILLBILLY REDNECKS TRIO

0
Music
Giovedì, 25 Lug 2024 21:00

La cantautrice canadese, Loreena McKennitt sará per la prima volta in Alto Adige, ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, Merano. Prevendita biglietti: 16.02.2024, ore 10.00 in tutte le librerie Athesia. Trento: Promoevent, Radio Dolomiti LOREENA McKENNITT: DOPO LE TAPPE DEDICATE A THE VISIT LA CANTAUTRICE TORNERÁ IN ITALIA IN ESTATE PER CELEBRARE I TRENT’ANNI DI THE MASK AND MIRROR Pubblicato nel 1994, The Mask and Mirror è stato definito “senza tempo e trascendente” e lodato per la sua contaminazione interculturale di influenze celtiche, spagnole e marocchine, ed è senza dubbio uno dei lavori più amati della McKennitt che ne parla così: «Questo album è stato per me un pellegrinaggio storico e musicale e sono entusiasta di riportarlo in scena durante il tour estivo in Europa. Questo è un anniversario fondamentale nella mia carriera e non vedo l’ora di festeggiarlo.» Nel comporlo, Loreena afferma di aver seguito diverse ispirazioni e aver preso in considerazione alcune domande che risuonano nella storia: «Chi era Dio? Cosa sono religione e spiritualità? Cos’è stato rivelato e cosa nascosto, cos’era la maschera e cos’era lo specchio?» Ingresso: dalle ore 18.00 con possibilità di visitare i Giardini di Castel Trauttmansdorff. Il parcheggio è incluso nel prezzo del biglietto. I concerti si svolgono all’aperto e in qualsiasi condizione atmosferica, i posti a sedere del pubblico non sono coperti. Non è garantito il posto a sedere. Non è previsto il diritto al rimborso dei biglietti in caso di maltempo. Il programma è soggetto a modifiche con breve preavviso. Con il cortese sostegno dell’Azienda di Soggiorno di Merano.

0
Cinema
Giovedì, 25 Lug 2024 21:00

Großbritannien/Frankreich/Belgien 2023, 113 min.; Regie: Ken Loach; mit: Dave Turner, Ebla Mari, Claire Rodgerson, Trevor Fox, Chris McGlade Nordengland. The Old Oak ist ein besonderer Ort. Es ist nicht nur das letzte verbliebene Pub, sondern auch der einzige Ort, an dem man sich noch treffen kann in dem einst blühenden Grubendorf, das schwer gezeichnet ist von 30 Jahren Niedergang. Der Besitzer des Pubs, TJ Ballantyne, kann den Betrieb mehr schlecht als recht aufrecht erhalten, und die Situation wird noch schwieriger, als im Dorf eine Gruppe syrischer Geflüchteter einquartiert wird. TJ teilt die Feindseligkeit gegenüber den Neuankömmlingen nicht und freundet sich mit der jungen Yara an. Aber wird es den beiden Gemeinschaften gelingen, einen Weg der Verständigung zu finden? Info: Alle Abendveranstaltungen sind als Open-Air-Erlebnisse geplant und finden in der UFO-Arena statt. Bei unsicherem Wetter nehmen Sie deshalb bitte einen Regenschutz und ev. eine Decke mit. Sollte für den Abend starker Regen vorhergesagt sein, finden die Filmvorführungen im Saal statt.

0
Cinema
Giovedì, 25 Lug 2024 21:00

Sommerkino Casòn Hirschprunn IT 2024, 115 Min. Regie: Paolo Virzì mit: Sabrina Ferilli, Laura Morante, Silvio Orlando, Christian De Sica, Vinicio Marchioni In una sera d’agosto del 1996, nella casa di Ventotene dove il giornalista Sandro Molino trascorreva le vacanze, la sua compagna Cecilia gli rivelò di essere incinta. Oggi Altiero Molino è un ventiseienne imprenditore digitale e torna a Ventotene col marito fotomodello per radunare i vecchi amici intorno al padre malato, per regalargli un’ultima vacanza in quel luogo per lui così caro. Non si aspettava di trovare l’isola in fermento per il matrimonio di Sabry Mazzalupi col suo fidanzato Cesare: la ragazzina goffa figlia del bottegaio romano Ruggero, è diventata una celebrità del web e le sue nozze sono un evento mondano che attira i media e anche misteriosi emissari del nuovo potere politico. Due tribù di villeggianti, due Italie apparentemente inconciliabili, destinate ad incontrarsi di nuovo a Ferragosto, per una sfida stavolta definitiva. Ingresso gratuito

0
Kids
Giovedì, 25 Lug 2024 19:00
L'evento si tiene dal 25 Lug 2024 al 11 Ago 2024

Die dumme Augustine hat alle Hände voll zu tun mit dem Haushalt, den drei Kindern Guggo, Gugga und Guggilein und ihrem Mann, dem dummen August. Anstatt zu waschen, staubsaugen, mit den Kindern Hausaufgaben zu machen und ihrem tollpatschigen Mann die Schuhe hinterherzutragen, würde sie viel lieber im Zirkus auftreten. So wie der dumme August, der jeden Abend das Publikum zum Lachen bringt. Er ist die Sensation im Zirkus und den Zirkusdirektor freut´s, wenn der Laden läuft. Eines Tages kommt der dumme August wegen eines "dringenden Termins" zu spät zur Aufführung und der Zirkusdirektor ist außer sich. Die dumme Augustine springt ein und zum ersten Mal steht sie im Scheinwerferlicht der Manege. Alter: 4-99 Jahre Teilnehmerbegrenzung: begrenzte Zuschauerzahl Ticketpreis: 12,00 Euro pro Person - Kinder unter 4 Jahren frei Reservierung: www.freiluft.info und Tourismusverein Lana und Umgebung von MO-FR 9.00-18.30 Uhr, T +39 0473 561 015 oder T +39 0473 291 343 An Aufführungstagen: 18.00-19.00 Uhr, Freilufttheater +39 338 998 837 3 Bezahlung: Abendkassa im Kränzelhof Die Theaterkarte berechtigt zu einem ermäßigten Eintritt in die Gärten des Kränzelhofes innerhalb Herbst 2024

0
Partyzone
Giovedì, 25 Lug 2024 18:00

Summer at NOI: beats, performance, arte e molto altro ancora – dal 13 giugno al 14 settembre al NOI Techpark di Bolzano. Catturare lo spirito del tempo e raccontarne tutta la poliedricità attraverso un ampio spettro di suoni: questo è ciò che il giovane collettivo del Renon “Zeitgeist” ha in programma per il 25 luglio 2024. Suoni sperimentali si mescolano a remix innovativi. Giovani incontrano chi giovane lo è già stato. La gente del posto si mescola a chi è di passaggio – per una serata dedicata allo scambio culturale e alla scoperta reciproca.

0
Art & Culture
Giovedì, 25 Lug 2024 17:30
L'evento si tiene dal 25 Lug 2024 al 26 Ago 2024

Sono ormai più di venti anni che l’Associazione Culturale “Il Telaio” di Brunico propone d’estate gli “Incontri con l’autore”. La manifestazione letteraria è frequentata da scrittori e giornalisti che presentano le loro opere. PROGRAMMA 25/07: Corrado Augias - "La vita s'impara" 26/07: Chiara Mercuri - "La nascita del femminismo medievale" 29/07: Marco Ballestracci - "Preludio e fuga di Riccardo Klement" 30/07: Sabrina Grementieri - "Il sole di sera" 31/07: Valeria Corciolani - "La regina dei colori" 02/08: Maddalena Fingerle - "Pudore" 05/08: Massimo degli Esposti, Andrea Franchini - "Bio.On. L'unicorno avvelenato" 07/08: Arno Camenisch - "Anni d'Oro" 09/08: Giovanna Cigliano - "La Russia contemporanea" 11/08: Antonella Viola - "Il tempo del corpo" 12/08: Carlo Cottarelli: "Dentro il palazzo" 19/08: Roberto Roveda - "I grandi genocidi della storia" 20/08: Andrea Franzoso - "Lo chiamavano Tempesta" 21/08: Raffaela Vanzetta - "Social Fame" 23/08: Roberto Riccardi - "La Fiamma e le Aquile" 26/08: Giovanni Grasso - "L'amore non lo vede nessuno" Ingresso libero!

0
Exhibitions
Giovedì, 25 Lug 2024 10:00-17:00 |
L'evento si tiene dal 25 Lug 2024 al 27 Set 2024

Il termine "Wertpapier" proviene dal settore finanziario e si riferisce a un documento che rappresenta un valore patrimoniale. Allo stesso modo, un foglio di carta acquisisce valore attraverso la creazione artistica e la presentazione. L'idea alla base di "Wertpapier", curato da Lisa Trockner, è quella di promuovere il lavoro su carta, in particolare i disegni. Questo formato offre agli artisti talentuosi la possibilità di mostrare le loro opere su carta e di entrare a far parte della collezione d'arte della Cassa Raiffeisen di Brunico. Nella mostra, Leonard Alberti presenta una serie di acquarelli di formato uniforme che documentano le diverse fasi di crescita della varietà del cavolo rapa Superschmelz. Leonard Alberti Nato nel 1998, cresciuto a Brunico. Frequenta la scuola d'arte Cademia e il liceo artistico di Brunico. Nel 2024 si diploma con lode all'Accademia di Belle Arti di Vienna nella classe di disegno.

0
Music
Mercoledì, 24 Lug 2024 20:30

Caravana Sun – quando si sente il nome di questa band, ci si sente immediatamente di buon umore e di sensazioni estive. Infatti, il gruppo proviene dall’Australia benedetta dal sole, e produce un suono surf-ska all’altezza. Secondo LOST Magazine, sono “il più esplosivo dei live act”. I quattro ragazzi hanno già conquistato i nostri cuori diverse volte con le loro performance espressive. La loro “Whale Song” è stata resa accessibile a un vasto pubblico nel documentario di Netflix “Seaspiracy”. Inoltre, i Caravana Sun si sono costruiti una base di fan in costante crescita ben oltre le coste australiane con quattro album in studio e tour con artisti britannici di culto come Madness e UB40 o con LaBrassBanda. E ci siamo: i surf rocker australiani tornano in Europa e fanno tappa a Brunico. Con la nostra “UFO Summer House Band” – dopo i “Sons Of The East” della scorsa estate – è garantito un altro highlight musicale. Uno spettacolo pirotecnico di pura energia vitale farà ballare il pubblico! La serata sarà aperta dal vincitore di UploadSound 2023 “Alex The Judge” con il suo mix unico e rilassato di R&B/hip-hop/funk e neo-soul. Alex The Judge: Alexander Richter (Voice/Rap) Caravana Sun: Luke Carra (Guit., Voice), Ant Beard (Bass, Voice), Chris Smithson (Keyboards,Voice) und James Smithers (Drums) Info: Tutte le manifestazioni serali sono programmate come esperienze all’aperto che hanno luogo nell’UFO Arena. In caso di tempo incerto, sarà utile portare antipioggia ed eventualmente coperte. Se per la serata le previsioni danno pioggia forte, i concerti avverranno in sala.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:30-18:00 |
L'evento si tiene dal 22 Lug 2024 al 17 Ago 2024

Le conquiste odierne sono il risultato del sacrificio nelle scuole clandestine, che nonostante le pressioni persecutorie e i rischi personali hanno preservato la lingua e la cultura tedesca. Questa mostra rende omaggio alle coraggiose personalità che, nonostante le avversità e le minacce di punizione, hanno difeso con determinazione le proprie convinzioni. Immergiti nella storia che sta dietro al decreto "Lex Gentile" dell’ottobre 1923 e al conseguente divieto della scuola tedesca. Attraverso pannelli illustrativi, cortometraggi, articoli di giornale, documenti originali e fotografie, sarà ricostruita una classe clandestina, rendendo così vivida l'origine e lo sviluppo di queste scuole segrete nel Sudtirolo. Vieni a trovarci e lasciati ispirare dalla storia che ancora oggi plasma la nostra identità.

0
Sport
Mercoledì, 24 Lug 2024
L'evento si tiene dal 22 Lug 2024 al 26 Lug 2024

Il Giro delle Dolomiti torna a percorrere i grandi classici dolomitici dal 22 al 26 luglio 2024 sui territori dell'Alto Adige e Trentino, nella sua 47° edizione. Ogni tappa (5 in totale) si svolgerà, una crono in montagna che contribuirà a decretare la vincitrice e il vincitore della classifica generale. Per il resto del percorso si pedala in un gruppo a velocità controllata. Il Giro delle Dolomiti gode di grande popolarità sulla scena internazionale. Le tappe di quest’anno sono ricche di fascino e porteranno sui meravigliosi passi dolomitici dello Stelvio, sul Passo Fedaia, sull´Alpe di Pampeago e l´altopiano del Salto. Infatti, molti di questi passi ‘classici’ hanno ospitato negli ultimi anni la carovana del Giro d’Italia. La tappa "Giro dei 4 Passi", la mitica “Sellaronda” con i passi Sella, Pordoi, Campolongo e Gardena, sarà la più lunga e impegnativa dell’intera manifestazione. Nel 2024 la distanza complessiva sarà di 503,5 chilometri, il dislivello di circa 11.509 metri. Ogni giorno si parte dalla Fiera Bolzano, il centro logistico dell’evento. L'iscrizione può essere effettuata all’intero Giro delle Dolomiti (ticket “Giro completo") oppure alle singole tappe. Inclusi nella quota d´iscrizione una lunga serie di servizi, oltre che alla maglia ufficiale del Giro delle Dolomiti. Il Giro delle Dolomiti è certificato “green event” e vanta il Patrocinio della Fondazione Dolomiti UNESCO. Per chi accompagnerà i ciclisti, inoltre, gli organizzatori dell’ASD Giro delle Dolomiti hanno previsto delle attività culturali e gastronomiche, ideando per loro un pacchetto ad hoc, il cosiddetto “Giro Guest”.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 20 Lug 2024 al 27 Ott 2024

Le dimore feudali delle Valli del Noce nelle vedute di Vigilio Kirchner Torri, castelli e ruderi di antiche rocche sono parte integrante del paesaggio trentino e contribuiscono a qualificarlo sotto il profilo storico ed estetico. Primeggiano per numero e prestigio le dimore feudali delle Valli del Noce, dove si registra una concentrazione eccezionale di edifici fortificati: alcuni di essi sono da secoli in rovina, mentre altri sono giunti fino ai nostri giorni in perfetto stato e conservano intatti i loro magnifici arredi. Questo ingente patrimonio monumentale, parte del quale è oggi di proprietà pubblica, venne documentato dal pittore trentino Vigilio Kirchner (1873-1947) nel corso di un “viaggio pittoresco” lungo il fiume Noce, effettuato a più riprese nei primi anni Venti del Novecento. Avvalendosi di fogli d’album di piccolo formato, l’artista eseguì ad acquerello e gouache oltre ottanta vedute di castelli: 72 di esse furono acquisite nel 1996 dal Consorzio dei Comuni B.I.M. dell’Adige e sono oggi riunite in mostra a Castel Caldes. L’impresa di Kirchner si inserisce in una consolidata prassi documentaristica, che era stata inaugurata nella prima metà dell’Ottocento dalla disegnatrice tirolese Johanna von Isser-Grossrubatscher e venne poi continuata alla fine del secolo dal pittore Tony Grubhofer e dai primi fotografi attivi nella nostra regione, come il trentino Giovanni Battista Unterveger e il viennese Otto Schmidt. La serie di vedute realizzata da Kirchner si segnala, in questo ambito, come una delle più riuscite e sistematiche. Si tratta di immagini “senza tempo”, che non ambivano al rango di grande arte e pertanto non risentono della temperie culturale dell’epoca in cui furono realizzate. Esse ci propongono un suggestivo e incalzante itinerario castellano, che dall’Alta Val di Sole scende fino alla Piana Rotaliana, soffermandosi intorno alle mura, sotto gli androni, nelle cappelle affrescate e dentro le sale dei più grandi castelli anauni. La mostra offre anche l’opportunità di riscoprire alcuni aspetti poco noti della vita e dell’opera di Vigilio Kirchner, vivace figura di pittore-decoratore, come egli stesso si definiva, e musicista dilettante, che attraversò un’epoca di grandi rivolgimenti politici e culturali. Cresciuto nella Trento di fine Ottocento, visse una lunga avventura in Sudafrica prima di rientrare in patria, dove si dedicò assiduamente all’associazionismo musicale e in particolare alla direzione dell’orchestra di mandolini e della fanfara del Club Armonia.

0
Theatre
Giovedì, 25 Lug 2024 20:30
L'evento si tiene dal 19 Lug 2024 al 09 Ago 2024

nach Robert Thomas Es sollte ein beschauliches Familientreffen in der Vorweihnachtszeit werden, doch dann liegt der Herr des Hauses rücklings erdolcht in seinem Zimmer. Das Telefonkabel ist durchschnitten, das Gartentor verriegelt, das Auto springt nicht mehr an und im Schnee sind keine Spuren zu sehen. Die familiäre Idylle entwickelt sich zur psychischen Zerreißprobe! Abgeschnitten von der Außenwelt wird den anwesenden Frauen schnell klar: Nur eine von ihnen kommt als Täterin in Frage. Keine der Damen hat ein Alibi, doch alle haben ein Motiv, verbergen ein Geheimnis und verstricken sich im Lauf der aberwitzigen Geschichte mehr und mehr in einem Netz aus Lügen und Heimlichkeiten. Dämme brechen, Innerstes kehrt sich nach außen, Masken fallen. Acht Frauen mit ihren aufgestauten Lebensträumen, seelischen Abgründen und Verletzungen prallen aufeinander. Die raffinierte Mischung aus Kriminalkomödie und Psychodrama, gespickt mit Showeinlagen ist umwerfend komisch und spannend bis zum verblüffenden Ende. Regie: Alexander Kratzer Auf der Bühne: Patrizia Pfeifer, Linda Covi, Werner Hohenegger, Doris Pigneter, Hanenn Huber, Cornelia Brugger, Liz Marmsoler und Karin Verdorfer. Musik: Mac Maya Bühnenbild: Zita Pichler Kostüme: Katrin Böge Maske: Brigitte Novak

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024
L'evento si tiene dal 18 Lug 2024 al 31 Ago 2024

Alinari, Avanzini, Bellani, De Carli, De Chirico, Depero, Fellin, Göler, Guttuso, Kempf, Nitsch, Pedrotti, Pellegrini, Pergher, Piazza, Plattner, Radicioni, Sopracase, Schifano, Sommavilla, Valier, Vallazza, Viviani, Zoppi

0
Theatre
Venerdì, 26 Lug 2024 21:00
L'evento si tiene dal 16 Lug 2024 al 12 Ago 2024

Die Schlossfestspiele bringen im Sommer 2024 diesen komödiantischen Klassiker sprachgewandt, mit satirischem Witz und Livemusik auf die magische Freilichtbühne vor Schloss Tirol. Tauchen Sie ein in die Geschichte der Familie Otis, die sich trotz Warnungen im Schloss Canterville niederlässt, wo der Geist von Sir Simon sein Unwesen treibt. Doch zu dessen Entsetzen haben die "kulturlosen Amerikaner" keinen Respekt vor den Gruselattacken. Es ist also durchaus fraglich, ob die turbulenten Begegnungen dennoch zum Happy End für alle führen können. Es erwartet Sie ein unvergessliches Erlebnis für die ganze Familie voller Grusel, Ironie und charmantem Witz.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 15:00-20:00 |
L'evento si tiene dal 16 Lug 2024 al 04 Ago 2024

Un progetto artistico, ma anche uno scambio culturale che dovrebbe aprire nuove prospettive, questa è essenzialmente l'idea di base dietro "Ukrainian Painting Now": l'Alto Adige, in particolare Brunico e dintorni, il nostro paesaggio e la nostra cultura dal punto di vista di 18 artisti ucraini che catturano le loro impressioni sulla tela. Le opere realizzate saranno poi visibili nell'ambito di una mostra.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:30-12:30 | 15:00 - 18:00
L'evento si tiene dal 16 Lug 2024 al 31 Ago 2024

Ripido Gallery Mostre personali di Nicola Magrin, Giulia Neri, Andrea Calisi e Giulia Pastorino. Vecchia Palestra "Visions" Mostra collettiva di Lucia Calfapietra, Nicolò Canova, Isabella Conti, Cinzia Franceschini, Lorenzo Gritti, Maniaco D'Amore, Marco Marella, Yoshi Mari, Gianni Puri, Shut Up Claudia. Casa Ragen "Moto Perpetuo" di Fabio Consoli Vincitori di "Annual 2024". Cafe Atelier Pinta Pichl Mostra personale di Elisa Vendarin.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-12:00 | 16:30 - 19:00
L'evento si tiene dal 16 Lug 2024 al 30 Ago 2024

La mostra Focus on Marco Tirelli , alla galleria Antonella Cattani contemporary art, si offre come un incontro appassionante e solenne con l’immagine, concepita come icona. L’ esposizione riunisce una selezione di opere eseguite tra il 2005 e il 2011 con i temi che hanno affascinato e che continuano ad essere centrali nella ricerca dell’artista romano. “…nei miei quadri – afferma l’artista romano in una intervista – cerco delle forme, degli oggetti che possano, il più possibile riverberare e portare oltre se stessi, mostrandoci il loro essere eco, traccia di qualcosa d’altro. Ogni forma per me è carica del mondo che si porta dietro, forma che io cerco di ridurre all’essenza, perché è così che si può aprire al massimo di senso. Questa è la magia dell’opera d’arte, la capacità di farti andare oltre quello che vedi, questa è la sua potenza immaginifica, questa è la sua meraviglia”. Gli oggetti rappresentati nelle tele in esposizione sono come immobilizzati in una dimensione onirica e la loro compattezza li rende avulsi da qualsiasi contatto con il reale. L’effetto è straniante: tanto più le immagini sono fortemente concrete e potenti tanto più sembrano aspirare all’invisibile e alludere ad un altro livello di conoscenza che va oltre il reale. Sono forme essenziali, sospese al centro di grandi tele come quella di un Alambicco (2011) o di una Ciotola (2010) che, lambita dalla luce, si rivela vuota. È questo vuoto ad evocare un sentimento di attesa e insieme di virtualità: uno spazio che attende di essere colmato. Con le opere che rappresentano rispettivamente un grande portale ed un interno, la tela si trasforma in una camera di echi. Al movimento del colore, ottenuto grazie a un singolare impiego del pointillisme, corrisponde una sorta di declinazione del concetto di ombra. Si riconosce la coerenza di una ricerca unica, distante dalle mode culturali ma saldamente legata alla storia dell’arte, che ha portato Tirelli ad esporre già dagli anni ’80 in Musei ed Istituzioni nazionali ed internazionali di maggior rilievo. Marco Tirelli nasce nel 1956 a Roma, dove vive e lavora. Le sue opere sono parte delle collezioni di Musei ed Istituzioni nazionali ed internazionali fra cui MAXXI Museo Nazionale delle arti del XXI secolo - Roma; La Galleria Nazionale - Roma; MACRO Museo d’Arte Contemporanea - Roma; Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Collezione d’Arte alla Farnesina, Roma; Parlamento Europeo, Collezione d’Arte - Bruxelles; MART, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto - Rovereto; Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci - Prato; Palazzo Fortuny - Venezia; the Albertina Museum - Vienna; Mumok, Museum Moderner Kunst Stiftung Ludwig - Vienna; Kahosiung Museum of Fine Arts - Taiwan.

0
Music
Domenica, 28 Lug 2024 11:00-12:00 |
L'evento si tiene dal 14 Lug 2024 al 08 Set 2024

Quest'estate, l'entusiasmante serie di eventi “suoni delle vette” inizierà per la prima volta a Plan de Corones! Per un totale di 8 date, la vetta del Plan de Corones sarà lo scenario di una speciale esperienza culturale che fa rivivere le tradizioni dell'Alto Adige. Vivete le suggestive esibizioni delle bande musicali, il suono potente degli "Alphornbläser" e le danze coinvolgenti degli "Schuhplattler". Ogni evento offre l'opportunità unica di combinare il suggestivo scenario montano con i suoni e gli spettacoli della cultura altoatesina. Un'esperienza per grandi e piccini!

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 16:00-19:00 |
L'evento si tiene dal 13 Lug 2024 al 04 Ago 2024

Il Circolo di Ortisei è molto felice di presentarvi una mostra personale di Michel Bernardi chiamata “Banda”. Questa mostra raggrupperà diversi tipi di opere in acciaio, includendo i suoi lavori più recenti, ancora mai presentati al pubblico, realizzati negli ultimi due anni. "Banda" ha due significati: in italiano si riferisce a un gruppo di persone o cose, mentre in ladino significa "lamiera". La mostra abbraccia diverse tematiche, come il cosmo, già esplorato nella mostra Locus Rei (Galleria Doris Ghetta nel 2017), il rapporto razionale-irrazionale, lo spazio e l’anima. Per questa mostra, M. Bernardi desidera lasciarsi sorprendere dai propri lavori, creando nuovi dialoghi e combinazioni tra le sue opere. Michel Bernardi (1959, Selva, Val Gardena, Italia) studia alla scuola di scultura su legno a Ortisei ottenendo il diploma nel 1978, prosegue i suoi studi all’accademia dei belli Arti di Monaco di Baviera nello studio di Sir Edward Paolozzi (1981-1987). Da l’accademia ha trovato il suo equilibrio tra la Val Gardena e Monaco di Baviera, dove vive. Ha lavorato fino ora in una vecchia fabbrica di birra nelle vicinanze di Monaco. Un bellissimo posto industriale, dove può realizzare le sue opere in ferro battuto o saldato. Tutti hanno presente il suo lavoro incisivo e critico davanti il rilievo sul fronte del tribunale di Bolzano, costruito dai fascisti, un'opera realizzata insieme all'artista e amico gardenese Arnold Holzknecht nel 2017.

0
Theatre
Mercoledì, 24 Lug 2024
L'evento si tiene dal 12 Lug 2024 al 27 Lug 2024

Sono passati quarant’anni dalla prima edizione del Festival Bolzano Danza. Quattro decadi di ininterrotta programmazione per un’indagine della danza di oggi a tutto tondo, di pari passo con i tempi, gli stili, le contaminazioni, le evoluzioni tecnologiche. Un compleanno-traguardo festeggiato con un’edizione denominata semplicemente “40”, in programma a Bolzano e dintorni dal 12 al 27 luglio, che chiama a raccolta artisti “amici” del Festival per un’esplorazione delle ultime tendenze della scena italiana ed europea racchiuse in un cartellone colmo di debutti assoluti, prime nazionali e coproduzioni. Guarda il programma completo dell'evento, scopri tutti gli spettacoli ed i luoghi di Bolzano Danza 2024!

0
Theatre
Mercoledì, 24 Lug 2024 21:00
L'evento si tiene dal 05 Lug 2024 al 28 Lug 2024

Regie: Thomas Hochkofler „shakespeare in love“ ist eine Liebesgeschichte von John Madden aus dem Jahre 1998. Erzählt wird eine fiktive Liebesbeziehung zwischen William Shakespeare und der jungen adeligen Viola, die den englischen Dramatiker zu seiner berühmten Tragödie „Romeo und Julia“ inspiriert haben soll. Der Jungautor William Shakespeare steckt in einer Krise. Die Arbeit an seinem neuen Drama „Romeo und Ethel, die Piratentochter“ stockt. Die Schreibblockade löst sich erst, als er die schöne Lady Viola kennenlernt und sich unsterblich in sie verliebt. Noch ahnt Will nicht, dass Viola den adeligen Lord Wessex heiraten soll. Und genau so wenig weiß er, dass sie sich, als Mann verkleidet, in seine Schauspiel Truppe eingeschlichen hat. Als Shakespeare dieses Doppelspiel durchschaut, sieht er die einmalige Chance, Viola ganz für sich zu besitzen. Diese Vorstellung wirft William aus der Bahn. Im Liebesrausch schreibt er nun an einem Stück, in dem Fiktion und Wirklichkeit, überliefertes und erfundenes fließend ineinander übergehen und abheben in eine rosarote Welt. Eben: „shakespeare in love“.

0
Music
Mercoledì, 24 Lug 2024
L'evento si tiene dal 05 Lug 2024 al 30 Ago 2024

Quest'estate Bruneck diventa il centro pulsante di esperienze concertistiche indimenticabili! Ogni mercoledì e venerdì, nei mesi di luglio ed agosto, la nuova Piazza Tschurtschenthaler si trasformerà in un palcoscenico pieno di passione e suoni. Da band travolgenti a bande musicali tradizionali, "Bruneck Live" offre qualcosa per tutti i gusti musicali. Vivi serate estive all'aria aperta, goditi l'atmosfera speciale e lasciati incantare dai ritmi.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 18:00-21:00 |
L'evento si tiene dal 04 Lug 2024 al 01 Ago 2024

Thinking Ahead – Mostra itinerante del German Ecodesign Award In collaborazione con unibz – Facoltà di Design e Arti Dal 4 luglio (inaugurazione ufficiale) al 1° agosto 2024 presso il NOI Techpark di Bolzano Il design ben riuscito e la sostenibilità ambientale non sono in contraddizione tra loro: questo è il messaggio attorno al quale ruota la mostra itinerante “Thinking Ahead” del German Ecodesign Award. Dal 2012 il Ministero federale tedesco per l’Ambiente e l’Ufficio federale dell’ambiente, in collaborazione con l’International Design Center Berlin, organizzano questo concorso annuale. Il concorso si rivolge a designer, aziende, studenti e studentesse della Germania e dell’UE che, attraverso il loro lavoro, promuovono cambiamenti sostenibili dell’economia e della società. Per un anno, i progetti nominati e premiati possono essere ammirati in una mostra itinerante che fa tappa in vari musei e nelle fiere in Germania e in altri paesi europei. Quest’anno, in occasione del Summer at NOI, l’esposizione arriva anche al NOI Techpark di Bolzano.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 16:00-19:00 |
L'evento si tiene dal 27 Giu 2024 al 07 Set 2024

Difficilmente si parla di un argomento così ambivalente ed emotivo come quello della nascita, che suscita tante aspettative e paure. Una gravidanza o un neonato possono essere motivo di gioia; eppure, la nascita di una nuova vita non è (solo) un momento di felicità per tutt*. Mettere al mondo un figlio ogni tanto richiede una forza enorme: nei primi anni di vita prendersi cura di un bambino significa rinunciare a una certa dose di autodeterminazione, grande responsabilità, ma anche amore profondo e crescita personale. Intanto, la vita di tutti i giorni continua. Questo percorso non è quello giusto per tutt* e non è aperto a tutt*. La mostra allestita presso la GalleriaCivica e il Museo della Farmacia di Bressanone intende creare uno spazio per conversazioni in cui tutto ha un posto e non ci sono tabù, dal desiderio di avere figli all'aborto, dai sentimenti di felicità all'esperienza di parti traumatici – e tutto ciò che sta in mezzo. Helga von Hofe, Laura Pan e Sarah Solderer esplorano questi temi con l'aiuto di pittura, scultura, video e un'installazione partecipativa. Come visitatori/trici, siete anche invitat* a condividere i vostri pensieri o le vostre esperienze. A cura di Linnea Streit

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 14:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 27 Giu 2024 al 07 Set 2024

Difficilmente si parla di un argomento così ambivalente ed emotivo come quello della nascita, che suscita tante aspettative e paure. Una gravidanza o un neonato possono essere motivo di gioia; eppure, la nascita di una nuova vita non è (solo) un momento di felicità per tutt*. Mettere al mondo un figlio ogni tanto richiede una forza enorme: nei primi anni di vita prendersi cura di un bambino significa rinunciare a una certa dose di autodeterminazione, grande responsabilità, ma anche amore profondo e crescita personale. Intanto, la vita di tutti i giorni continua. Questo percorso non è quello giusto per tutt* e non è aperto a tutt*. La mostra allestita presso la GalleriaCivica e il Museo della Farmacia di Bressanone intende creare uno spazio per conversazioni in cui tutto ha un posto e non ci sono tabù, dal desiderio di avere figli all'aborto, dai sentimenti di felicità all'esperienza di parti traumatici – e tutto ciò che sta in mezzo. Helga von Hofe, Laura Pan e Sarah Solderer esplorano questi temi con l'aiuto di pittura, scultura, video e un'installazione partecipativa. Come visitatori/trici, siete anche invitat* a condividere i vostri pensieri o le vostre esperienze. A cura di Linnea Streit

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-17:00 |
L'evento si tiene dal 21 Giu 2024 al 30 Nov 2024

Negli scritti e nelle visioni di Ildegarda di Bingen, l‘artista di Bonn Marianne Pitzen ha scoperto che Ildegarda vedeva un‘immagine femminile di Dio nella figura della sapienza, Sophia. In mostra ci sono installazioni tridimensionali e copie dell‘artista e fondatrice del Frauenmuseum Bonn Marianne Pitzen. Si tratta di repliche delle opere artistiche provenienti dai laboratori del convento, di cui sono rimaste solo poche copie dopo un incendio, e di scritti di storia naturale e medicina con fotografie di Marlies Obier di Siegen che ha Ha studiato tedesco, teologia e storia. Obier lavora come autrice e artista.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-17:00 |
L'evento si tiene dal 21 Giu 2024 al 30 Nov 2024

La mostra prende in esame una serie di donne che possono fungere da modello nella storia, ma che spesso sono state sottovalutate. Il loro significato per i giorni nostri si trova nelle loro tracce. Donne forti, coraggiose e creative hanno plasmato in modo significativo il mondo che ci circonda. Meritano riconoscimento e rispetto per le loro conquiste. Il progetto è stato sostenuto da Francesca Ferragina, educatrice, autrice e narratrice del podcast “Storie di donne nella storia”, il cui obiettivo è mettere in evidenza la voce femminile che spesso è stata messa a tacere nella storia.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-17:00 |
L'evento si tiene dal 08 Giu 2024 al 10 Nov 2024

Memoria e Tempo è il titolo della mostra fotografica che, divisa in due sezioni tra Castel Tirolo e Castel Velturno, inaugura il 7 giugno 2024 nella sede del Museo Provinciale. Andrea Pozza, fotografo bolzanino noto a livello nazionale, dalla variegata carriera, incentra da anni i suoi soggetti all’interno di un file rouge che ha come protagonista la figura della dama mascherata. Alterando sperimentazioni tecniche e fine ricerca estetica, lo rendono fotografo-artista a tutto tondo. In bilico tra il mistero e la realtà di luoghi fisici ridotti a ruderi, crea un sottile confine tra l’indagine di un io enigmatico e arcano – di cui la maschera è l’eterno simbolo, l’immancabile barriera – e un mondo riconoscibile, quello della natura, del genius loci, peraltro non scevro da solitudine inquieta. L’anima femminea, provocatoria, sensuale, impenetrabile, abita, nel contesto dell’esposizione, luoghi noti dell’alto Adige, perlopiù castelli e edifici in rovina, in stato di abbandono. Visioni, sogni, surrealtà, ambiguità ed erotismo di corpi vestiti con abiti spiazzanti e discordanti, creano nello spettatore un effetto di spaesamento, voluto e cercato dall’autore, padroneggiando la luce in dialogo con l’ombra, nella tecnica prevalente del bianco e nero con sfumati accenni di colore. Il soggetto dei castelli, che crea una quinta scenografica, trasforma queste dame mascherate in cortigiane contemporanee, in un’impressione nell’insieme poetica e audace, che ci porta nel mondo della storia, della natura, della memoria, dell’oblio. Paola Bassetti Carlini

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 08:00-12:00 | 16:00 - 18:30
L'evento si tiene dal 07 Giu 2024 al 13 Set 2024

“Non esistono due momenti uguali. Ogni nuovo giorno schiude nuove opportunità di crescita e cambiamento. Ogni istante è unico, irrecuperabile e prezioso. L’incomprensibile bellezza del mondo si svela in ogni secondo. Per quanto l’arte sia inspiegabile, la sua partecipazione a questo dispiegarsi è una certezza, che si manifesta ulteriormente in ogni nuova opera, in cui contenuto, visione, diario di viaggio e sogno futuro rappresentano l’essenza del mio lavoro.” Hartwig Thaler (nato nel 1962) è originario di Bressanone. Laureatosi all’Accademia d’arte dei Paesi Bassi, lavora come artista freelance nell’ambito della pittura, della scultura, del design e dell’arte architettonica. Dal 2011, è direttore artistico della Biennale 50x50x50 che ha sede presso il Forte di Fortezza.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 02 Giu 2024 al 13 Ott 2024

Artisti e artiste: Liliana Angulo Cortés, Sammy Baloji, Binta Diaw, Abdessamad El Montassir, Alessandra Ferrini, Ufuoma Essi, Kapwani Kiwanga, Francis Offman, Vashish Soobah, Betty Tchomanga, The School of Mutants A cura di: Lucrezia Cippitelli, Simone Frangi La Linea Insubrica è la mostra d’esordio di The Invention of Europe. A tricontinental narrative (2024-2027), programma curatoriale triennale in cui mostre e programmi pubblici riflettono criticamente sull’idea monolitica d’Europa L'esposizione collettiva raduna un gruppo di artiste e artisti legati al continente africano (con una particolare attenzione a coloro che operano in Italia ed Austria), attorno all’immagine speculativa della “linea Insubrica”, geo-punto che attraversa la città di Merano e cucitura nella superficie terrestre emersa a seguito della collisione tra la placca tettonica europea e quella africana. La narrazione dell’identità e purezza europea è decostruita a partire da una realtà geologica: l’immagine orografica della linea che, visibile attualmente come una cicatrice, materializza la complessità della storia, iniziata, nel caso dell’incontro tra Africa ed Europa, 65 milioni di anni fa.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-17:00 |
L'evento si tiene dal 18 Mag 2024 al 10 Nov 2024

La regione del Tirolo-Alto Adige-Trentino è sempre stata considerata una regione di transito e di collegamento tra le aree di lingua tedesca e italiana. Non venivano scambiati solo beni commerciali, ma anche culturali. Nel XVI secolo, in un periodo ricco di sconvolgimenti, gli artisti provenienti dai centri della Germania meridionale portarono in Sudtirolo un nuovo linguaggio formale del Rinascimento ed entrarono in contatto con gli artisti italiani del Rinascimento e del Manierismo. Intorno al 1630 si conclude il periodo degli artisti di corte che vengono dall’estero e molti tirolesi si recano a loro volta nei centri artistici europei. La mostra INTRA/EXTRA intende utilizzare le biografie degli artisti per richiamare l’attenzione sul fenomeno della loro migrazione e sulle reciproche influenze culturali che ne derivano. L’attenzione è rivolta soprattutto alle biografie che seguono modelli diversi. L’esposizione mostra ai visitatori le opere di oltre 20 artisti emigrati o provenienti dal Tirolo meridionale. Le loro diverse biografie e formazioni stilistiche portano alla formazione di fenomeni artistici del tutto peculiari. L’abilità artistica rimane legata ai luoghi e alle attività regolamentate dalle corporazioni. La mostra sensibilizza il concetto di “migrazione” e chiarisce che le migrazioni degli artisti sono sempre state viste come un elemento di arricchimento e un concetto educativo quasi necessario. Artisti come Bartlmä Dill Riemenschneider, Hans Reichle, Christoph Helfenrieder, Paul Honegger, Martin Theophil Polak, Orazio Giovanelli, Johann Worath, Stephan Kessler, Matthias Pußjäger, Johann Degler, Giacomo Antonio Delai, Michelangelo Unterberger, Paul Troger, Martin Knoller, Cristoforo Unterberger, Johann Georg Platzer, Johann Ev. Holzer, Joseph Wengenmayr, Matthäus Günther, Carl Henrici e Johann Peter Pichler sono l’emblema di un dinamismo in grado di stimolare risultati significativi, non da ultimo nei cambi di sede temporalmente molto estesi oppure limitati ad una stagione. Foto: Wien Museum

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 17:30-20:00 |
L'evento si tiene dal 13 Apr 2024 al 06 Set 2024

La questione della bellezza eterna attraversa come un filo rosso la mostra fotografica di Viktor Canins, che invita i visitatori ad ampliare i propri orizzonti percettivi. Da diversi anni, questo fotografo amatoriale si è concentrato sulle abitudini delle farfalle nei dintorni di Laion, al fine di immortalarne, catturarne e conservarne l’aspetto estetico. È una bellezza che nasce dalla comprensione della natura, dei cicli vitali e della fugacità del momento. Le sue immagini attirano l’attenzione, mostrano ciò che vive e che muore, perché la vita di queste delicate creature è breve. Le foto esposte sono quindi più di semplici raffigurazioni: sono finestre su un mondo spesso ignorato. [Testo: Barbara Obrist] Nato nel 1956, Viktor Canins è un elettricista di Ortisei, in Val Gardena, che accanto alla passione per le farfalle si è dedicato alla musica: suona la chitarra e il contrabbasso in diversi gruppi

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-22:00 |
L'evento si tiene dal 23 Mar 2024 al 01 Set 2024

AliPaloma, Monia Ben Hamouda, Costanza Candeloro, Filippo Contatore, Isabella Costabile, Binta Diaw, Giorgia Garzilli, Sophie Lazari, Lorenza Longhi, Magdalena Mitterhofer, Jim C. Nedd, Luca Piscopo, Raphael Pohl, Davide Stucchi, Tobias Tavella A cura di Leonie Radine Design della mostra (ab)Normal Museion, il museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano, è lieto di annunciare la sua attesissima mostra dedicata alla celebrazione di giovani artiste e artisti contemporanei dell’Alto Adige e di Milano. RENAISSANCE mette in luce posizioni artistiche transdisciplinari che condividono l’impegno per un esame rigenerativo e critico del patrimonio culturale. In occasione dell’assegnazione di una delle più alte borse di studio per l’arte emergente in Europa, conferita dalla Fondazione Vordemberge-Gildewart, Museion presenta una mostra con lavori selezionati di 15 giovani artiste e artisti del nord Italia. Nonostante la diversità delle loro pratiche – tra cui troviamo scultura, installazioni, pittura, disegno, video, fotografia e performance – tutti e tutte condividono un approccio rigenerativo e critico con il proprio retaggio culturale. In che modo una giovane generazione di artiste e artisti elabora la propria pesante eredità culturale, plasmata da “standard” estetici e sociali, valori, modelli, icone o aspettative sulla figura della o dell’artista? Come si costruisce sulle rovine del passato che ancora proiettano lunghe ombre? I 15 artisti e artiste in mostra usano metodi, immagini o materiali per mettere a nudo elementi basilari o ruderi di modelli di rappresentazione estetica e sociale dominanti, e fondare su di essi il nuovo. Mentre alcune e alcuni indagano rituali, pratiche spirituali, storie di migrazione o storie familiari tramandate, altre e altri si concentrano sull’analisi critica e la rivalutazione di immagini pervasive della cultura pop, finzioni urbane o ruoli di genere stereotipati in letteratura, cinema, design, architettura o pubblicità. Diversi artisti e artiste si dedicano poi al riciclo di prodotti di scarto dell’industria creativa in cui a volte operano, ponendosi all’intersezione fra arte figurativa e arti applicate. In vari modi transdisciplinari, tutte e tutti gli artisti tematizzano questioni di appartenenza, affermando che l’identità culturale è qualcosa di fluido, per nulla scolpita nella pietra. In questo senso, i noti concetti rigenerativi di “Rinascimento” o “Arte povera” vengono tradotti nel “qui ed ora” e assumono un nuovo significato. Lo studio di design milanese (ab)Normal ha creato la scenografia della mostra che, attraverso un gioco di sfondi, luci e ombre, consente un passaggio fluido tra le varie posizioni. L’occasione per la realizzazione della mostra è una borsa di 60.000 franchi svizzeri che la Fondazione Vordemberge-Gildewart assegna ogni anno in collaborazione con un’istituzione espositiva europea – per il 2024 è stato scelto Museion – a un o un’artista di massimo 35 anni della regione selezionata. La mostra collettiva costituisce la base per la selezione della o del vincitore da parte di una giuria internazionale indipendente. Non ci sono condizioni per l’utilizzo del premio in denaro da parte della o del borsista. In occasione della mostra verranno assegnati anche il primo Museion Private Founders Award e il Premio del Pubblico. Entrambi i premi sono legati ad acquisizioni per la collezione di Museion.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-22:00 |
L'evento si tiene dal 23 Mar 2024 al 01 Set 2024

In una scenografia di Davide Stucchi Con opere sonore di Tomaso Binga, CAConrad, Bryana Fritz, Susan Howe e David Grubbs, Katalin Ladik, Hanne Lippard, Nat Marcus e Patrizia Vicinelli A cura di Tom Engels e Lilou Vidal in collaborazione con Leonie Radine Museion, museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano, è lieto di esplorare l’eredità culturale dell’artista ed editore torinese Ezio Gribaudo (1929–2022).Con il titolo The Weight of the Concrete, la mostra rende omaggio alla sua opera multidisciplinare all’intersezione tra immagine e linguaggio. Alla luce di una scenografia contemporanea, la sua poetica della materia entra anche in dialogo con voci della poesia sperimentale. La mostra è prodotta dal Grazer Kunstverein in collaborazione con l’Archivio Gribaudo di Torino e con Museion. The Weight of the Concrete è un omaggio completo alla poliedrica carriera di Ezio Gribaudo, sia come artista che come editore. La mostra rivaluta il suo lavoro in un momento in cui molti giovani artisti e artiste lavorano in modo transdisciplinare e rigenerativo tra arti visive e applicate. Il titolo della mostra è preso in prestito da Il Peso del Concreto (1968), un libro fondamentale che presenta i primi lavori grafici di Gribaudo, insieme a un’antologia di poesia concreta a cura del poeta Adriano Spatola. Al centro di questa pubblicazione e dell’esposizione c’è l’emblematica serie di Logogrifi che l’artista ha sviluppato a partire dagli anni Sessanta, passando da rilievi su carta assorbente a rilievi in legno e polistirolo. Nel corso della sua vita, i Logogrifi hanno costituito un rapporto strettamente intrecciato con l’attività di creatore di libri, nonché con la sua fascinazione per i nuovi processi di stampa industriale, i caratteri tipografici, i giochi linguistici e le matrici a rilievo. Basati su enigmi linguistici o visivi, i Logogrifi sono simili a puzzle o a rompicapo che prevedono la formazione di nuove parole cambiando la lettera iniziale. Nell’interpretazione di Gribaudo, un Logogrifo oscilla tra leggibilità e astrazione, a volte tendendo verso forme leggibili e altre volte scalando il mondo enigmatico in cui immagine e linguaggio si fondono. Comprendendo elementi tipografici (testuali, figurativi e topografici), The Weight of the Concrete annuncia l’emergere di una nuova grammatica e, di conseguenza, di nuove forme di lettura. Partendo da rilievi acromatici su carta assorbente, trasformandosi in rilievi in legno e polistirolo e culminando infine in pezzi cromatici con inchiostro tipografico, le opere in mostra interrogano i modi in cui forma, linguaggio e materia continuano a modellarsi e ridefinirsi a vicenda. Gli esperimenti associativi di Gribaudo con le tecnologie di stampa sono nati dalla sua dedizione per la pubblicazione di monografie di artisti suoi contemporanei, come Francis Bacon, Giorgio de Chirico, Jean Dubuffet, Marcel Duchamp e Lucio Fontana, nonché dal suo interesse per la stampa popolare, verso giornali, dizionari, atlanti e libri per bambini. Per evidenziare questa relazione tra la sua attività artistica e quella editoriale, la mostra presenta una selezione unica di pubblicazioni rare e materiali d’archivio di Gribaudo. La scenografia della mostra è stata realizzata dall’artista italiano Davide Stucchi, che opera nel campo delle arti visive, del design, della moda e della scenografia. L’approccio artistico e gli interventi di Stucchi riecheggiano e amplificano quelli di Gribaudo, utilizzando oggetti ready-made e materiali prodotti industrialmente. La mostra comprende anche un programma sonoro che si concentra sulla vocalizzazione della poesia sperimentale, per esplorare da una nuova prospettiva le combinazioni di arte visiva, poesia, stampa e design di Gribaudo. The Weight of the Concrete sarà accompagnato da una pubblicazione che reinterpreta Il Peso del Concreto (1968) di Gribaudo e Spatola, fondendo l’opera di Gribaudo con una nuova antologia di poesia concreta e sperimentale storica e contemporanea. Pubblicato da Axis Axis e Grazer Kunstverein, l’uscita è prevista per l’estate del 2024.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 09:30-12:00 | 15:30 - 18:00
L'evento si tiene dal 23 Mar 2024 al 17 Ago 2024

In collaborazione con la Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol Questa mostra collettiva di opere realizzate da artisti altoatesini e trentini, fa parte del progetto “LA REGIONE FUORI DAI VETRI” che prevede di far uscire le opere d’arte dal Palazzo della Regione per metterle a disposizione dei Comuni, attraverso momenti espositivi capaci di coniugare le risorse artistiche regionali con quelle dei territori per valorizzarne le unicità. https://www.regione.taa.it/Argomenti/Focus/La-Regione-fuori-dai-vetri Un confronto con artisti contemporanei Le circa 100 opere in mostra, accuratamente selezionate dalla vasta e ricca raccolta della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, verranno affiancate da un’opera realizzata rispettivamente da 5 artiste/i contemporanee/i che si impegnano nella trasformazione del supporto: un gomitolo di lana sarà il mezzo espressivo per la creazione dell’opera. Arte nel centro storico La mostra varcherà i „confini“ del Museo e si estenderà anche “oltre” tanto da diventare una mostra d´arte diffusa nel centro storico di Chiusa. Pregevoli opere d’arte nel periodo stesso della mostra al museo saranno esposte e fruibili anche nelle vetrine di alcuni negozi.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024
L'evento si tiene dal 14 Mar 2024 al 01 Set 2024

Un omaggio alla storia del Mercato del Sale e a Ugo Carrega Anteprima stampa e opening: 13.03.2024, 11:00 A cura di Frida Carazzato, curatrice scientifica di Museion, e Duccio Dogheria, curatore e ricercatore dell’Archivio del ’900 del Mart di Rovereto Il 13 marzo alle ore 11.00 Museion, museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano, inaugura a Museion Passage e al Piccolo Museion – Cubo Garutti la mostra Poetry in the box. Un omaggio alla storia del Mercato del Sale e a Ugo Carrega realizzata in collaborazione con il Mart, Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto. La mostra racconta la ventennale connessione esistente tra Mart e Museion, che condividono la straordinaria raccolta dell’Archivio di Nuova Scrittura, donata alle due istituzioni museali da Paolo Della Grazia nel 2020 e di cui Ugo Carrega è figura fondamentale. In particolare, l’esposizione ruota intorno al concetto della scatola – a volte opera d’arte in sé, a volte contenitore dei lavori di Carrega – e rende omaggio alla storia del Mercato del Sale di cui l’artista è stato curatore e direttore. Tra il 1974 e il 1989 questo artist-run space milanese ha visto gravitare intorno a sé innumerevoli artiste e artisti legati alla poesia visiva, che saranno parte della mostra. Ugo Carrega è stato una figura poliedrica: artista, gallerista, poeta, editore e curatore attivo nell’ambito delle ricerche verbovisuali in Italia tra la fine degli anni ’60 e gli anni ‘90. Nel 1958, assieme agli artisti Anna e Martino Oberto, dà vita alla rivista d’artista “Ana Etcetera”, la prima in Italia a presentarsi come un contenitore che ospita, in formato sciolto, contributi di vari operatori e operatrici culturali. A questa prima esperienza editoriale segue quella della rivista da lui fondata “TOOL: quaderni di scrittura simbiotica” dove elabora il concetto di scrittura simbiotica, un incontro tra parola e materia, che lo porterà poi a coniare il termine “Nuova Scrittura”. Nel corso della sua carriera artistica, la scatola assume un ruolo sempre più importante: tra il 1971 e il 1973 Carrega organizza cronologicamente il proprio archivio in una serie di 62 scatole bianche, dettagliatamente etichettate e categorizzate, ora conservate presso l’Archivio del ’900 del Mart. Ogni scatola contiene varia documentazione sulla sua ricerca artistico-letteraria tra il 1955 e il 1973, ma anche opere ed edizioni realizzate assieme ad altri artisti ed artiste. Lo spazio espositivo del Mercato del Sale (da Marchand du Sel, pseudonimo dell’artista francese Marcel Duchamp), di cui quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario, raccoglie intorno a sé una grande rete di artiste e artisti con cui Ugo Carrega collabora, facendo di questo spazio un moltiplicatore e punto di riferimento per la poesia visiva internazionale. Vi hanno esposto, tra gli altri: Martino e Anna Oberto, Liliana Landi, Vincenzo Ferrari, Gianfranco Baruchello, Angela Ricci Lucchi e Yervant Gianikian, Bruno Munari, Ugo La Pietra, Ji?í Valoch. Il Mercato del Sale rimane attivo fino al 1989, anno in cui chiude per dare vita all’Archivio di Nuova Scrittura, con Paolo Della Grazia e Giorgio Zanchetti. Partendo da questi straordinari legami e da un archivio pensato e organizzato dall’artista stesso, la mostra Poetry in the box crea delle connessioni tra il contenuto di questo archivio e una selezione di opere verbovisuali dell’Archivio di Nuova Scrittura, parte integrante della collezione di Museion e del Mart. Tra queste troviamo opere di Vincenzo Accame, Marcel Duchamp, Betty Danon, Amelia Ettliger, Vincenzo Ferrari, Corrado D’Ottavi, Elisabetta Gut, Liliana Landi, Stelio Maria Martini, Plinio Mesciulam, Bruno Munari, Magdalo Mussio, Anna Oberto, Martino Oberto, Luca Patella, Emilio Villa. Il display della mostra, a cura di Claudia Polizzi, si ispira alle scatole originali di Carrega che, utilizzate come dei moduli espositivi, mostrano il contenuto originale accuratamente selezionato e messo in relazione con le riviste-scatola prodotte da Carrega e le opere di altri artisti e artiste che hanno lavorato insieme a lui negli anni del Mercato del Sale. In occasione della mostra verranno resi integralmente disponibili sulla digital library del Mart, su Internet Archive, oltre 60 libri d’artista di Ugo Carrega.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:30-17:00 |
L'evento si tiene dal 08 Mar 2024 al 30 Set 2024

I destini di donna e poi di artista di diciassette protagoniste che, nell’arco di due secoli, sfidarono le convenzioni e cercarono la propria espressione artistica. Quest’anno la primavera meranese si tinge di rosa grazie all’importante evento nato sotto l’egida dell’Ufficio Pari Opportunità del Comune e del Museo Mamming. A partire dall’8 marzo infatti e fino a settembre le sale del piano terra di Palais Mamming ospiteranno il percorso espositivo della prima mostra d’arte che ha per protagoniste le artiste che a Merano, per periodi lunghi o brevi, incrociarono i propri destini nell’ampio arco temporale compreso fra la fine del XVIII secolo e l’inizio degli anni 2000. La mostra è intitolata WOMEN IN ART Artiste a Merano fra Ottocento e Novecento. Le opere, di ben 17 artiste sfileranno per far conoscere quelle donne che sfidarono i pregiudizi e le consuetudini per dedicarsi totalmente all’arte. È una storia di caparbietà, costanza e coraggio quella che emerge dalle biografie di molte delle artiste scelte per la mostra. Nell’arco della storia, si sa, la presenza delle donne nell’arte, fu tutt’altro che trascurabile, ma rimase impigliata nell’anonimato e fu resa marginale per la maggior parte dei secoli e per la maggior parte delle artiste. I destini delle diciassette artiste presenti in mostra mettono invece in luce molto altro e soprattutto dimostrano come la volontà, la determinazione e una buona dose di autocoscienza avessero permesso loro di affrontare viaggi, trasferimenti, cambi di nazioni e di lingua pur di ottenere la formazione artistica cui anelavano. Sono le vite di donne forti, minate semmai solo dalla malattia. Sullo sfondo di queste storie personali si anima quella della comunità femminile che proprio in quegli anni in tutta Europa andava organizzandosi, offrendo supporto e mutuo soccorso. Quella sorellanza che fece organizzare nel 1910 a Vienna la prima gigantesca mostra sull’Arte delle donne, partendo dalle artiste rinascimentali per giungere, dipinto dopo dipinto, alle artiste contemporanee e a due delle nostre stesse protagoniste, Lila Gruner ed Emilie Mediz Pelikan , che vi presero parte con le loro opere. La presente mostra è dedicata ad una selezione di artiste che a diverso titolo furono legate a Merano. Il periodo scelto è quello ampio e compreso fra il primo Ottocento e l’inizio del Terzo millennio. Un arco storico in cui la città sul Passirio ha affrontato le alterne vicende cercando sempre di ritornare a galla e riguadagnare il proprio pubblico turistico e la propria vivacità intellettuale. Ma soprattutto un periodo in cui per molto tempo alle donne furono precluse le accademie e di come esse seppero approfittare di quello che al tempo era possibile quali le lezioni private presso qualche artista, le colonie artistiche, le accademie private, e infine le scuole create dalle associazioni femminili che con metodo e coraggio cercavano di arginare un sopruso che le donne combattevano da sole. Le opere presentate costituiscono un corpus di grande interesse, capace di mettere in luce la maestria tecnico-compositiva, le felici cromie delle tavolozze, ma soprattutto dimostrare come queste artiste avessero anche rotto con gli schemi che le vedevano intente a dipingere solamente vasi di fiori. Sono invece possenti massicci visti da alte quote, panorami suggestivi, animali, castelli e roccaforti, ritratti e nature morte a sfilare agli occhi del fruitore e donare qualche attimo di incanto.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-16:00 |
L'evento si tiene dal 08 Feb 2024 al 31 Ott 2024

Vento. Nubi, sole, luna. Stelle. Acqua. Vita. Silenzio. Lukas Schäfer è nato nel 1992 ed è cresciuto a San Giorgio di Brunico in Val Pusteria, tra le Dolomiti e le cime della catena principale alpina. I genitori gli hanno fatto conoscere la montagna sin da bambino. Da allora la natura–con i suoi paesaggi, i suoi dettagli e la sua fauna –non ha smesso di affascinarlo. Per alcuni anni ha praticato lo sci freestyle a livello agonistico. Dopo avere abbandonato lo sport a causa di un infortunio, ha scoperto la fotografia naturalistica, divenuta per lui da subito una grande passione e, in seguito, una professione. Attraverso la sua macchina fotografica, Lukas continua a riscoprire le montagne e i suoi abitanti, osservandoli da un punto di vista nuovo. Alcune sue fotografie e alcuni suoi video sono stati premiati nell’ambito di concorsi internazionali. Ha pubblicato il suo primo libro dal titolo “Südtirol, Secrets of Nature”, ricco di fotografie e di storie dell’Alto Adige e delle zone limitrofe.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-16:00 |
L'evento si tiene dal 08 Feb 2024 al 31 Ott 2024

“Have you ever heard the sound of falling rocks?” è un viaggio di sei mesi, intrapreso nel 2022 attraverso le Alpi, in Italia, Francia, Svizzera e Austria. È un’indagine visiva su un fenomeno tanto importante quanto poco conosciuto: la degradazione del permafrost. Nel corso del XX secolo, le temperature sulle Alpi sono aumentate di 2°C, ovvero del doppio rispetto alla media dell’intero pianeta. Inverni più brevi, nevicate ridotte e scioglimento dei ghiacciai sono solo alcuni degli effetti che il riscaldamento globale ha avuto sulle montagne. Esistono però anche una serie di effetti meno visibili, più difficili da percepire, ma che hanno un impatto drammatico sulla salute di uno degli ecosistemi più importanti e più fragili della Terra. Tra questi c’è la degradazione del permafrost, la sezione superficiale della crosta terrestre più vicina e quindi maggiormente colpita da tutti i fenomeni che avvengono nell’atmosfera. La sua degradazione, causata dallo scioglimento dei ghiacci in esso contenuti, determina instabilità dei versanti e alterazioni dell’equilibrio idrogeologico con gravi ripercussioni sul territorio circostante. Il ghiaccio contenuto nelle fessure rocciose agisce come il cemento, tenendo insieme parti della montagna. Tuttavia, con l’aumento della temperatura e con lo scioglimento del terreno freddo e ghiacciato, la stabilità si riduce, portando a un potenziale aumento di frane e crolli, eventi che stanno diventando sempre più comuni in tutte le Alpi. Gli effetti di questi cambiamenti non hanno un impatto solo sull’ambiente ma anche sulle comunità alpine che vivono da secoli in questo delicato ecosistema. Attraverso uno sguardo quasi simbolico e universale su una questione scientifica e di difficile visualizzazione, “Have you ever heard the sound of falling rocks?” è una narrazione complessa ed estesa (anche territorialmente) che impiega un approccio fotografico potente e non scontato. “Have you ever heard the sound of falling rocks?” è stato possibile grazie ad un grant da parte di ISPA Photo Award ed è stato sviluppato in collaborazione con diversi enti ed istituzioni tra cui: ARPA Piemonte (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Piemonte), Università di Bolzano, Fondazione Edmund Mach, Université Savoie Mont Blanc, Provincia di Trento, Museo di Scienze Naturali di Verona, SLF Suisse, Università degli Studi di Milano-Bicocca. In collaborazione con ISPA - Italian Sustainabilty Photo Award. Tomaso Clavarino, nato nel 1986, è un fotografo e regista, laureato in Storia contemporanea. Vive e lavora a Torino. I suoi lavori sono pubblicati regolarmente da importanti riviste e media internazionali. Accanto alle collaborazioni editoriali, sviluppa anche progetti artistici personali,che sono stati esposti e proiettati in gallerie e nell’ambito dei principali festival. Le sue opere sono state presentate in musei e manifestazioni come la Triennale di Milano, il MUFOCO di Cinisello Balsamo e il Museo Blanes di Montevideo (Uruguay).

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 09:30-12:30 | 14:30 - 18:00
L'evento si tiene dal 08 Feb 2024 al 31 Ott 2024

Grazie all’intricato sviluppo radicale il bosco protegge il suolo dall’erosione, dalle frane e dal disseccamento. Il bosco può inoltre rallentare le slavine. Il suolo forestale può fungere da riserva d’acqua ed esercitare su di essa un effetto di filtrazione. Dobbiamo ai boschi anche una migliore qualità dell’aria, poiché eliminano dall’aria impurità e polveri.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 09:30-12:30 | 14:30 - 18:00
L'evento si tiene dal 08 Feb 2024 al 31 Ott 2024

Nei nostri boschi e in alta montagna vivono cinque specie di galliformi, sono schivi e spesso non si fanno notare. Sono tutte e cinque diverse tra loro e hanno esigenze di habitat un po’ particolari. La mostra ci presenta questi uccelli molto affascinanti anche nel loro comportamento. Foto, testi e oggetti conformi all’originale rendono l’esposizione interessante e appassionante.

0
Exhibitions
Mercoledì, 24 Lug 2024 10:00-18:00 |
L'evento si tiene dal 28 Nov 2023 al 03 Nov 2024

La fame è il miglior cuoco, 15.000 anni fa, così come oggi. Questa mostra temporanea ha lo scopo di curiosare nel menu dei nostri antenati, per analizzare origine, preparazione, conservazione del cibo e utensili utilizzati. Un’attenzione particolare è rivolta alle abitudini alimentari locali e ai reperti archeologici regionali. Accanto agli aspetti storico-culturali, questa sfaccettata esposizione rivela come i nostri progenitori non fossero mai a corto di idee per soddisfare il loro appetito e procurarsi le provviste. Prodotti come carne, pesce, miele, cereali e frutti selvatici erano noti sin dagli albori della civiltà. Altri, come legumi, erbe aromatiche e alcune varietà di cereali - per noi ormai scontati - furono introdotti in Europa dai movimenti migratori che hanno caratterizzato la storia dell’uomo. Le tradizioni alimentari, come la lavorazione del latte o la viticoltura, che oggi conosciamo molto bene, sono state importate dalle regioni mediterranee in epoche diverse. Buon appetito! Siamo lieti d’invitarvi nell’universo culinario della storia alimentare.

Location di : martin_inside

Castello

Residenza dinastica dei conti del Tirolo, il castello ha dato il nome all'intera regione. La sua realizzazione risale alla seconda metà dell'XI secolo. Il percorso museale è incentrato sulla storia del Tirolo dai primordi ai giorni nostri. Nel palazzo meridionale si trovano i due portali romanici, mentre nella cappella del castello, intitolata a San Pancrazio ed edificata su due piani, notevoli pitture murali gotiche. Nel mastio è possibile ripercorrere la storia dell’Alto Adige nel XX secolo.

Castello

Castel Presule, un tempo residenza dinastica dei signori Völs-Colonna, ospita, accanto a dipinti e disegni del XIX e XX sec. della raccolta “Cà de Bezzi”, una collezione d’armi del XIX secolo, dipinti della Donazione Lotte Copi e la mostra permanente di ritrovamenti archeologici "finff Majolica Schaln".

Castello

Il castello risale al 1140. Il percorso propone gli affreschi del “Ciclo di Ivano” (XIII sec.), primissima testimonianza della cultura profana e cavalleresca di area tedesca, la sala nuziale e la cappella riccamente dipinte, l’ampia biblioteca e una raccolta di dipinti, stemmi e armi.

Castello

Castel Roncolo risale al XIII sec. Oltre al celebre ciclo di affreschi profani risalenti al Medioevo e a oggetti dalla vecchia armeria, si possono periodicamente ammirare mostre temporanee su temi di storia culturale.

Museo

A chi lo visita, Capriz, il caseificio da vivere, permette di immergersi con tutti i sensi nel mondo della produzione di formaggio di capra. Negli ambienti espositivi a pianterreno e nel piano interrato è rappresentato l’intero processo, dalla capra che fornisce la materia prima, passando per il latte come prodotto di partenza fino alla forma di formaggio finita e al suo adeguato stoccaggio. Un ruolo speciale lo giocano elementi interattivi.

Museo

La Casa di via Bari 11 è uno dei pochi esempi ancora esistenti a Bolzano delle centinaia di case “semirurali” costruite alla fine degli anni Trenta e demolite a partire dagli anni Ottanta del Novecento per far posto a costruzioni a maggiore intensità abitativa. Da parte degli abitanti del quartiere delle Semirurali non è mai venuta meno la richiesta di conservarne la memoria. Il percorso espositivo, aperto al pubblico nel 2015, propone un viaggio nella storia di questo luogo attraverso fotografie, filmati, mappe, modellini tridimensionali e la suggestiva narrazione di storie di vita quotidiana.

Castello

Castel Monteleone è una fortificazione del XIII secolo, ampliata nei secoli XVI, XVII e XVIII. Un percorso storico-artistico che si snoda attraverso giardini, cortili e sale offre un viaggio nei secoli, dal medioevo al periodo del rococò.

Museo

Orologi a muro, opere in legno intagliato, maschere, tappi di bottiglia, cavatappi, pipe, macinini per il caffè e utensili da cucina, oggetti religiosi, oldtimer e motociclette, come ad esempio diversi modelli di Vespa: fanno tutti parte della collezione privata della famiglia Trebo. Gli oggetti raccontano storie vecchie anche di 150 anni e sono disseminati nei diversi locali dell’hotel. Un paradiso per i nostalgici!

Museo

L’Archeoparc Velturno testimonia una storia insediativa che, a partire dal neolitico, abbraccia tutte le più importanti epoche e culture. Sepolture e resti di attività di produzione della ceramica parlano di coltivatori e allevatori le cui storie risalgono fino al 5000 a.C.

Museo

La mostra Archimod presenta una cinquantina di modelli architettonici della Provincia Autonoma di Bolzano (piazze, scuole, palazzi per uffici, musei, complessi residenziali, ospedali, strade, gallerie, ponti), realizzati nell’arco degli ultimi 25 anni o in fase di progettazione o costruzione. Archimod è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (treno, autobus) e ben visibile grazie alla grande scritta sulla facciata.

Museo

Il percorso espositivo "BZ '18–'45. Un monumento, una città, due dittature", aperto al pubblico nel luglio del 2014, illustra la storia del Monumento alla Vittoria, eretto a Bolzano dal regime fascista tra il 1926 e il 1928 su progetto di Marcello Piacentini. Vengono ripercorse le vicende storiche locali, nazionali e internazionali degli anni compresi tra le due guerre mondiali (1918–1945), legate in particolare modo all’avvicendarsi di due dittature (quella fascista e quella nazionalsocialista) e vengono illustrati i radicali mutamenti urbanistici operati nella città di Bolzano, a partire dalla fine degli anni Venti. Il percorso espositivo affronta, infine, il difficile rapporto di convivenza di una così ingombrante eredità dell’epoca fascista con il territorio, nel mutato quadro politico e sociale della seconda metà del Novecento fino ai giorni nostri.

Museo

“Nessuno ha il diritto di obbedire”: da fine 2017 questa citazione della filosofa politica e scrittrice Hannah Arendt (1906-1975) spicca, in italiano, tedesco e ladino, sull’edificio degli Uffici finanziari di piazza del Tribunale a Bolzano. Esso si contrappone al carattere autoritario del monumento fascista e al suo motto “Credere, obbedire, combattere”. Integrata da esaurienti spiegazioni realizzate da una commissione di storici poste su stand informativi sulla piazza, la scritta progettata da Arnold Holzknecht e Michele Bernardi intende dare nuovo significato al bassorilievo monumentale dell’artista di Chiusa Hans Piffrader (1888-1950), rendendolo un’occasione educativa.

Museo

Sito in un ex bunker dell'epoca fascista, poi utilizzato dalla NATO durante la Guerra Fredda, il Bunker Museum tematizza in primo luogo la struttura stessa e il suo retroscena storico. Sotto la lente è posta anche la storia segreta della Guerra Fredda. Il museo espone prevalentemente oggetti che un tempo facevano parte dell'equipaggiamento del bunker, come impianti radio, telefoni da campo, armi, razioni alimentari, ecc. In futuro tuttavia l'esposizione si focalizzerà non tanto sull'aspetto militare, ma sul tema dei confini.

Castello

Il palazzo del XVI secolo fu fino al 1803 residenza estiva dei principi vescovi di Bressanone. Particolari attrazioni sono i preziosi arredi rinascimentali (pannelli lignei, stufe, affreschi) e una collezione di opere d’arte risalenti ai secoli XV–XX. La struttura è gestita da Castel Tirolo.

Castello

Il Castello Principesco è situato ai piedi del Monte Benedetto, nel cuore della città. Il Castello, completamente ricostruito dall’arciduca Sigismondo d’Austria intorno al 1470, venne in seguito utilizzato dai Principi del Tirolo come alloggio durante la loro permanenza a Merano. A partire dal 1875, dopo un provvidenziale intervento di salvaguardia che ne impedì l’abbattimento, questa storica residenza fu sottoposta ad un ampio restauro. Oggi il Castello Principesco offre una preziosa occasione per studiare abitudini e modi di vita del tardo Medioevo: arredi di uso quotidiano, utensili da cucina, una delle più antiche stufe di maiolica giunte fino a noi, ritratti, strumenti musicali e armi consentono di toccare con mano un passato ormai remoto.

Museo

Il Centro di documentazione "Culten" tematizza l'insediamento dell'età del bronzo e del ferro (1400-600 a.C.) - poi trasformato in luogo per olocausti - sul "Kirchbichl" a Santa Valpurga/Ultimo, presentando la storia insediativa della valle e reperti di diverse epoche.

Castello

Il castello di Scena (XIV–XVIII sec.) fu residenza dall’arciduca Giovanni d’Asburgo. Custodisce collezioni su storia, cultura e arte tirolesi, armi storiche, arredi originali e dipinti. Nel sottostante mausoleo neogotico si trova la tomba dell’arciduca.

Museo

Il Centro visite racconta i forti contrasti e la varietà di ambienti che contraddistinguono questo parco. Qui si sperimenta in piccolo il mondo del parco. Lo stagno, gli aquari, il canale di irrigazione tipico, detto "Waal", pietre, preparati di animali, pannelli verticali e box per esperienze tattili invitano a scoprire la natura.

Museo

Il Centro visite “Lahner Säge” del Parco Nazionale dello Stelvio illustra quanto sia essenziale l’ecosistema “bosco” per l’uomo e la natura. Nell’antica segheria ad acqua alla veneziana, ora restaurata, i tronchi vengono trasformati in tavole, mentre la macina trasforma i chicchi di grano in farina.

Museo

Il Centro visite è ospitato in un vecchio mulino elettrico ristrutturato. L’esterno del Centro comprende un’area con la tipica vegetazione su substrato calcareo e porfirico e dispone di uno stagno per anfibi, di un orto con erbe medicinali e di un piccolo campo di grano.

Museo

Il Centro visite è dedicato alla geologia delle Dolomiti e all’alpinismo di Reinhold Messner. Nell’area "Meraviglie della natura" è possibile scoprire animali e erbe, pellicce di animali, uova di volatili, penne, dentature e corna.

Museo

Il Centro visite, situato nell'ex-Grand Hotel di Dobbiaco, spiega i paesaggi naturali e culturali dell'area protetta, l'attività alpinistica e turistica sviluppatasi in questo territorio e gli avvenimenti bellici avvenuti lungo il fronte dolomitico. La mostra permanente dedicata alle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO illustra per quale motivo ampie aree delle Dolomiti sono state dichiarate Patrimonio mondiale dell'UNESCO ed evidenzia le particolerietà geologiche e i fantastici scenari paesaggistici del Parco naturale.

Museo

Nel visitare Certosa l’impianto dell’antico convento è ancora riconoscibile. Davanti al chiostro un film della durata di 9 minuti racconta con immagini poetiche le alterne vicende storiche della certosa. Arte nella Certosa: Ogni anno, circa dalla metà di luglio alla fine di agosto, il chiostro ospita una mostra di artiste e artisti altoatesini.

Museo

Il museo espone tecnologia cinematografica e televisiva: macchine di proiezione di varie epoche, telecamere, moviole, banchi di montaggio, videoproiettori, pellicole film, ecc., nonché documenti storici, manifesti, documentari e altre testimonianze della storia del cinema nella regione. Propone rassegne cinematografiche, conferenze, attività di mediazione e didattiche e restauro film.

Museo

Il Museo Dolomythos introduce nel mondo delle Dolomiti Patrimonio naturale dell’umanità Unesco, delle quali illustra la genesi, ed esplora, presentandole, le specificità geologiche e il mondo vegetale e animale dei “monti pallidi”. Per mezzo di ricostruzioni, rappresenta inoltre i dinosauri come antichi abitanti delle Dolomiti. Ulteriori temi sono i miti e le leggende sulle Dolomiti e il mondo delle erbe. In un apposito percorso, i bambini possono intraprendere una caccia al tesoro e cercare fossili, cristalli e oro.

Museo

La mostra all'aperto Fossilia mostra i più bei reperti della zona di Meltina e testimonia i complessi fenomeni geologici avvenuti nel corso di milioni di anni. Particolarmente interessanti sono i resti fossili di alberi. Testi esplicativi e una stazione audio permettono di scoprire la mostra anche autonomamente. Visite guidate di gruppo su richiesta contattando l'Ufficio turistico di Meltina

Galleria d arte

La Fondazione Antonio Dalle Nogare nasce per promuovere l’arte contemporanea, intesa come linguaggio per leggere i cambiamenti della società, come strumento di dialogo tra arte, architettura, innovazione e ricerca artistica. Il connubio di arte e architettura è evidente anche nella sede progettata dagli architetti Walter Angonese e Andrea Marastoni. La Fondazione espone periodicamente parti della collezione di arte astratta e concettuale del suo fondatore e ospita mostre temporanee. Organizza attività didattiche e visite guidate, promuove residenze d'artista ed aderisce a manifestazioni intermuseali.

Museo

Con la sua imponente struttura e il labirinto di stanze, corridoi e scale, il Forte di Fortezza è considerato una delle più interessanti fortificazioni dell’area alpina e un capolavoro dell’architettura bellica austriaca. Edificato tra il 1833 e il 1838, ha vissuto alterne vicende, finché nel 2008 non è stato aperto al pubblico. Da allora ospita mostre d’arte e di architettura di portata regionale e internazionale e diverse manifestazioni. La mostra permanente "Cattedrale nel deserto" offre sguardi nella realizzazione del Forte e negli effetti che questa ha avuto sulla zona circostante. Al suo areale appartiene anche il Bunker n. 3, che si nasconde sotto un fitto strato di vegetazione in un tratto di bosco sul suo perimetro orientale e si può visitare su prenotazione.

Museo

Il GEOMuseo di Redagno, allestito nell’edificio "Peter Rosegger", situato nei pressi della chiesa di Redagno di Sopra, espone i più importanti reperti fossili provenienti dal GEOPARC Bletterbach e le sue caratteristiche rocce.

Museo

Il GEOPARC Bletterbach rientra nelle Dolomiti Patrimonio Mondiale Unesco e si estende su una superficie complessiva di 818 ettari. Nel suo paesaggio unico si trovano fossili di piante e orme di sauri. Nell’areale e nel centro visitatori sono illustrate questa particolare geologia e geomorfologia.

Museo

Realizzato nel 1940-41 dal regime fascista per scopi difensivi, il bunker è un’impressionante fortificazione sotterranea su più piani costituita da una lunga rete di gallerie che collegano postazioni di tiro e ampi spazi interni. Nella parte iniziale è allestita una galleria espositiva di immagini (Gampen Gallery), mentre l’interno ospita tra l’altro un’esclusiva collezione di minerali.

Galleria d arte

Il Giardino di sculture di Sieglinde Tatz Borgogno all'interno di un piccolo terreno boschivo a Pochi di Salorno è il risultato di una lunga e intensa fase creativa dell'artista. Vi si possono ammirare e toccare centinaia di figure femminili e alcune figure maschili, fatte prevalentemente di bronzo e di dimensioni diverse, alcune molto piccole, altre molto grandi, sedute, sdraiate, in piedi. Il giardino inoltre regala un panorama stupendo sulla sottostante Val d'Adige. Ulteriori informazioni presso l'Ufficio turistico Castelfeder.

Galleria d arte

Il Kunstforum Unterland - Galleria della Comunità Comprensoriale Oltradige/Bassa Atesina presenta, nei suoi spazi medievali sotto i portici di Egna, mostre d'arte contemporanea di caratura sia locale che internazionale. Diverse posizioni artistiche vengono presentate attraverso sei appuntamenti annuali. La galleria è diventata un punto d'incontro e di riferimento per gli operatori e amanti del settore.

Museo

Questo museo a 2.275 metri di altitudine, in cima al Plan de Corones nei pressi di Brunico, nelle Dolomiti, è dedicato alla fotografia di montagna. Il percorso si snoda su 1.800 metri quadrati e quattro piani, alla scoperta della storia della fotografia di montagna dagli inizi ad oggi, e propone opere artistiche di fotografi e fotografe da tutto il mondo, fotografie storiche, innovazioni digitali, mostre temporanee e allestimenti scenografici.

Museo

Sito nei locali della parrocchia di Lappago, il museo permette di conoscere l’acqua con tutte le sue qualità e i suoi segreti e richiama l’attenzione su ciò che è casuale e marginale, ovvero sulle piccole cose che si incontrano nella natura.

Museo

Guide con una formazione specifica sul tema del marmo presentano curiosità e informazioni interessanti sulla genesi, la storia, la pericolosa estrazione e la lavorazione dell’“oro bianco”, il pregiato marmo di Lasa. Tutti i giorni diverse visite guidate partono direttamente dalla stazione ferroviaria di Lasa.

Galleria d arte

Aperta tutto l'anno, Merano Arte presenta nei suoi 500 mq di superficie espositiva, distribuita su tre piani, le ricerche contemporanee più attuali in ambito di arte figurativa, architettura, letteratura, musica, fotografia e nuovi media. La struttura è gestita dall'associazione culturale Merano Arte che in collaborazione con istituzioni pubbliche e partner privati ne organizza la programmazione.

Museo

Situato sul Plan de Corones (2275 m), al margine del più spettacolare altopiano panoramico dell’Alto Adige, il MMM Corones è dedicato all’alpinismo tradizionale, disciplina che ha plasmato ed è stata plasmata in maniera decisiva da Reinhold Messner. La vista mozzafiato sulle Alpi, che si gode dall’inconfondibile edificio progettato da Zaha Hadid, è parte integrante dell'esperienza museale: lo sguardo spazia in tutte e quattro le direzioni cardinali, anche oltre i confini provinciali, dalle Dolomiti di Lienz a est fino all’Ortles a ovest, dalla Marmolada a sud fino alle Alpi della Zillertal a nord.

Museo

Il cuore del circuito museale ideato da Reinhold Messner trova spazio tra le antica mura di Castel Firmiano, rese accessibili da una struttura moderna in vetro e acciaio. Il percorso espositivo si snoda tra le torri, le sale e i cortili della rocca, offrendo al visitatore una visione d'insieme dell'universo montagna. Opere, quadri, cimeli e reperti naturali raccontano lo stretto rapporto che unisce l'uomo alla montagna, l'orogenesi delle catene montuose ed il loro disfacimento, il legame tra montagna e religione, la maestosità delle vette più famose del mondo, la storia dell'alpinismo dagli inizi fino all'odierno turismo alpino.

Museo

Arroccato su un'altura nella splendida val Venosta, Castel Juval ospita il museo che Reinhold Messner ha voluto dedicare al “mito” della montagna. Per molti popoli in tutto il mondo la montagna è sacra, dall'Olimpio all'Ararat, dal Sinai al Kailash, dal Fujiama in Giappone all'Ayers Rock in Australia. Il museo custodisce una raccolta di dipinti con vedute delle grandi montagne sacre, una preziosa collezione di cimeli tibetani e di maschere provenienti dai cinque continenti, la stanza del Tantra e, nei sotteranei, le attrezzature usate da Reinhold Messner nelle sue spedizioni. Nei pressi del museo, bello ed emozionante, si possono visitare i vigneti in pendenza dell'azienda agricola Unterortl e la trattoria Schlosswirt Juval che serve piatti tipici.

Museo

Dedicato al tema del ghiaccio e allestito in una moderna struttura sotterranea, il museo è situato a Solda, a 1900 metri di quota, ai piedi dalla vedretta dell'Ortles, che la famosa carta del Tirolo disegnata nel 1774 da Peter Anich indicava come la “Fine del mondo”. Nel MMM Ortles incontriamo il terrore del ghiaccio e dell'oscurità, i miti dell'uomo delle nevi e del leone delle nevi, il white out e il terzo polo, in un viaggio attraverso due secoli di storia degli attrezzi da ghiaccio, dello sci, dell'arrampicata su ghiaccio e delle spedizioni ai poli. MMM Ortles espone la più vasta collezione di dipinti con vedute dell'Ortles. La trattoria Yak&Yeti, situata accanto al museo, propone specialità delle montagne sudtirolesi e himalayane.

Museo

Nel Castello di Brunico, situato sulla collina a sud del capoluogo della val Pusteria, Reinhold Messner ha allestito il penultimo dei suoi sei musei dedicati alla montagna. Circondato da masi contadini, il castello ospita il museo dei popoli di montagna. Dal museo MMM Ripa (in lingua tibetana “ri” sta per montagna e “pa” per uomo) si gode una splendida vista su Plan de Corones, luogo di forte richiamo turistico, sul paesaggio rurale della valle Aurina e sulle Alpi della valle di Zillertal. Il moderno alpinismo è nato 250 anni fa, ma è da più di 10.000 anni che l'uomo abita e frequenta i rilievi montuosi. Da principio ci si recava per cacciare, poi per condurre mandrie e greggi di pascolo in pascolo, quindi vi si stabilì per lavorare la terra e allevare bestiame. Stabilitisi tra i fondali delle valli e i pascoli estivi, i popoli di montagna hanno saputo sviluppare una propria arte della sopravvivenza, una cultura che, al contrario della cultura urbana, si basa sulla responsabilità personale, sulla rinuncia al consumo, sul mutuo aiuto. È a questo modo di vivere, che solo all'osservatore superficiale può apparire diverso da luogo a luogo, che Reinhold Messner dedica il museo MMM Ripa.

Museo

Nel medioevo la miniera di Villandro era annoverata tra le aree di estrazione del minerale più significative del Tirolo. Dopo la sua chiusura all’inizio del XX secolo cadde nell’oblio. Con un faticoso lavoro, l’Associazione culturale e museale di Villandro l’ha resa nuovamente accessibile al pubblico. È possibile visitare diverse gallerie nell’ambito di visite guidate.

Museo

Il Mondo del Loden presenta ai visitatori l’intero processo che dalla pecora porta al capo di abbigliamento finito. Utensili storici raccontano la storia della produzione delle stoffe, l’attività di filatura delle donne, i viaggi dei venditori ambulanti di panni e la follatura del Loden.

Museo

La zona di Aldino era un tempo sede di innumerevoli mulini, brillatoi e pestini, poiché la coltivazione dei cereali rappresentava la più importante fonte di sostentamento. Lungo il rio Thal ora alcuni di essi, riattivati, sono accessibili al pubblico.

Galleria d arte

Nel 2017 il magistrato, imprenditore e collezionista bolzanino Josef Kreuzer donò alla Provincia di Bolzano la sua collezione di oltre 1.500 opere di circa 300 artisti del Tirolo, dell’Alto Adige e del Trentino, insieme al palazzo che la ospita in pieno centro storico a Bolzano, a condizione di farne un museo accessibile al pubblico. A pianterreno è stato ricavato un ambiente per mostre temporanee d’arte, lo Spazio Eccel Kreuzer.

Museo

Il Museo Mansio Sebatum è dedicato all’insediamento romano di San Lorenzo. I reperti esposti offrono una panoramica della vita nell’antica stazione di sosta di “Sebatum”, con le sue terme, il suo mercato e i suoi scambi, oltre che dei riti funebri e del mondo delle divinità dei Romani.

Museo

Il museo espone schizzi e bozzetti dei numerosi affreschi, oltre a studi, acquerelli e lavori di grafica del famoso pittore sudtirolese Rudolf Stolz (1874–1960), nonché dipinti del fratello Albert Stolz e propone ogni anno mostre temporanee con opere di artisti prevalentemente di area tirolese.

Museo

Il museo Uomo nel tempo ripercorre la vita dell’uomo in Alto Adige dall’età della pietra fino al recente passato. Le diverse epoche sono rappresentate attraverso innumerevoli oggetti originali, esperimenti e animazioni. Mostre temporanee a cadenza annuale offrono sguardi nell’ampia collezione.

Museo

Il museo illustra la storia naturale e culturale della Val Gardena: nascita delle Dolomiti, antiche testimonianze archeologiche, una collezione di sculture lignee gardenesi, vita e opere di Luis Trenker, regista e attore di film di montagna, la tela quaresimale di San Giacomo e la camera da letto “Bierjun” del tardo Medioevo.

Museo

Sito al secondo piano della Residenza Lächler, sopra l'associazione turistica, il museo intende essere un centro di ricerca, documentazione e informazione sul costume tradizionale ("Tracht") di Castelrotto e sulla sua storia. Espone costumi tradizionali del XVIII, XIX e XX sec. e parti di essi nonché una ricca raccolta di immagini storiche. Ospita mostre temporanee, organizza visite guidate, conferenze e corsi e collabora con associazioni del settore.

Museo

In questo museo privato della famiglia Schmid, attrezzi e utensili illustrano lo sviluppo della viticoltura e della lavorazione del vino, della lotta antiparassitaria e dell’agricoltura nel Burgraviato, nonché la tradizione della produzione dello speck.

Museo

Nel museo della Collegiata l’arte sacra della chiesa, il tesoro del Duomo, i libri risalenti ai sec. XV–XVIII e una significativa raccolta di manoscritti sono testimonianza dell’attività intellettuale e spirituale della più antica Collegiata del Tirolo. Nella seconda sede, ovvero nel Convento dei Francescani (via P.-P.-Rainer 15, 39038 San Candido) invece sono esposti numerosi reperti archeologici di San Candido risalenti ai secoli dell’Impero romano e una collezione di oggetti folkloristici.

Museo

Il museo conduce in un viaggio nel passato all’interno di un’abitazione dell’antica borghesia brissinese con i suoi sontuosi rivestimenti lignei, gli affreschi unici e le originali stufe ad olle. Nella sede della Farmacia Peer si è conservato un prezioso tesoro fatto di rari oggetti, che narrano con la loro molteplicità e fantasia «l'arte di curare». Allo stesso tempo questo piccolo gioiello museale rappresenta una perla di rara bellezza per gli amanti dell’architettura e dell’arte moderna.

Museo

Il Museo della Scuola di Bolzano è stato concepito come museo aperto. Gli oggetti esposti (materiali didattici, fotografie, documenti, arredi, cartelloni) rispecchiano la storia delle tre culture di questa terra, in un incontro tra esperienze personali e vicende collettive.

Museo

Attraverso abiti, accessori, oggetti di uso quotidiano e curiosi, il Museo delle Donne descrive la storia della donna e il suo ruolo sociale ieri e oggi. Ogni anno organizza mostre temporanee su temi che riguardano le donne e manifestazioni correlate.

Museo

Situato nell’antica residenza urbana e sede degli uffici amministrativi dell’imperatore Massimiliano I, il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige illustra la storia naturale e paesaggistica dell’Alto Adige, uno dei territori più multiformi d’Europa. Su una superficie espositiva di circa 1.000 mq, il museo consente di scoprire – in una sorta di viaggio nel tempo scandito da plastici, diorami e postazioni sperimentali e multimediali – i momenti più importanti delle origini della terra e della nascita e dello sviluppo dei vari ambienti naturali. Il piano terra ospita regolarmente mostre temporanee. Il museo gestisce anche il Planetario "Alto Adige" di San Valentino in Campo (Cornedo all'Isarco), vero e proprio simulatore stellare il cui sistema tecnologico permette di ricreare il moto dei pianeti e delle stelle sfruttando la tecnologia 3D.

Museo

Nel museo allestito nell’edificio della sinagoga, documenti e oggetti offrono testimonianze della comunità ebraica formatasi a Merano tra fine ‘800 e inizio ‘900 e accompagnata fino agli anni ’30 da un fiorente turismo ebraico.

Museo

Il Museo locale espone opere di arte sacra che rispecchiano le forme di devozione religiosa e artistiche del barocco e del rococò. Un gioiello particolare è il tesoro del maso Thal. Il museo conserva anche dipinti, sculture lignee, monete e medaglie provenienti da collezioni private.

Museo

Nell’antica sede del Magistrato Mercantile i preziosi oggetti d’arredo del XVIII sec., i dipinti di pittori barocchi e i documenti originali testimoniano la tradizione delle fiere di Bolzano, centro mercantile di fama internazionale.

Museo

Il museo è il risultato di un impegnativo lavoro di ricerca e raccolta durato diversi decenni nelle Alpi di Ziller (Aurine) e negli Alti Tauri ed espone circa 1.000 esemplari di minerali. Oltre ai più grossi quarzi affumicati trovati nella nostra regione, merita particolare attenzione un rarissimo cristallo di rocca “ritorto”, tra i più belli venuti alla luce finora e ritrovato nella miniera di Predoi. La sezione multimediale presenta la nascita dei minerali, la loro ricerca e il faticoso recupero, infine l’azione terapeutica di molti di essi.

Museo

Il museo, ampliato di recente, custodisce la collezione mineralogica composta dai famosi geodi di Tiso, cristalli di rocca e altri minerali della zona alpina, raccolti dal collezionista Paul Fischnaller. Le famiglie possono cercare geodi insieme al collezionista.

Museo

La Torre Bianca, uno dei simboli di Bressanone, ospita un museo che, a partire da vari modelli, racconta il suo significato di torre cittadina e campanaria. Propone inoltre campane in miniatura, l’interno dell’originale globo del campanile e il ruolo dei guardiani del campanile.

Museo

Il museo propone una cinquantina di opere di arte sacra, allestite con cura. Le statue, i dipinti e gli altri tesori esposti conducono attraverso oltre 700 anni di storia regionale. Dal 1984 il museo parrocchiale è ospitato nel granaio gotico, nell’angolo nord-est del giardino della canonica. Sopra il portone d’entrata è incisa la cifra 1559, data di ristrutturazione dell’edificio.

Museo

L’attività mineraria ha caratterizzato per secoli e fino ai nostri giorni non solo il paesaggio, ma anche la vita degli abitanti delle Alpi centrali. Nell’antico Granaio di Cadipietra le mostre temporanee raccontano ai visitatori i loro volti e le loro storie. Attraverso immagini di minatori al lavoro nei secoli passati nelle miniere di Ridanna/Monteneve e di Predoi la mostra in corso “Ritratti. Gente di miniera” presenta i loro ritratti e racconta con brevi biografie la loro vita. Immagini, testi, registrazioni audio e diversi oggetti personali permettono di ridare un volto e una voce a imprenditori minerari e minatori, ma anche alle donne impiegate nella miniera.

Museo

A Predoi dal 1996 è possibile effettuare, a bordo di un trenino, una suggestiva visita guidata vestiti con elmetto e cerata alla galleria “ Sant’Ignazio”, lunga oltre 1 km. Da essa ancora oggi si estrae rame di cementazione: il particolare impianto è visibile e perfettamente funzionante. All’interno comincia l’avventuroso percorso guidato di 350 m, disseminato di rappresentazioni di scene lavorative. Il centro climatico si trova a ca. 1.100 m nel cuore della montagna e si presenta come luogo di quiete, distensione e rigenerazione.

Museo

La sede di Ridanna fu costruita 150 anni fa ed è una testimonianza unica del periodo della rivoluzione industriale. Nell’impianto di arricchimento del minerale a Masseria, dotato delle tecnologie più moderne per l’epoca, i visitatori possono toccare con mano l’intero processo di produzione grazie a macchinari funzionanti. Il più lungo sistema di trasporto minerario al mondo, composto di piani inclinati e binari per il traino con i cavalli che si estendono dal distretto in alta montagna alle gallerie di Monteneve, ma anche i grandi bacini di flottazione e i potenti macchinari fanno intuire sia le dimensioni impressionanti sia le difficoltà dell'attività estrattiva e invitano il visitatore ad un viaggio nel tempo tornando alla rivoluzione industriale in campo minerario.

Museo

Il Museo degli usi e costumi di Teodone illustra la vita della società rurale in epoca preindustriale, dal nobile al contadino fino al bracciante. Al centro si trova la residenza barocca Mair am Hof (costruita alla fine del XVII secolo) con le sale padronali e le collezioni etnografiche. Nell’area all’aperto di oltre tre ettari, i masi contadini originali, le officine degli artigiani, gli orti agricoli e gli animali domestici raccontano la vita quotidiana di una volta.

Museo

Il Museo provinciale del vino si trova nel centro di Caldaro, in quello che fu l’edificio amministrativo della signoria Caldaro-Laimburg. Il museo offre uno sguardo sulla storia della viticoltura in Alto Adige: dagli attrezzi storici che accompagnavano l’annata lavorativa del viticoltore, fino alle rappresentazioni religiose che illustrano il rapporto tra vino e religione. Nel piccolo vigneto del museo si coltivano oltre 30 vitigni diversi le cui uve si possono assaggiare in autunno.

Museo

Il bunker è un residuato degli anni '40 scavato nella roccia. Ospita una mostra sulla storia della valle dall’epoca glaciale al XX sec. e presenta, come punto informativo del Parco naturale del Gruppo di Tessa, le specificità naturali della zona. Il museo, fondato nell'aprile del 2010, da gennaio 2017 viene gestito dalla neocostituita associazione MuseumHinterPasseier.

Museo

La struttura museale Timmel_Transit è stata inaugurata nel 2018 in una ex caserma sul valico del Rombo. Essa intende integrare il Museo del Passo, che si trova in territorio austriaco, e completare il percorso dell’“Esperienza Passo Rombo” – sei piccole stazioni museali lungo la strada alpina del Passo Rombo. Attraverso immagini, pannelli e filmati con interviste a testimoni d’epoca, la mostra permanente tematizza la storia della costruzione della strada del Passo Rombo sul versante altoatesino. Timmel_Transit include anche un archivio digitale con quasi 3.000 documenti e immagini relative alla realizzazione della strada del Passo Rombo, conservato al Bunker Mooseum e in parte ancora in elaborazione.

Museo

Ciastel de Tor, famoso per la sua caratteristica torre e nel XIII secolo sede del giudizio “Thurn an der Gader”, è luogo di riferimento della cultura degli oltre 30.000 ladini, uniti nella loro identità da due elementi essenziali: la lingua derivata dal latino volgare e lo straordinario paesaggio montuoso delle Dolomiti. Dal 2001 il ?iastel ospita il Museo provinciale ladino. Esso fornisce preziose informazioni sulla geologia, archeologia, storia, lingua, sul turismo e artigianato artistico delle cinque valli ladine.

Museo

Il museo è dedicato all’orso preistorico delle caverne di 40.000 anni fa e alla geologia delle Dolomiti. Illustrano gli aspetti dell’”Ursus ladinicus” e del suo habitat numerosi reperti originali – ossa, denti, crani – e installazioni video. Nel piano interrato si trova la ricostruzione della grotta delle Conturines, luogo di ritrovamento dell’Ursus ladinicus, con una ricostruzione dell’orso delle caverne in letargo e dell’orso bruno M12 (Mico).

Museo

In occasione della costruzione del centro anziani sono venute alla luce straordinarie testimonianze di epoca romana: un edificio riccamente affrescato con sala colonnata e una massiccia struttura, probabilmente la base di un tempio o di un monumento. Ad oggi sono i resti archeologici più importanti di Pons Drusi, la Bolzano di epoca romana.

Museo

Dal 2015 il Palais Mamming Museum – che presenta le collezioni del Museo Civico di Merano – è ospitato nella nuova sede di piazza Duomo, in un palazzo barocco ristrutturato recentemente. La collezione fornisce una panoramica sull'evoluzione storica della città. Il percorso, a sviluppo circolare, ha inizio dalla preistoria e protostoria, toccando via via tutti gli ambiti, fino all’arte del XX secolo. Ciò che contraddistingue il fascino particolare di questa collezione sono anche alcuni pezzi “esotici” e curiosi, tra cui una mummia egizia, la collezione d’armi sudanesi di Slatin Pascha, una macchina da scrivere di Peter Mitterhofer e una maschera funebre di Napoleone.

Museo

Promosso dall’Autostrada del Brennero spa, il Plessi Museum è il primo spazio museale in autostrada in Italia. È segnato dalla presenza dell’installazione che l’artista Fabrizio Plessi aveva realizzato nel 2000, in occasione dell’Expo di Hannover, pensata per celebrare l’Euregio. È una scultura che unisce tre composizioni rappresentanti le province di Trento, Bolzano e Innsbruck. Il percorso espositivo raccoglie installazioni video, sculture e presenze grafico-pittoriche.

Museo

Il “Rohrerhaus”, menzionato già nel 1280 e uno dei maggiori masi della valle, è un luogo di incontro a carattere museale. Oltre a stube, cucina e un’altra piccola stube fanno parte del complesso anche il forno e il mulino.

Museo

La "serra III" di fine anni '50 della Floricoltura Schullian è l'ultima di questo tipo in Alto Adige. Al suo interno, l'artista Paul Thuile ha ideato una mostra permanente. Oggetti e fotografie d’epoca, testi, filmati e interviste presentano la storia dell’ortofrutticoltura, le vicende delle dieci più importanti ditte e famiglie che hanno fondato il settore in Alto Adige nonché ritratti dei maggiori protagonisti del suo sviluppo in questa terra negli ultimi 60 anni. Tra essi, spicca il fondatore della floricoltura che ospita l'esposizione, Franz Schullian.

Museo

Lo Speckworld Moser è situato in un edificio costruito in stile architettonico alpino e mostra la storia dello Speck. Si possono ammirare la tradizionale cucina, l’affumicatoio, l’originale mangiatoia per i maiali, l’antica siringa per le salsicce, un’antica bilancia e molti altri i utensili originali utilizzati nella produzione dello Speck. Diverse stazioni interattive e tavole informative illustrano l’antica e moderna produzione artigianale dello Speck, elargendo consigli per conservare al meglio il prodotto, per affettarlo in modo ideale e molto altro ancora. Immagini e ricette di piatti a base di Speck svelano inoltre le sue possibilità di utilizzo.

Museo

All’interno della Torre di Porta Sluderno, su due piani, sono illustrate le "Tappe di una piccola città". Temi centrali sono il commercio, la difesa, il mercato, le professioni nonché la ricostruzione e fortificazione della città di Glorenza nel XVI sec.

Museo

Un tempo residenza estiva dell’imperatrice Elisabetta d’Austria, meglio nota come Sissi, Castel Trauttmansdorff oggi ospita il Touriseum, il Museo provinciale del Turismo, il primo in tutto l’arco alpino specializzato nella storia del turismo. Il Touriseum, circondato dallo spettacolare orto botanico di Castel Trauttmansdorff, offre un emozionante viaggio nel tempo alla scoperta dei 200 anni di tradizione turistica del Tirolo, attraverso un percorso arricchito di pannelli illustrati. Il visitatore, proiettato nel passato, rivive l’atmosfera del tempo sia dal punto di vista dei villeggianti sia da quello della popolazione locale.

Museo

Il museo è dedicato alle specificità della Val Venosta, come il sistema di irrigazione con i canali detti “Waale”, l’archeologia nel “magico triangolo retico” (siti del Ganglegg e del Tartscher Bühel) e il tema degli “Schwabenkinder” (bambini costretti a lavorare in Germania meridionale).

Museo

Nel 1905 Franz Fromm, commerciante di origini tedesche, si trasferì a Merano, dove diversi anni dopo acquistò Villa Freischütz. Essa divenne per Fromm il definitivo approdo per sé e la sua famiglia e il forziere per la sua collezione di tesori artistici raccolti con passione. È grazia a sua nipote Rosamaria Navarini (1926-2013) se questa collezione si è potuta conservare fino ai giorni nostri. Nel suo testamento, dispose che questi tesori diventassero fruibili al pubblico nella villa. Costruita nel 1909, Villa Freischütz rappresenta un significativo esempio di edificio dell’"età dell’oro" della città di cura e custodisce una varia e preziosa collezione di opere d’arte e d’arte applicata. L’intreccio degli oggetti e delle singole storie presentati nella mostra traccia un ritratto di una tipica famiglia borghese dell’epoca.

Galleria d arte

L'ar/ge kunst è il Kunstverein (Associazione artistica) di Bolzano. Il nome – un’abbreviazione di Arbeitsgemeinschaft, comunità di lavoro - indica l’obiettivo di promuovere un’idea di lavoro collettivo intorno ai linguaggi dell’arte contemporanea e alla loro relazione con discipline quali l’architettura, il design, le arti performative e il cinema. L’istituzione produce e presenta pratiche artistiche regionali, nazionali ed internazionali e, attraverso esse, conduce una ricerca critica sul ruolo dell’arte in rapporto alla sfera sociale e politica. Negli ultimi anni ar/ge kunst ha rivolto la propria indagine sull’idea di mostra come medium e ha sviluppato workshop, residenze, lecture e performance.

Museo

Il parco-museo didattico vicino al luogo di ritrovamento di Ötzi spiega come fu trovato l’Uomo venuto dal ghiaccio e come viveva 5300 anni fa. Nelle mostre spiccano le ricostruzioni delle capanne neolitiche e dell’equipaggiamento di Ötzi. A famiglie e amanti di tecniche artigianali antiche è consigliata la visita dei percorsi 2 e 3 (area laboratori, pontile canoa monossile e area tiro con l’arco).

Castello

Visita del castello Castel Mareccio è principalmente un centro eventi, che può essere affittato per diversi occasioni come congressi, mostre, concerti, matrimoni... Però è anche uno dei gioielli storico-artistici di Bolzano da non perdere! E può essere visitato nei giorni nei quali NON ci sono manifestazioni. Come tanti castelli medievali, anche Castel Mareccio venne ampliato nel corso del 1500. Oggi si possono vedere le sale affrescate e salendo nella torre si può ammirare il panorama a 360°. Prezzo d'ingresso: 5€ Orario per le visite: ore 9-12.45 (ultimo ingresso 12) e 14-17 (ultimo ingresso 16.15) Contattateci per maggiori informazioni: (+39) 0471 976615 oppure mareccio@mareccio.info

Castello

Arroccato su un’erta parete rocciosa sopra il comune di Appiano sulla Strada del Vino, troneggia maestoso Castel d’Appiano. Da qui, a 636 m s.l.m., lo sguardo spazia libero sull’intera Val d’Adige, l’Oltradige e la conca di Bolzano, posandosi su un idilliaco panorama in cui spiccano gli incantevoli vigneti – tratto distintivo di questo angolo dell’Alto Adige –, il profilo delle Alpi dell’Ötztal e le pallide vette delle Dolomiti. Castel d’Appiano ha alle spalle una lunga e interessante storia. Costruito nel 1130 dal conte Ulrico II, divenne presto una delle fortezze più significative e delle dimore più prestigiose della regione. Tutt’oggi, chi da vicino o da lontano osserva il castello prova un senso di soggezione alla vista del mastio pentagonale, che con i suoi 23 m di altezza si eleva verso il cielo. Nel suo nuovo ruolo di meta escursionistica distante poco meno di un’ora a piedi da Missiano, Castel d’Appiano ha moltissimo da offrire a giovani e anziani, amanti della natura e della buona tavola: dalla taverna, in cui si servono deliziosi piatti tipici, alla cappella, massima espressione della ricchezza culturale del maniero, fino al percorso per tiro con l’arco nei boschi circostanti alla rocca. Il Castello Hocheppan è aperto ogni giorno dalle ore 10.00 alle 18.00 (mercoledì giorno di riposo, ad ottobre nessun giorno di riposo). Visite guidate in italiano, tedesco e inglese da luglio ad agosto dal giovedì alla domenica, a settembre tutti i giorni tranne il mercoledì e ad ottobre fino all’8 novembre tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 16.00. In caso di pioggia le visite guidate potrebbero essere sospese! Per maggiori informazioni sulle visite guidate, si prega di contattare l’Associazione Turistica Appiano scrivendo all’indirizzo di posta elettronica info@eppan.com o telefonando al numero +39 0471 662206.

Castello

Sulle orme dei signori del castello in Alto Adige Il Castel Tasso a Campo di Trens presso Vipiteno è uno dei castelli medioevali meglio conservati dell'Alto Adige. È ben protetto su una collina ed è accessibile tramite un breve sentiero. Il castello fu menzionato per la prima volta in documenti scritti nel 1100, fino alla metà del 13° secolo risiedeva il vescovo ministeriale che gestiva da lì la zona circostante. Nel 1469 è entrato in possesso dei Cavalieri Teutonici, fino al 1809. A seguito il castello è stato lasciato alla famiglia Thurn e Taxis, che è ancora proprietaria ed è tenuto in ottime condizioni. Particolarmente degne di nota all'interno del Castello Tasso sono la stanza di fumo, i dormitori dei soldati e dei servi, la stanza verde, le cui pareti sono decorate con bellissimi affreschi, la stanza delle torture, una prigione sotterranea e la vicina chiesetta di San Zeno. Visite guidate: Il castello può essere visitato solo nell'ambito di una visita guidata. Visitabile tramite audioguida, proprio smartphone(codice QR) o informazione scritta. - Costo del biglietto: bambini fino ai 6 gratuito, dai 6 anni 7 euro, adulti 9€ - Per gruppi con più di 15 persone richiediamo una prenotazione telefonica - Durata della visita: 1 ora circa - Sabato giorno di riposo, escluso la settimana di Ferragosto - Chiuso il 1 novembre Visite guidate alta stagione: 16 luglio - 10 settembre lun, mar, mer, gio, ven, dom 09:00 - 18:00

Castello

Il Castello di Monguelfo o Welsperg è il complesso fortificato più antico tra Brunico e Lienz e si trova a pochi minuti a piedi dalla località di Monguelfo, in cima ad una collina soleggiata. Il castello fu fatto costruire nel 1140 dai fratelli Schwikher e Otto von Welsperg. La signoria Von Welsperg fu una stirpe nobiliare potente ed influente, soprattutto con il Barone Guidobold Von Welsberg, che ricevette il titolo di conte da Leopoldo I. Dal Castello di Monguelfo i Signori Von Welsperg amministravano un ampio feudo. Per quanto riguarda il castello invece, il maschio antico e molto alto risale agli anni 1126-1140 ed è senza dubbio la parte più antica del castello – era perfetto per vedere in lontananza e osservare bene il territorio circostante. Solo poco tempo dopo furono costruiti la piccola cappella romanica, un fabbricato per la servitù e il palazzo. Tra il XV e il XVI secolo l'intero complesso fu ristrutturato e ampliato più volte. Purtroppo nel 1765 un incendio ha danneggiato gravemente il castello e ne ha distrutto alcune parti. Nonostante i restauri che seguirono, in seguito il castello non fu più abitato. Oggi il Curatorio del Castello di Monguelfo si occupa del complesso ed organizza ogni estate numerosi concerti, mostre e altri eventi.

Centro culturale

La piazza della cultura è il luogo d'incontro per antonomasia fra diversi linguaggi e culture. Il Centro Trevi rappresenta questa piazza nella provincia di Bolzano, piazza di passaggio di tutta la ricchezza e varietà del nostro territorio. Una piazza coperta in cui la parola possa fluire libera e dare inizio alla discussione. La piazza della cultura dell'Alto Adige è un luogo unico dove la Ripartizione Cultura italiana della Provincia autonoma di Bolzano può lavorare creando sinergie e nuovo interesse per l'intera cittadinanza. L'avvicinamento alla cultura, tramite l'incontro di diversi sguardi, va a formare una discussione costruttiva attorno a qualsiasi tema relativo ad arte, cinema, lingue, teatro, danza, musica. Tuttavia il Centro Trevi non è da pensare solamente come luogo fisico, ma anche virtuale, in quanto si impegna nell'avvicinamento alla cultura tramite i canali social. Per questo motivo, anche l'attività online - su Facebook, Instagram, Spotify e Medium - diventa parte integrante dell'esperienza collettiva.

Teatro

TidA – Il Theater in der Altstadt di Merano Dalla sperimentazione all’istituzione La storia del Theater in der Altstadt ha inizio nel secolo scorso ed è nata dal sogno di uno studente di ritorno da Vienna e dal suo incontro con un gruppo di irriverenti e coraggiosi teatranti amatoriali. Erano tempi di cambiamenti sociali e di forti tensioni artistiche e creative. Furono inizi pieni di entusiasmo e di uno spirito innovatore. La strada è stata lunga e a volte impervia, ma il risultato è ragguardevole…

Cinema

La nostra associazione, nata alla fine degli anni settanta, attualmente gestisce un cinema a 3 sale a Bolzano, con programmazione giornaliera. L’offerta cinematografica si concentra principalmente sui film d’essai, presentati in lingua italiana, tedesca e nella versione originale con sottotitoli.

Teatro

Per un lungo periodo il gruppo della "Kleinkunstszene” di Bolzano ha cercato una nuova sede adeguata alle proprie esigenze. Aveva già organizzato con grande successo numerose produzioni teatrali come "Wilhelm Tell” e "Frank und Stein”, così come cinque edizioni del Festival Cabarena nel cortile del Museo d’arte moderna. Vi era quindi il desiderio di trovare un luogo adeguato alle proprie esigenze. Ed in effetti, dopo lunghe ricerche, venne trovato un luogo adatto. Si trattava della cantina a volta di un magazzino di ferramenta in via Argentieri, 19 nel cuore della città vecchia. Il 10 maggio del 1996 il Piccolo Teatro Carambolage venne ufficialmente inaugurato. I membri fondatori sono Gabi Veit (presidente dal 1996 al 2008), Erwin Egger, Günther Gramm e Manfred Schweigkofler. Sin dall’inizio si sono avvicendate sul palcoscenico del Carambolage rappresentazioni teatrali di cabarettisti di fama internazionale e di artisti locali. Un programma musicale selezionato, l’accogliente atmosfera e la buona acustica del Piccolo Teatro hanno fatto il resto ed avvicinato al Carambolage anche un pubblico di lingua italiana. Il Piccolo Teatro Carambolage organizza circa 100 rappresentazioni ogni stagione ed offre al proprio pubblico un programma ricco e molto diversificato. Ogni anno sono circa 8.000 gli spettatori che frequentano il Piccolo Teatro e fruiscono di questa offerta culturale così variegata: cabaret, concerti, rappresentazioni teatrali, mostre e serate letterarie.

Sala polifunzionale

Cosa facciamo? Facciamo tutto ciò che le fiere hanno sempre fatto e che devono fare anche in futuro: facciamo convergere domanda e offerta di un settore produttivo. Tutto qui. Ma per quanto semplice possa sembrare, in realtà è un compito assai complesso, poiché occorre fare in modo che gli espositori giusti incontrino i visitatori giusti, creando un’atmosfera che favorisca lo scambio di idee ed elaborando un programma di informazione che dia valore aggiunto al settore e proponga modi nuovi per affrontare problemi condivisi. Ogni anno alle nostre rassegne oltre 3.000 espositori incontrano più di 230.000 visitatori! Come tutti i compiti difficili, non sempre riesce alla perfezione ma ogni volta lo affrontiamo con tutta la nostra passione per l’attività fieristica e ponendo in primo piano le esigenze dei clienti con correttezza e tempestività, e "last but not least" con simpatia. Siamo un’impresa amministrata in base ai criteri di gestione di un’azienda privata, ma tenendo ben presenti gli obiettivi dei nostri azionisti principali. Ci consideriamo quindi un’impresa di proprietà pubblica, non ispirata a mere finalità di lucro, ma consapevole di essere parte integrante dell’infrastruttura economica del proprio territorio e di doverla promuovere. Da diversi decenni siamo punto d’incontro e interlocutori essenziali per le imprese altoatesine e ci adoperiamo per fornire un contributo attivo allo sviluppo di nuovi settori di competenza per il tessuto produttivo del territorio. Abbiamo una spiccata sensibilità per le nuove tendenze e i mercati che ne possono scaturire: le nostre fiere e i nostri congressi vertono infatti sulle punte di diamante dell'economia locale, che contribuiamo a far crescere. Due esempi per tutti: la melicoltura o l’edilizia sostenibile. Come Fiera Bolzano siamo gli eredi di una tradizione di scambio di beni e di idee nell'arco alpino antica di secoli, se non di millenni. Oggi diamo continuità a questa tradizione nel contesto bilingue e biculturale dell’Alto Adige, a cavallo delle aree economiche e produttive germanofone e italiane, creando opportunità concrete per diffondere conoscenze e professionalità fra il Nord e il Sud dell’Europa. Nelle rassegne fieristiche che organizziamo fuori provincia – in Italia centrale e meridionale così come in Cina – diventiamo ambasciatori dell’Alto Adige, comunicando all'esterno le nostre competenze d’eccellenza.

Inserisci i tuoi eventi sul primo e più amato calendario di eventi dell'Alto Adige!

HAI GIÀ UN ACCOUNT?

ACCEDI

NON HAI ANCORA UN ACCOUNT?

Non perderti i migliori eventi in Alto Adige!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE

Vuoi vedere i tuoi eventi pubblicati sul nostro magazine?

RICEVI UN AVVISO AL MESE PER LA CHIUSURA REDAZIONALE

Vuoi promuovere i tuoi eventi o la tua attività? Siamo il tuo partner ideale e possiamo proporti soluzioni e pacchetti su misura per tutte le tue esigenze.

VAI ALLA SEZIONE PUBBLICITÀ

CONTATTACI DIRETTAMENTE

INSIDE EVENTS & CULTURE

Magazine mensile gratuito di cultura, eventi e manifestazioni in Alto Adige-Südtirol, Trentino e Tirolo.
Testata iscritta al registro stampe del Tribunale di Bolzano al n. 25/2002 del 09.12.2002 | Iscrizione al R.O.C. al n. 12.446.
Editore: InSide Società Cooperativa Sociale ETS | Via Louis Braille, 4 | 39100 Bolzano | 0471 052121 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..